Orion the Hunter
Orione è la mia costellazione preferita. Quando riappare nel cielo in autunno inoltrato, è come il ritorno di un vecchio amico.

Non sono solo nella mia devozione, perché questo gruppo di stelle ha figurato nel mitico paesaggio dell'umanità per migliaia di anni. Le antiche civiltà - sia ad est che a ovest - l'hanno osservato, e fa parte delle tradizioni native americane e dell'astronomia aborigena australiana. Tuttavia il nome Orione deriva dalla mitologia greca dove era un gigante e un cacciatore.

Sette stelle luminose formano il corpo di Orione, che lo rende visibile anche in città. Sono etichettati in verde su questa meravigliosa immagine di Orione di R. Gendler e S. Guisard. Ed ecco una rappresentazione di Orione da un'opera dell'inizio del XIX secolo Lo specchio di Urania. Puoi vedere il suo club rialzato.

Le tre stelle della "cintura" equidistanti sono facili da individuare nel cielo. Quindi sono due stelle molto brillanti di cui puoi distinguere i colori anche senza binocoli. Rigel (RYE-jell) è un supergigante blu che forma il piede sinistro del cacciatore e Betelgeuse (succo di barbabietola), un supergigante rosso, è la sua spalla destra.

Tuttavia, una delle caratteristiche più interessanti della costellazione non è così facile da vedere. Questa è la Grande Nebulosa di Orione (M42), una vasta nuvola di gas e polvere il cui diametro è più di dieci volte maggiore di quello del sistema solare. La nebulosa può essere vista ad occhio nudo come una chiazza confusa tra le due stelle che formano la "spada" che pende dalla cintura di Orione.

Osservando la nebulosa con un binocolo o un telescopio, puoi vedere le quattro stelle più luminose di un ammasso stellare noto come Trapezio. Queste sono le stelle che fanno brillare la nebulosa. Sono giovani stelle calde, perché la nebulosa è un asilo nido stellare. Contiene il materiale e ha le giuste condizioni per formare nuove stelle.

Mentre la nebulosa è il luogo di nascita delle stelle, Betelgeuse è un indicatore della loro scomparsa.

La maggior parte delle stelle che vediamo usano l'idrogeno come combustibile per le reazioni nucleari. Quando l'idrogeno si esaurisce, vengono utilizzati elementi più pesanti per il carburante. Questo produce più calore, quindi la stella si espande. Se Betelgeuse dovesse essere posto al posto del sole, si estenderebbe da qualche parte tra le orbite di Marte e Giove. Ma alla fine, tutto il carburante si esaurisce.

Per una stella delle dimensioni di Betelgeuse, la fine sarà un evento spettacolare. Un'esplosione di supernova, che libera tutta l'energia di un'intera galassia, diffonderà elementi pesanti nello spazio circostante. Questi saranno riciclati nella prossima generazione di stelle.

L'ultima supernova visibile ad occhio nudo si è verificata nel 1987 - si chiamava SN1987A ed era una caratteristica dei cieli meridionali da oltre un anno.

Gli astrofisici si aspettano che Betelgeuse esploda "presto". In effetti, dal momento che sono circa 700 anni luce di distanza, potrebbe già essere esplosa e stiamo solo aspettando che la luce arrivi qui. Ciò che stiamo vedendo ora è Betelgeuse com'era sette secoli fa. Comunque dovrei aggiungere che "presto" lo è relativamente presto, astronomicamente parlando, che potrebbe facilmente essere di 100.000 anni o molto più lungo.

Quando Betelgeuse diventa una supernova, sarà uno spettacolo magnifico, probabilmente la supernova più brillante mai registrata. La supernova del 1054, il cui residuo è la Nebulosa del Granchio in Toro, fu visibile alla luce del giorno per 23 giorni.

Mi piacerebbe vedere una supernova, ma ho sentimenti contrastanti su Betelgeuse. Per un po ', una supernova sarebbe una brillante spilla sulla spalla destra di Orione. Ma poi in seguito il mio caro vecchio amico sembrerebbe tristemente deformato, e sono sicuro che non sarei l'unico a mancare quella stella rossa brillante.

Istruzioni Video: Artemis & Orion: The Tragic Love Story - (Greek Mythology Explained) (Ottobre 2021).