Vivere con la malattia terminale
Questa è una testimonianza eccezionale di Tony Snow, segretario alla stampa presidenziale, e della sua lotta contro il cancro. La versione completa è disponibile su Internet e viene modificata per adattarsi allo spazio disponibile qui.

“Le benedizioni arrivano in pacchetti inaspettati, nel mio caso, il cancro. Quelli di noi con malattie potenzialmente fatali si trovano nella strana posizione di far fronte alla nostra mortalità mentre provano a capire la volontà di Dio. Anche se sarebbe l'altezza della presunzione dichiarare con fiducia "Che cosa significa tutto", le Scritture forniscono potenti suggerimenti e consolazioni.

"Il primo è che non dovremmo passare troppo tempo a cercare di rispondere alle domande sul perché:
Perché io?
Perché le persone devono soffrire?
Perché qualcun altro non può ammalarsi?
Non possiamo rispondere a queste cose e le stesse domande spesso sono progettate più per esprimere la nostra angoscia che per sollecitare una risposta.

“Non so perché ho il cancro e non mi interessa molto. È quello che è, un fatto semplice e indiscutibile. Eppure, anche mentre si guarda allo specchio in modo oscuro, grandi e sorprendenti verità iniziano a prendere forma. Le nostre malattie definiscono una caratteristica centrale della nostra esistenza: siamo caduti. Siamo imperfetti. I nostri corpi cedono.

“Non sappiamo come finirà la narrazione della nostra vita, ma possiamo scegliere come utilizzare l'intervallo tra ora e il momento in cui incontriamo il nostro Creatore faccia a faccia.

“In secondo luogo, dobbiamo superare l'ansia.

“Il solo pensiero di morire può inviare inondazioni di adrenalina attraverso il tuo sistema. Un panico vertiginoso e sfocato ti afferra. Il tuo cuore batte; la tua testa nuota. Pensi al nulla e svenire. Hai paura delle separazioni; ti preoccupi dell'impatto su familiari e amici. Ti agiti e non vai da nessuna parte.

“Per riguadagnare il piede, ricorda che non siamo nati nella morte, ma nella vita - e che il viaggio continua dopo che abbiamo finito i nostri giorni su questa terra. Coloro che sono stati colpiti godono del privilegio speciale di essere in grado di combattere con la loro forza, forza e fede per vivere pienamente, riccamente, esuberante - non importa come possano essere contati i loro giorni.

“Terzo, possiamo aprire gli occhi e i cuori.

“Vogliamo vite di semplicità semplice e prevedibile: piste lisce e uniformi a perdita d'occhio. Ma a Dio piace andare fuori strada. Ci provoca con colpi di scena. Ci mette in situazioni che sembrano sfidare la nostra resistenza e comprensione - eppure non lo fanno. Con il suo amore e grazia, perseveriamo. Le sfide che fanno sussultare i nostri cuori e il nostro stomaco ribaltano invariabilmente la nostra fede e garantiscono misure di saggezza e gioia che non sperimenteremmo diversamente.

“La reazione naturale è rivolgersi a Dio e chiedergli di servire come Babbo Natale cosmico. 'Caro Dio, fai andare via tutto. Rendi tutto più semplice. ' Ma un'altra voce sussurra: "Sei stato chiamato." Il tuo dilemma ti ha avvicinato a Dio, più vicino a quelli che ami, più vicino alle questioni che contano, e ha trascinato in insignificante le preoccupazioni banali che occupano il nostro "tempo normale". Un momento chiarificatore di calamità ha spazzato via tutto ciò che è banale e minuscolo e ci ha posto la sfida di domande importanti. Nel momento in cui entri nella Valle dell'Ombra della Morte, le cose cambiano.

“Finalmente, possiamo lasciare che l'amore cambi tutto. Abbiamo ripetute possibilità di apprendere che la vita non riguarda noi, che abbiamo acquisito scopo e soddisfazione condividendo l'amore di Dio per gli altri. La malattia ci separa. Ci ricorda i nostri limiti e la nostra dipendenza. La maggior parte di noi ha osservato gli amici mentre si spostavano verso le braccia di Dio, non con rassegnazione, ma con pace e speranza. In tal modo, non ci hanno insegnato a morire, ma a vivere.

“Mi sono seduto accanto al letto del mio migliore amico qualche anno fa mentre un cancro in perdita lo portava via. "Proverò a sconfiggere [questo cancro]", mi disse diversi mesi prima di morire. "Ma se non lo faccio, ci vediamo dall'altra parte." Il suo dono è stato quello di ricordare a tutti quelli che lo circondano che anche se Dio non ci promette domani, ci promette l'eternità - pieno di vita e di amore che noi non riesco a capire, e che uno può indirizzare il resto di noi verso verità senza tempo che ci aiuteranno a resistere alle tempeste future.

“Attraverso tali prove, Dio ci offre di scegliere: crediamo o no? Saremo abbastanza audaci da amare, abbastanza audaci da servire, abbastanza umili da sottometterci e abbastanza forti da riconoscere i nostri limiti? Possiamo cedere la nostra preoccupazione per le cose che non contano in modo da poter dedicare i nostri giorni rimanenti alle cose che fanno?

“Quando la nostra fede si inarca, lancia promemoria sulla nostra strada. Pensa ai guerrieri di preghiera in mezzo a noi. Questo è l'amore per un ordine molto speciale. Ma lo è anche la capacità di sedersi e apprezzare la meraviglia di ogni cosa creata. Il semplice pensiero della morte rende in qualche modo vivida ogni benedizione, ogni felicità più luminosa e intensa. Potremmo non sapere come finirà la nostra lotta con la malattia, ma abbiamo sentito il tocco ineluttabile di Dio.

"Non sappiamo molto, ma sappiamo questo:
Non importa dove siamo,
non importa cosa facciamo,
non importa quanto cupe o spaventose le nostre prospettive,
ognuno di noi che crede giace nello stesso posto sicuro e inespugnabile, nella cavità della mano di Dio ”.

T. Snow

Shalom

Istruzioni Video: Il senso della vita spiegato da un uomo malato di SLA (Ottobre 2021).