Piante Velenose
Il termine piante velenose non è così semplice come sembra. Potrebbe essere più preciso chiamarli dannosi o tossici.

In alcuni casi, una parte di una pianta può essere tossica mentre altre sono commestibili. Prendi il rabarbaro, per esempio. A cottura ultimata, gli steli sono perfettamente sicuri. Tuttavia, le foglie non dovrebbero essere consumate. In alcuni casi, i frutti acerbi sono considerati velenosi. Tuttavia, una volta maturati, diventano sicuri da mangiare.

L'età della pianta può anche influenzare la sua tossicità. Ad esempio, le foglie di pokeberry appena emergenti vengono mangiate come verdure primaverili. Il fogliame giovane è sicuro finché si cambia l'acqua più volte durante il processo di cottura. Quando le foglie diventano mature, sono tossiche proprio come le bacche e le radici.

Una corretta preparazione può trasformare alcune parti di piante tossiche in verdure commestibili. La radice di manihot o yuca è un esempio. Allo stato grezzo, questo è velenoso se consumato.

Alcune piante tossiche sono le fonti di erbe medicinali. Bisogna sempre prestare attenzione quando si usano tali piante. In effetti, i dilettanti non dovrebbero usare quelli che sono noti per essere pericolosi. L'uso improprio o dosaggi impropri possono causare morte o gravi malattie.

In alcuni casi, tutte le parti di una pianta sono note per essere velenose. Un esempio ben noto è il rododendro. Anche il nettare dei fiori è tossico. Circa ogni anno circa le persone si ammalano mangiando miele di rododendro. Anche se non ho sentito parlare di casi negli Stati Uniti, questo in genere accade in Europa.

Alcune piante sono dannose. In altre parole, possono causare lesioni fisiche o dermatiti. Un esempio potrebbe essere l'ortica pungente e le squame irritanti sui bulbi di giacinto. Indossa maniche lunghe e guanti protettivi quando maneggi queste piante.

Inoltre, alcune specie possono causare fotosensibilità. Se sei esposto al sole dopo aver consumato o toccato la pianta, puoi avere una grave dermatite simile a un'ustione chimica.

Chiunque sospetti di essere vittima di avvelenamento da piante dovrebbe arrivare immediatamente al pronto soccorso. I medici possono chiamare un centro antiveleni se necessario. Non tentare l'autotrattamento a meno che non venga richiesto dal personale dei servizi medici di emergenza.

Per le risposte a tutte le vostre domande sulle piante nocive, vi rimando alla guida essenziale. La seconda edizione del "Manuale delle piante velenose e nocive" è di Lewis S. Nelson et al. Questo è stato pubblicato da Springer in associazione con il New York Botanical Garden.

I lettori possono imparare tutto sui singoli impianti. Queste piante sono disposte in ordine alfabetico per nome latino. Ogni profilo di pianta fornisce il nome comune, la descrizione della pianta, i luoghi dove trovato, i dettagli sulle tossine e le parti della pianta, i sintomi e le istruzioni per il personale medico su come trattare e gestire la malattia.

Questo libro di facile lettura sarà utile al grande pubblico e ai professionisti medici che curano e diagnosticano casi di avvelenamento.

Le sezioni introduttive spiegano tutto sui veleni vegetali e su come affrontarli. In quei casi in cui vengono consumate piante tossiche, questo spiega in dettaglio le varie strategie che il personale medico può utilizzare per ridurre al minimo il
effetti del veleno.

Questo libro dedica un'intera sezione alla dermatite causata dalle piante. Ha tabelle pratiche e facili da usare che elencano le specie di piante responsabili.

Questa guida ha un glossario di termini botanici con schizzi delle parti della pianta.

Istruzioni Video: 10 Piante da Cui è Meglio Stare Lontani (Ottobre 2021).