La musica migliora le arti marziali
La musica è un grande motivatore. Ma è più di questo.

Lo sapevi che nel 1991 uno scienziato francese. Il dottor Alfred A. Tomatis, aveva descritto una tecnica in cui l'ascolto di Mozart contribuiva a promuovere la salute e lo sviluppo del cervello. Questo è diventato noto come "Effetto Mozart". Ulteriori studi hanno dimostrato che l'effetto dell'ascolto di Mozart aumenta la capacità dell'ascoltatore di ragionare nello spazio. Il ragionamento spaziale è la capacità di prendere idee astratte e visualizzare schemi. Questa capacità consente di generare soluzioni multi-step per problemi complessi.

Negli anni '90, questo concetto è diventato molto popolare nello sviluppo del bambino, combattendo su una serie di prodotti volti a stimolare il cervello attraverso Mozart. Molti genitori furono indotti a credere che tali attività avrebbero portato a produrre qualità geniali nei loro figli.

Ora, cosa c'entra questo con le Arti Marziali?

Quando partecipi allo sparring o al combattimento, una delle abilità primarie che devi sviluppare è la tua capacità di "vedere" dove sta andando il tuo avversario per determinare quali saranno le tue prossime mosse da vincere. Ah, ragionamento spaziale. Pertanto, qualcuno con un ragionamento spaziale avanzato teoricamente dovrebbe fare meglio in una competizione altrimenti eguagliata.

Nonostante l'omonimo, l'effetto Mozart non è in realtà isolato solo dall'ascolto di Mozart. Studi recenti hanno dimostrato che l'ascolto di qualsiasi musica che sia rilassante e accattivante per l'ascoltatore può evocare l'effetto Mozart.

I combattenti lo sanno da anni, anche se potrebbero non aver capito cosa stessero facendo. Se ti guardi intorno al ring, molti combattenti prima della loro partita vengono spesso visti ascoltare musica a loro scelta. La musica è un motivatore per "pomparli" per la partita; ma sta anche aprendo le loro menti al ragionamento spaziale. Nelle arti marziali interne, chiamiamo questo "apertura del tuo terzo occhio".

Ora, prima di finire e con l'ultimo CD, renditi conto che gli studi hanno dimostrato che l'effetto Mozart è solo temporaneo. Quindi non diventerai improvvisamente tutto simile a Matrix e piegati ai proiettili. E dopo un periodo relativamente breve, le funzioni del tuo cervello tornano alla normalità. L'estensione del periodo di ascolto non migliora necessariamente questo effetto; nel tempo la musica inizia a sbiadire in sottofondo e il fattore di godimento che sta causando questo miglioramento diminuisce.

Il ragionamento spaziale è efficace in qualcosa di più del semplice combattimento. Aprendo la mente al ragionamento spaziale, sarà più facile "vedersi" esibirsi in una forma e assorbire ciò che si sta tentando di imparare sul pavimento del dojo.

Quindi, la prossima volta prima di uscire per allenarti, considera di ascoltare prima la tua canzone preferita. Potresti essere sorpreso di quanto meglio ti esibirai quella sera.

Istruzioni Video: Taekwondo, l’arte marziale conquista Mara Maionchi (Ottobre 2021).