Karol Wojtyla - il papa polacco
Sono nato in una generazione che non conosceva nessun altro papa se non Giovanni Paolo II e per il quale Karol Wojtyla e il papa intendevano semplicemente la stessa persona. Sebbene non fossi ancora nato quando il primo polacco della storia divenne il capo della chiesa, ero alimentato dalle storie delle mie relazioni. Quello che so è che la televisione polacca non ha fatto grandi cose sul nuovo pontificato e solo un piccolo annuncio è stato dato - secondo la politica del regime comunista che non ha sostenuto il cattolicesimo all'interno del paese. Mia nonna, che fino ad ora mantiene i giornali che annunciano la scelta di papa Karol Wojtyla, era molto ansiosa di condividere le notizie con qualcuno. Dopo averlo annunciato a mio zio, tornato dal lavoro, si precipitò con un cane a fare una passeggiata per avere un pubblico più vasto al messaggio che voleva trasmettere.
Nessuno in Polonia sperava prima che un Papa provenisse dal nostro paese - nessuno si aspettava nemmeno che si verificasse questa situazione. La nazione polacca, tuttavia, ha ritenuto che con questo pontificato molte cose cambieranno. Ma le visite di Papa non hanno portato solo accese discussioni con il suo popolo, era anche pronto a difendere le sue convinzioni e a criticare i polacchi per il modo in cui hanno seguito alcuni dei cambiamenti.
Non sono sicuro che Karol Wojtyla, come persona, significasse tanto quanto per i polacchi. Quando veniva per le sue visite in Polonia, manteneva sempre il suo approccio informale quando parlava del suo passato o quando discuteva di cose con la folla. Scherzava facilmente con i giovani - alla finestra della Bishop House di Cracovia - raccontando ad esempio la storia del cittadino di Cracovia che andò a Roma e non tornò e si chiedeva se qualcuno si prendesse la briga di cercarlo lì.
Durante la sua visita nel 1999, Giovanni Paolo II ha tenuto uno dei suoi discorsi più belli della storia. Durante l'incontro a Wadowice avrebbe quasi saltato la parte ufficiale a favore di ricordare i suoi momenti in città, quando era un ragazzino. La sua interazione con la folla è stata incredibile, poiché ogni sua frase ha ricevuto risposta incoraggiando a dire di più. Parlò della sua scuola, degli amici, del teatro, della torta preferita o semplicemente descrisse quali edifici erano situati intorno a Wadowice. Ero a quel tempo nel centro di Cracovia, ma potevo sentire ogni singola parola, grazie agli altoparlanti sparsi per la Città Vecchia.
Per me, come per molte persone, era ovvio che Giovanni Paolo II è lì ... e sarà sempre lì. Quando ho controllato alcune notizie su Internet che annunciavano le sue cattive condizioni fisiche non mi preoccupavo molto - era sicuro che l'avrebbe superato. Ero consapevole che tutti muoiono quando arriva il momento giusto, ma Karol Wojtyla sembra essere immortale. Ma quando la cattiva notizia era intorno a noi, divenne chiaro che si stava avvicinando il momento giusto per Giovanni Paolo II.
Ricordo ancora quei 2 giorni durante i quali tutti i polacchi si sentivano quasi uguali. Quando vai in autobus attraverso il centro hai sentito gli aggiornamenti sulle sue condizioni, le persone che parlano, piangono, cantano vicino alla Bishop's House. Sembrava che con il momento della morte del papa polacco il mondo sarebbe finito.
Il 2 aprile 2005 suonarono tutte le campane della chiesa a Cracovia. Tutti si resero conto che la Polonia divenne orfana senza il più grande polacco che si potesse immaginare.
Una cosa che sicuramente non dimenticherò mai è che alcuni dei miei amici, che affermavano di essere atei, mi dissero quanto gli sarebbe mancato il nostro Papa. Tutta la televisione ha smesso di trasmettere programmi a favore della proiezione di film e documentari legati alla vita di Giovanni Paolo II. Persino i portali Internet sarebbero diventati in bianco e nero per il momento in cui è stato annunciato il dolore nazionale.
Durante il giorno del funerale, era programmato il giorno festivo, in modo che tutti avessero l'opportunità di guardarlo in TV. Ho guardato fuori dalla finestra ... anche se vivo in un affollato quartiere di Cracovia, non c'era una sola persona per strada. Sembrava che il mondo si fermasse per un momento, per versare una lacrima per la grande perdita che stavamo vivendo.
Anche dopo il funerale di Karol Wojtyla, le strade erano coperte di candele. Potresti semplicemente notare che è successo qualcosa di insolito. Anche se sono già passati anni dalla morte del Papa, sono sicuro che sia ancora presente nei nostri ricordi e nella vita di tutti i giorni. Come accade con le persone fantastiche, Giovanni Paolo II non ci ha lasciato morendo - è ancora ricordato e apprezzato per quello che era e per quello che ha fatto.

Istruzioni Video: Karol Wojtyla in Polonia (Ottobre 2021).