Preghiere congregazionali del venerdì
Il capitolo sessantadue del Corano è intitolato Al-Jumua (La Congregazione, venerdì). In questo capitolo ai credenti viene detto di abbandonare tutto e di assistere alla preghiera di mezzogiorno di un venerdì con altri credenti.

Capitolo 62, versetti 9 - 10
O voi che credete, quando la preghiera della Congregazione (Salat Al-Jumu`ah) verrà annunciata venerdì, vi affretterete alla commemorazione di Dio e abbandonerete ogni affare. Questo è meglio per te, se solo lo sapessi. Una volta completata la preghiera, puoi diffonderti attraverso la terra per cercare i doni di Dio e continuare a ricordare Dio frequentemente, per riuscire.

Il verso dice: "Oh tu che credi ..." questa è una chiamata a tutti (maschi e femmine) che credono in Dio, per partecipare alle preghiere del venerdì e per commemorare Dio. Sfortunatamente le donne sono escluse da questa preghiera in alcune moschee, a causa della mancanza di strutture o spazio.

In nessuna parte del Corano uomini e donne sono istruiti a pregare separatamente. Non ci sono istruzioni per le donne di pregare dietro gli uomini. Il punto della preghiera congregazionale del venerdì è riunire tutti i credenti allo scopo di adorare solo Dio.

Al giorno d'oggi troppe moschee sono diventate discoteche per soli uomini. Le donne vengono spinte dietro schermi e tende o ai piani superiori dove sbirciano tra le balaustre per ascoltare i sermoni.

Oggi alcuni degli imam nelle moschee stanno dando sermoni di contenuto politico invece di limitarsi a leggere dal Corano per illuminare la congregazione. Incitano all'odio e alla divisione all'interno della comunità e allontanano il popolo dal cammino di Dio.

Ogni musulmano che desidera pregare la preghiera del venerdì di mezzogiorno della congregazione in una moschea dovrebbe avere il diritto di entrare e farlo senza riguardo per il proprio gruppo etnico, abbigliamento o genere. Una moschea dovrebbe essere un luogo in cui qualsiasi musulmano, maschio o femmina, possa entrare liberamente per adorare Dio. Purtroppo al giorno d'oggi sono ancora in vigore limiti di età che vietano alle donne di unirsi e adempiere a questo comandamento di Dio.

È difficile credere che nel ventunesimo secolo ci siano ancora uomini misogini che credono di avere il diritto di dettare chi può e chi non può non partecipare alle preghiere della Congregazione del venerdì. Stanno negando alle donne il loro diritto umano fondamentale a partecipare a questo importante rito islamico che è un'istruzione di Dio.

I musulmani di tutto il mondo stanno iniziando a contrastare questa grave ingiustizia. I centri islamici si stanno aprendo dove chiunque può partecipare alle cinque preghiere quotidiane e alla preghiera congregazionale del venerdì, indipendentemente da chi siano. La lingua è stata rimossa come una barriera poiché l'arabo non è la lingua universale di questi centri. L'Islam è discusso in modo tale che non vi siano dittature o istigatori coinvolti nel tentativo di convincere la gente che combattere con le armi è l'unica soluzione per la pace.

Ogni musulmano ha il diritto di adorare in qualsiasi moschea del mondo, ma l'esclusione è ancora possibile perché nessuno parla.

Capitolo 24, versetto 41
Non ti rendi conto che tutti nei cieli e sulla terra glorifica Dio, anche gli uccelli mentre volano in una colonna? Ognuno conosce la sua preghiera e la sua glorificazione. Dio è pienamente consapevole di tutto ciò che fanno.

Istruzioni Video: Il Sacro Corano Surah Al Kahf [La Caverna] - Shirazad Taher (ITALIANO) (Ottobre 2021).