Raku Pottery
Raku Pottery

Raku è di natura giapponese. Secondo molti, la parola Raku potrebbe significare molte cose come: godersi la libertà, la gioia, il conforto, la contentezza o semplicemente la felicità.

Il Raku è una ceramica che fu prodotta per la prima volta nel XV secolo dai monaci buddisti Zen nel loro tè cerimoniale. I monaci Zen godevano di questo tipo di vasellame e ciotole per il tè perché era umile e aveva una naturalezza naturale. L'allora imperatore, Sen Rikyu, inciampò in un meraviglioso e abile creatore di piastrelle di nome Chojiro. Sen Rikyu ha apprezzato il lavoro di Chojiro. Gli ha quindi chiesto di preparare le ciotole per il tè per la sua cerimonia del tè. Fino a quel momento i cinesi erano le uniche persone che utilizzavano scodelle da tè e il Giappone ha avuto un lento ma costante "distacco" dalla Cina.

Il Giappone, dopo aver ottenuto il tè dalla Cina, iniziò non solo ad amare il tè, ma anche a coltivarlo. Quando il tè è stato portato in Giappone, è stato portato lì da un prete e quindi è stato bevuto solo durante la cerimonia religiosa o in altre occasioni molto propagandate.

Nel XVI secolo l'opera di Chojiro fu onorata dai più alti. L'imperatore Hideyoshi era così compiaciuto delle ciotole di tè raku che Chojiro le produsse le "marchiò" con un sigillo d'oro e l'emblema rappresentava "raku". Felicità semplice.

Chojiro fece delle ciotole o dei raku che si potevano avvolgere entrambe le mani attorno alla tazza. Ha creato la sensazione di calore nelle tue mani. Sembrava che il tè stesse fluttuando nel palmo o nella mano. È anche ceramica morbida. Chojiro visse dal 1500-1589 e ispirò la cultura Zen nella ceramica. Era considerata arte funzionale. Le stoviglie raku nere di Chojiro hanno un nome formale chiamato Raku Yaki ed è considerata la più famosa e la più apprezzata di tutte le ceramiche e gli articoli da tè. I suoi smalti erano fatti di roccia proveniente dal fiume Kamogawa locale. Fu sciolto e poi impastato come il pane. Il raku prodotto era spesso ma molto leggero. Il Chojiro Raku Yaki è nei colori del nero e Aka Raku Yaki o ciotole di tè rosso. Questi colori complimentavano il verde intenso del tè Matcha utilizzato durante la sacra cerimonia del tè giapponese. La cerimonia del tè giapponese risale ad almeno mille anni fa. Come accennato in precedenza, le prime cerimonie erano per la preghiera e la cerimonia era nel tempio. La cerimonia del tè giapponese continua oggi. È un'espressione artistica che si cela nella sua presentazione con il tè verde Matcha. Questa cerimonia e questa forma d'arte sono uniche per il Giappone.

La prossima settimana pubblicherò una storia del mio viaggio personale in quello che è noto come "occidentale" Raku. Qui discuterò anche del modo estremamente interessante in cui avvengono le tecniche e il processo di cottura.

Wa (armonia), Kei (rispetto), Sei (purezza), Jaku (tranquillità)

Istruzioni Video: How to RAKU pottery! My FAVORITE way to finish pottery (Dicembre 2021).