Sii il padrone del tuo destino
Indipendentemente dall'argomento o dal tipo di incontro, c'è sempre qualcuno che condivide il giorno assolutamente infelice che ha avuto. Per la maggior parte quando sento questo ascolto, provo simpatia o empatia qualunque sia la situazione che potrebbe chiamare, e probabilmente annuisco con la testa in quel modo "Capisco". Questo giorno di sofferenza non significa necessariamente che una persona si sia scontrata con un drink ma abbia condiviso le esperienze del giorno. Quello che non so e che nessuno dei miei affari è stata la parte della persona in qualunque cosa che abbia reso la giornata disastrosa.

Di recente mi sono sentito molto stressato per una serie di ragioni diverse. Queste ragioni possono essere dette in una piccola parola, "vita"! Ma sotto quell'ombrello della vita, ci sono quei piccoli eventi quotidiani che sono derivati ​​da uno di quegli stress. Inizia come una piccola cosa e prima che tu la sappia, si perpetua in un'altra piccola cosa, un'altra e un'altra.

Credo fermamente nella legge di attrazione (a condizione che ci sia un posto per il mio Potere Superiore). Se mantengo un atteggiamento positivo in ogni caso, di solito posso contare su una giornata abbastanza buona. Quando inizio con un atteggiamento negativo, aspetto che l'altra scarpa cada e lo fa sempre. Una delle cose che amo di Joel Osteen è il modo in cui si esprime in modo positivo e dice che dovremmo ringraziare Dio ogni mattina per il meraviglioso giorno che avremo perché siamo favoriti da Dio. Ora, che ti piaccia o no, l'idea di iniziare la giornata con una nota positiva viene da molte persone di successo. Mi piace solo perché mette Dio (il mio Potere Superiore) in primo piano e al centro.

Mi piacerebbe credere di non avere molti giorni terribili, ma ne ho avuto uno di recente. Il motivo per cui lo condivido con te è perché provo a usare me stesso come esempio di ciò che sperimentiamo nel recupero, indipendentemente dal periodo di tempo. È un buon esempio di progresso, non di perfezione. Potresti non aver vissuto esattamente i tipi di situazioni che sto per raccontarti, ma penso che apprezzerai le tue al posto delle mie.

La mattinata è iniziata nel solito modo. Ero pronto per andare al lavoro quando mio marito disse: "Hai qualche minuto? Voglio parlarti". Il mio primo pensiero fu: “Oh mio Dio. Cosa ho fatto?" (Molte delle nostre discussioni sono iniziate in questo modo un certo numero di anni fa e la verità era che avevo sempre fatto qualcosa. Le vecchie abitudini sono dure a morire.) Ho messo le mie cose sul bancone della cucina e ha iniziato a parlare. Quello che ha detto non era importante per la storia. L'importante era che si sentisse male per quello che doveva dirmi e non gli diedi un centimetro. Ero di supporto in un modo molto passivo e aggressivo che non era affatto di supporto. Volevo che si sentisse male. Ha funzionato. Sono partito per lavoro e mi sono accigliato fino in fondo.

Mi ci vogliono circa 35 minuti per andare al lavoro, ma quella volta non ha cambiato il mio umore. Sono entrato nel mio ufficio e in circa 15 minuti ho avuto due alterchi con 2 studenti (lavoro in una scuola per adulti); uno che è arrivato tardi dopo essere rimasto nel parcheggio per mezz'ora e uno che è entrato nel mio ufficio facendo una richiesta che non potevo e non avrei onorato. Più tardi nel corso della giornata avevo inviato al mio capo un'e-mail in cui gli raccontava un nuovo modo di seguire una determinata procedura di frequenza. Ho pensato che fosse una super idea! Ci avevo passato un paio di giorni e ora era pronto per partire. Mi ha ricontattato per e-mail e mi ha detto che sebbene capisse perché volevo fare questa cosa, non era la nostra politica. Sai quanto ero arrabbiato? Ho pensato a cosa riscrivere e questo è quello che ho scritto. "Va bene".

La ciliegina sulla torta è stata che avrei dovuto chiamare dopo le 4:30 per vedere se il giorno successivo avessi il dovere di giuria. L'ho fatto. Per alcuni potrebbe essere una buona cosa patriottica da fare ma vivo in questo stato da 13 anni e sono stato chiamato ogni due anni. È stato detto abbastanza.

Sulla strada di casa ho avuto il tempo di pensare alla mia giornata. Non ho nemmeno aspettato il decimo passo della sera. La prima cosa che ho pensato è stata quella che ho avuto un giorno marcio e poi ho dovuto chiedermi perché. Mi è successo tutto o ne ho preso parte? Non è successo. Non c'era nessuno da incolpare tranne me. Avrei potuto gestire la situazione con mio marito in modo completamente diverso e con amore e cura. Penso che se l'avessi fatto, il resto della mia giornata sarebbe stato molto diverso. Ho ascoltato quei due studenti o ero troppo preso dalle mie "cose" e non vedevo l'ora di tirarle fuori. Ho fatto il "povero me, perché non puoi farlo a modo mio perché sono così intelligente" con il mio capo? E invece di parlargli della mia idea, ho chiuso con un "ok". Ci sono due parole di quattro lettere che odio a seconda di come le dici. Uno se “bene” e l'altro va bene.

Dopo aver visto la mia parte e sapendo che ero l'unica persona responsabile di tutta la negatività della giornata, mi sono anche reso conto che più di ogni altra cosa, ero sobrio. Il mio comportamento durante il giorno era tutt'altro che un comportamento esemplare per chiunque. Rifletteva il mio comportamento quando ero nella mia malattia. Mi sono ricordato che per quanto mi piacerebbe essere, non posso essere perfetto. A volte sento che molti di noi in ripresa hanno un'immagine di ciò che dovremmo essere e che è un'immagine piuttosto perfetta.Quando non rispettiamo i nostri standard, c'è un senso di fallimento. La perfezione / fallimento è familiare a molti di noi.

Mi sono alzato questa mattina con un atteggiamento completamente diverso. Ho dovuto lasciare che i vecchi fossero passati e ringraziare Dio per la sobrietà; grato che oggi riesca a vedere la differenza nei comportamenti in me stesso e in ciò che posso e accetterò dagli altri in relazione a me. Ciò non significa che io giudichi. È più sui confini che sono importanti per tutti noi. La perfezione non è nelle carte per me e prima posso accettare che meglio sarò. Spero che tutti voi, specialmente quelli di voi nuovi in ​​ripresa, vedremo i miei esempi e sappiate che accadono brutte giornate e che ognuno di noi è un maestro del nostro destino!

Namaste’. Possa tu percorrere il tuo viaggio in pace e armonia.

PS Ho ancora davvero bisogno di alcuni di voi per condividere la tua storia di recupero. Non è difficile perché è la TUA storia! Grazie.

Istruzioni Video: NON INCOLPARE NESSUNO - ITALIANO VIDEO MOTIVAZIONALE 1080p PABLO NERUDA (Ottobre 2021).