Sto piangendo
Ho scritto questo articolo otto mesi dopo la morte di mia figlia e la risposta fisica emotiva al nostro dolore era così nei nostri volti. È passato un anno e mezzo dalla sua morte e oggi, proprio in questo momento, voglio urlare. Sento quell'angoscia tanto reale oggi come ho fatto il primo orribile giorno. Sto ancora piangendo e immagino che lo farò sempre.

Da aprile 2011 -

Non ho mai saputo perché le donne piangessero dopo la morte di una persona cara. Lo vedi sempre nelle notizie: un paese in subbuglio le cui donne piangono e piangono apertamente e rumorosamente di fronte a una folla, persino una cinepresa, dopo aver appreso della loro tragedia.

È una differenza culturale e / o una differenza religiosa, ho sempre pensato. E spesso pensavo che fosse un po 'drammatico. Sembrava quasi forzato, come se gemessero perché ci si aspettava, non perché facesse così male. In tutta onestà, mi ha fatto sentire un po 'a disagio. Forse l'imbarazzo che ho provato quando ho visto queste immagini era davvero la mia sensazione di vulnerabilità.

Non li ho giudicati o pensati male di loro. Semplicemente non l'ho capito. Non sapevo che la perdita di una persona cara avesse provocato una risposta fisica così potente. Ma è perché non ho capito le loro circostanze. Non sapevo davvero l'orrore che hanno dovuto affrontare e la totale devastazione che hanno provato perché la persona amata era morta. Non è stato qualcosa che avrei mai pensato di capire, perché non avrei mai immaginato che sarebbe successo a me.

Ma ora so perché le donne gemono. Da quando nostra figlia è morta, ho la sensazione di voler gridare, lasciare che il dolore così profondo e tutto consumante emerga in suoni dolorosi. A volte le lacrime, forti quanto cadono e tutte le volte che cadono, non bastano. Ci sono profondità di dolore che non si possono immaginare e di trovare un modo per rilasciarne solo una frazione di tanto in tanto si sente purificante e terapeutico.

Da queste grandi profondità nascono rumori che non sapevo di poter fare; a volte basso e doloroso, a volte rumoroso e arrabbiato. A differenza delle donne coraggiose di altre culture e religioni, non posso lamentarmi apertamente o pubblicamente; hanno un enorme coraggio nel mostrare tale dolore, per consentire agli altri di vederli nel loro stato più indifeso.

Mi riservo i rumori per le volte in cui sono solo. Passeggiare per casa quando nessuno è a casa, sotto la doccia, nel cortile ... questi sono i tempi in cui gemo. Viene appena. Non è forzato o drammatico. E col passare del tempo, i rumori arrivano meno spesso. Sono convinto che il lamento sia il risultato di un dolore crudo ed emotivo che deve essere rilasciato. È una risposta umana naturale all'agonia.

Non è sciocco o imbarazzante. Non è giusto o sbagliato. Dobbiamo lasciarci essere ciò che siamo e fare ciò che sentiamo. Questo è il nostro inferno e fa male come niente che abbiamo mai conosciuto. Gemere significa piangere. Stiamo piangendo i nostri figli. Niente potrebbe essere più potente.

È stato creato un sito Web a nome di nostra figlia. Fare clic qui per ulteriori informazioni sulla nostra missione.

FriendsofAine.com - Aine Marie Phillips


Visita The Compassionate Friends e trova un capitolo locale più vicino a te su:

Gli amici compassionevoli

Istruzioni Video: Sto piangendo (Dicembre 2021).