Rivelazione progressiva - Tutte le religioni sono una
C'è un vecchio enigma che recita in questo modo: se tutti i Profeti di Dio si incontrassero in questa stanza, e ci fosse una sola sedia, chi ci starebbe seduto dentro? I seguaci di ciascuno, ovviamente, credono che i loro dovrebbero assumere la presidenza e spesso sono pronti a combattere al riguardo.

La risposta, ovviamente, è che nessuno di loro si esalterebbe al di sopra degli altri, perché parlano tutti con la stessa voce, condividendo la Parola di Dio. Ognuno ha fatto riferimento agli Altri - Quelli che sono venuti prima e quelli che verranno in futuro.

I tre saggi cui la tradizione cristiana attribuisce il merito di aver percorso un lungo cammino alla ricerca dell'Unto erano probabilmente sacerdoti zoroastriani che seguivano le loro profezie religiose. Cristo disse ai Suoi ascoltatori che se avessero conosciuto Mosè, Lo avrebbero conosciuto. Mosè riconobbe Abramo. Maometto scrisse di più sia su Mosè che su Cristo nel Corano di quanto non accada nella Bibbia. E così Bahá'u'lláh, profeta fondatore della Fede bahá'í, chiarisce ai Suoi seguaci che devono accettare e rispettare ciascuno di coloro che sono venuti prima, oltre a prepararsi a ricevere il prossimo.

Il concetto si chiama rivelazione progressiva. Man mano che l'umanità si è evoluta, mentre la civiltà si sviluppa, Dio ha fornito agli Insegnanti la guida - e ammonisce dove la guida è stata ignorata o incompresa. Anche quando i bambini hanno molti insegnanti mentre vanno a scuola, Dio ha inviato le sue Manifestazioni nel corso dei secoli. Proprio come gli insegnanti delle scuole elementari possono sapere molto di più di quanto insegnino, ma adattano le loro presentazioni ai bisogni e allo sviluppo dei loro studenti, così questi meravigliosi Messaggeri di Dio istruiscono l'umanità.

Si dice che Cristo non abbia potuto rispondere a tutte le domande degli Apostoli perché: “Ho ancora molte cose da dirti, ma non puoi sopportarle ora. Tuttavia quando verrà, lo Spirito della verità, ti guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di se stesso; ma qualunque cosa ascolterà, parlerà: e ti mostrerà le cose a venire. Mi glorificherà, perché riceverà il mio e te lo mostrerà. Tutte le cose che il Padre ha sono mie: perciò ho detto che prenderà il mio e te lo mostrerò. Un po 'di tempo e non mi vedrete; e ancora, un po' di tempo e mi vedrete, perché vado dal Padre. Bibbia di Re Giacomo, Giovanni 16: 12-16

I bahá'í credono che la verità venga gradualmente rivelata all'umanità, in ogni epoca e tempo, nel corso della storia. La Parola è a nostra disposizione, per essere trovata indipendentemente dal Profeta, indipendentemente dal nome conosciuto dal Creatore. La competizione tra loro esiste solo nelle menti degli uomini, non nella Parola. Differenze apparenti possono essere spiegate dagli insegnamenti sociali adattati all'età in cui sono stati rivelati per applicare la Parola in modo tale che le persone di quel tempo possano capirli.

Bahá'u'lláh ha spiegato il processo di rivelazione progressiva in questo modo: "Conoscere la certezza che in ogni Dispensazione la luce della Rivelazione Divina è stata garantita agli uomini in proporzione diretta alla loro capacità spirituale". - Sinossi e codificazione del Kitáb-i-Aqdas, p. 5)

I bahá'í credono che questo sia il giorno predetto dalla profezia in tutte le religioni di Dio. Questo è il giorno in cui la maturità dell'umanità è in vista, quando sarà possibile costruire "il Regno di Dio sulla Terra così come è in Paradiso".

Ci credo, ma non ho bisogno di questa convinzione di nessun altro. Ognuno di noi deve trovare la propria strada. Bahá'u'lláh dice ai suoi seguaci, "La fede di un uomo non è condizionata da nessuno se non da se stesso ..." - da Grandi temi della vita



Istruzioni Video: Le rivelazioni di Cristo (Settembre 2021).