Descrivi un personaggio alle prese con la sconfitta
Poche cose affascinano un lettore più delle storie in cui un personaggio è completamente sconfitto e poi deve riprendersi. Non è a causa di schadenfreude (un termine tedesco per piacere si prende alla sfortuna degli altri). Invece, penso che tutti noi ci preoccupiamo di come potremmo reagire se ci fosse successo qualcosa di brutto. Abbiamo le cose giuste per superare la tempesta maltrattata ma non sposata? Come diceva Nietzsche, "Ciò che non ci uccide ci rende più forti". O siamo così deboli nello spirito che non saremmo in grado di affrontare la tragedia? Potremmo non saperlo mai fino a quando non ci troveremo faccia a faccia con una sfida seria. Quindi ci consoliamo leggendo la narrativa e le memorie su come gli altri gestiscono le avversità, soprattutto se all'inizio fanno male le cose. Se riescono a metterlo insieme e superare i loro problemi, sicuramente lo possiamo fare anche noi.

Nel diario dolorosamente onesto The Cliff Walk un professore di letteratura inglese cade a pezzi all'inizio degli anni '90 quando il suo contratto di insegnamento non viene rinnovato e sperimenta quasi 100 rifiuti quando fa domanda per una posizione simile. È l'unico capofamiglia per tre figli più una moglie incinta, ma non riesce a proteggerli. Invece, beve troppo, perde troppo tempo, sguazza nell'autocommiserazione e spende troppi soldi. Nel frattempo la moglie molto più giovane, che non ha il suo livello di istruzione ed esperienza, salva la famiglia quando inizia un servizio di asilo nido per generare reddito. Alla fine, suo marito lavora come lavoratore giornaliero. La cosa affascinante qui è come le persone possono sorprenderti con le loro reazioni allo stress estremo. Probabilmente tutti quelli che conoscevano questa coppia prima della loro sventura l'avrebbero sottovalutata da giovane casalinga e lo avrebbero guardato come un uomo importante che avrebbe sicuramente potuto guidare la sua famiglia attraverso una grave crisi finanziaria.

Pensa ai tuoi personaggi. Come ti sorprendono quando li metti sotto stress? Non renderli troppo eroici. Dovranno soffrire e lottare, se vuoi una bella storia. Soprattutto, devono dubitare di se stessi. Ricorda The Fountainhead di Ayn Rand? Howard Roark è un architetto che ricorda Frank Lloyd Wright. Sfortunatamente, sono gli anni 1920 e nessuno lo assumerà perché si rifiuta di copiare le opere del passato. Espulso dalla scuola di architettura, si reca a New York City per lavorare per il visionario ma fallito Henry Cameron che non può nemmeno permettersi di mantenere un ufficio individuale. Il povero Cameron si sta bevendo a morte con dolore per la sua fallita carriera modernista mentre Howard è così assorbito dal suo lavoro che rimane inalterato. Indovina chi è il personaggio più interessante - almeno per me? Se il povero Cameron avesse potuto mettersi insieme, avremmo potuto avere un ottimo libro con una vera caratterizzazione.

Crea un personaggio che dubiti di se stessa quando il gioco si fa duro. Mostra la trasformazione che le consente di superare. Considera cosa potrebbe far cadere a pezzi la persona apparentemente imponente e quella mite a trionfare. Forse il grande personaggio ha il senso del diritto al fatto che il mondo gli debba una buona fortuna, ed è paralizzato dallo shock quando questo si rivela non vero. Forse il piccolo personaggio non ha ego da superare e ha una chiara visione di cosa fare per sopravvivere. Crea uno scenario e scatena la tua immaginazione. Cerca su Amazon.com The Cliff Walk: A Memoir of a Job Lost and a Life Found e The Fountainhead

Iscriviti alla newsletter gratuita e settimanale del sito di Fiction Writing per tenerti aggiornato sui contenuti del sito.

Istruzioni Video: The Cold War - OverSimplified (Part 1) (Gennaio 2022).