Questo è lo spirito!
Spirit: Stallion of the Cimarron

di Staci Layne Wilson
Non ho figli e non mi piacciono particolarmente i film d'animazione, soprattutto se hanno un sacco di canzoni e balli. Sono, tuttavia, un equestre a cui piacciono i bei film, quindi quando quei due mondi possono incontrarsi, sono in paradiso dei cavalli. In quanto tale, sono più che lieto di riferire che Spirit: Stallion of the Cimarron è un grande viaggio a teatro per gente di cavallo, fan dell'animazione, persone con o senza bambini, bambini di tutte le età e ... ok, questo è davvero un "film per tutti!"

Potrebbe essere paragonato alla funzione live-action del 1999, Running Free. Avevo grandi speranze per Running Free perché non solo Jean-Jacques Annaud (regista di The Bear) era alle spalle, ma è stata una lunga siccità per noi amanti dei cavalli al cinema. Running Free, la storia di un cavallo per lo più selvaggio mostrata dalla sua prospettiva, non mi ha fatto impazzire (o gli spettatori in generale, a giudicare dai tristi ritorni al botteghino). Come Running Free, anche Spirit è angolato dal punto di vista unico del protagonista equino. Sebbene sia animato, l'argomento è preso molto sul serio; i cavalli non si rompono mai una volta nella canzone o fanno la vecchia scarpa morbida. (Le canzoni, cantate come nella voce interiore di Spirit, sono eseguite da Bryan Adams e sono state co-scritte con il leggendario compositore di film, Hans Zimmer, che ha anche fatto la colonna sonora completa.)

La storia del film Spirit è iniziata diversi anni fa, quando Steven Spielberg ha visto un video su cavalli selvaggi prodotto da Rick Littleton del Kiger Mustang Ranch vicino a Bend, in Oregon, e la scintilla di Spirit: Stallion of the Cimarron è stata accesa. La co-regista Lorna Cook e Kelly Asbury, insieme allo sceneggiatore John Fusco e all'animatore principale James Baxter, hanno prestato particolare attenzione alla creazione di una storia coinvolgente e autentica. Sono persino arrivati ​​ad acquistare uno stallone mustang da osservare e hanno portato come consulenti paleontologi ed esperti di cavalli. Fare il miglio in più ha sicuramente dato i suoi frutti, dato che il film è davvero bello.

Ma così è stato Running Free. 'Pretty to look at' lo taglia solo nelle gallerie d'arte. Fortunatamente, Spirit è stato scritto da un cavaliere esperto e da un talentuoso sceneggiatore (mi è piaciuto il cuore fulmineo di Fusco, interpretato da Val Kilmer dieci anni fa) che può interpretare le esperienze di vita di un cavallo in modo tale che il pubblico possa relazionarsi con esso.

In un'avventura nel vecchio West, Spirit segue uno stallone Mustang color impertinente dalla sua nascita nelle pianure occidentali alla sua cattura da parte della cavalleria americana, alla sua fuga e alla sua amichevole incursione nella vita di un coraggioso nativo americano, Little Tree (doppiato da Daniel Studi, figlio della star di Dances With Wolves Wes Studi), e la preziosa giumenta di Little Tree, Rain. La pioggia e lo spirito cadono uno sopra l'altro per i fetlock (awwww ... cos'è un'avventura senza una piccola storia d'amore?), Ma forze inarrestabili li separano (e cos'è anche un'avventura senza un po 'di avversità?).

L'aspetto pratico o pittorico dell'animazione tradizionale - invece del popolare CGI (immagini generate al computer) che è stato utilizzato in Shrek e Monsters, Inc. - sembra essere stata una scelta significativa. Nel fare ciò, i cineasti hanno trasmesso nel film la stessa sensazione che esiste nel lavoro dei grandi artisti occidentali, come Frederic Remington, Charles Russell e Frank Tenney Johnson. È familiare e rinfrescante allo stesso tempo, ma l'impresa davvero sorprendente è quella degli eroi a cavallo. I loro volti sono piuttosto stilizzati (i cavalli non hanno le sopracciglia, gente!) Ei loro occhi sono stati realizzati con sclera simile a quella umana per aiutare a facilitare una serie di espressioni, ma come qualcuno che conosce molto bene i cavalli, sono stato continuamente stupito e deliziato dalla precisione dei movimenti del cavallo in tutte le andature e persino dal nuoto e dal rotolamento. È mozzafiato.

L'emozione dei personaggi è così ben disegnata da Baxter (la sua opera precedente include il personaggio di Quasimodo ne Il gobbo di Notre Dame). Baxter ci aiuta a sentire la pura gioia dei cavalli di galoppare attraverso le pianure erbose, con loro paura e confusione quando incontrano l'uomo e vengono spezzati dalla forza. Gli stalloni lanciano le loro criniere e timbrano gli zoccoli proprio come nella realtà.

Sebbene lo Spirito riguardi davvero i cavalli, anche i personaggi umani sono dinamici. C'è una scena in cui un piccolo albero spezzato tiene in grembo la testa della giumenta ferita mentre giace incline e incapace di alzarsi; questo mi ha colpito in particolare, perché ci sono stato e l'ho fatto, e so esattamente come ci si sente. Il pathos del ragazzo e della sua amata cavalla viene catturato in modo così accurato, che sicuramente porterà una lacrima all'occhio a tutti tranne i più stoici.

Tutto in Spirit vince il nastro azzurro: l'animazione, la musica, gli effetti sonori e, soprattutto, il cuore.


Istruzioni Video: STAR TREK BEYOND - Spot italiano "Questo è lo spirito giusto" (Ottobre 2021).