Recensione del film Jauja
"Jauja" è un film tranquillo, un film molto fermo. Il regista argentino Lisandro Alonso e il suo co-autore, romanziere Fabian Casas, adottano un approccio minimalista al dialogo. Anche il movimento della fotocamera è ridotto al minimo. I personaggi si spostano spesso fuori dalla cornice mentre la fotocamera rimane immobile. Non ci sono transizioni improvvise o modifiche di salto. La musica, come parte della colonna sonora, non si verifica fino a 78 minuti prima del film. Tutte queste scelte dimostrano l'opposizione di Alonso al ritmo frenetico e allo stile del cinema contemporaneo. I suoi film sono esigenti in quanto costringe lo spettatore ad adattarsi al suo concetto di tempo.

"Jauja" è ambientato nel 19 ° secolo, durante l'era del colonialismo. Il Cap. Dinesen (Viggo Mortensen) si trova nella regione della Patagonia in Argentina per lavorare su un progetto di ingegneria. Ha portato con sé sua figlia adolescente. Si innamora sia del paesaggio che di un soldato argentino. Lei scappa con lui. Dinesen inizia una ricerca infruttuosa per recuperarla. Il nome del personaggio di Mortensen è un riferimento allo scrittore danese Isak Dinesen. Le sue storie spesso contengono elementi del fantastico, il che è un indizio sulla direzione che prenderà questo film. C'è una scena finale nella Danimarca contemporanea, con qualche suggerimento che l'intera storia sia stata un sogno.

Alonso usa alcuni primi piani. Ciò, unito al dialogo scarso, significa che il linguaggio del corpo di Mortensen diventa il suo modo principale di trasmettere lo stato psicologico di Dinesen. Mortensen ha guadagnato peso per questo ruolo o è fatto sembrare più pesante. Cammina intensamente attraverso il paesaggio. Scivola e inciampa mentre si sposta ulteriormente nel deserto, perdendo l'equilibrio sia in senso letterale che figurato. Il colore fuoriesce gradualmente dal terreno suggerendo la perdita di vitalità di Dinesen. I verdi vibranti diventano grigi e marroni.

La fotografia a colori in "Jauja" è fantasiosa e sorprendente. Alonso e il suo direttore della fotografia Timo Salminen usano colori saturi e un aspetto insolito (la cornice del film ha gli angoli arrotondati) per creare un aspetto del tutto originale e sorprendente. La parola jauja significa terra mitologica, paradiso terrestre. La fotografia aiuta a creare un'atmosfera magica e ultraterrena e dovrebbe essere vista sullo schermo più grande possibile per sperimentare il suo pieno effetto.

Durante la sua odissea nel deserto, Dinesen incontra una donna misteriosa che chiede "cos'è che fa funzionare la vita e andare avanti?" Il regista Lisandro Alonso è come un filosofo; gli piace fare domande ma rifiuta di rispondere.

"Jauja" (pronunciato come-ha) è stato originariamente pubblicato nel 2014. L'ho visto in DVD a mie spese. Il film non è classificato, ma probabilmente si qualificherebbe come PG-13 a causa del linguaggio e di alcuni contenuti sessuali. Gli extra del DVD includono un cortometraggio del 2011 di Lisandro Alonso e una conferenza stampa con Alonso e Viggo Mortensen del 52 ° New York Film Festival. "Jauja" è in spagnolo e danese con sottotitoli. Recensione pubblicata l'8 / 7/2015.

Istruzioni Video: Black Sea Trailer Ufficiale Italiano #2 (2015) - Jude Law Movie HD (Gennaio 2022).