Primavera in avanti con l'Alzheimer
La primavera è la stagione della speranza. L'energia dei semi aiuta la terra a rigenerarsi. Una nuova crescita verde emerge senza alcuna consapevolezza del passato per ricominciare da capo. Coloro che sono affetti da Alzheimer possono ripristinare il loro ritmo naturale con la natura: più tempo all'aria aperta, visitare e ancora meglio, partecipare a un parco o un giardino nel cortile e godersi l'energia della luce solare. Anche i caregiver si sentiranno come se avessero più ore di luce per fare le cose e non essere chiusi in casa a causa del maltempo invernale. La primavera preannuncia anche vacanze stagionali come Pasqua e Pasqua ebraica i cui temi sono la risurrezione e la liberazione.

Nuovi risultati rivelano il potente effetto antinfiammatorio del tè verde. Ovviamente, i test sono stati condotti su topi e gli scienziati stanno usando un estratto. Tuttavia, i risultati sono incoraggianti. I ricercatori dell'Università del Michigan hanno scoperto un nuovo potenziale beneficio di una molecola nel tè verde: prevenire il ripiegamento errato di specifiche proteine ​​nel cervello. L'accumulo di queste proteine, chiamate amiloidi associati ai metalli, è associato alla malattia di Alzheimer e ad altre condizioni neurodegenerative.

Oltre a bere da due a tre tazze di tè verde, i ricercatori di nutrizione quotidiana raccomandano di mangiare salmone tre volte alla settimana. Secondo l'Università della Pennsylvania, gli acidi grassi Omega-3 presenti nei pesci grassi hanno molti effetti benefici sulla salute, come la protezione del sistema immunitario, nervoso e cardiovascolare. Tuttavia, le capsule di olio di pesce non sembrano trasmettere gli stessi benefici del cibo per pesci. Un nuovo studio mette in discussione i benefici cardiovascolari delle capsule di olio di pesce come la capacità di abbassare la pressione sanguigna. È ancora preferibile assumere nutrienti e antinfiammatori dal cibo reale rispetto agli integratori.

Inoltre, vengono condotti test antidroga su farmaci combinati per il trattamento dell'Alzheimer in stadio moderato. I ricercatori stanno prendendo spunto da trattamenti per l'AIDS di successo e farmaci chemioterapici che hanno un effetto sinergico sulla malattia quando vengono utilizzati nella terapia di combinazione. Un nuovo farmaco può migliorare i problemi di memoria nelle persone con malattia di Alzheimer moderata secondo uno studio di fase II che sarà presentato alla 65a riunione annuale dell'American Academy of Neurology a San Diego, dal 16 al 23 marzo 2013. Il farmaco si chiama ORM-12741 . Rimanete sintonizzati.

Con l'avvicinarsi della primavera, anche nuove terapie farmacologiche e rimedi naturali. I vecchietti sono ancora chicche:
  • Esercizio per la neuroplasticità
  • Aderire a una dieta mediterranea
  • Non essere chiuso. Contatta gli amici e ottieni supporto sociale
  • Avvicinati alla vita con la mente di un principiante e il cuore di un principiante


Per ulteriori informazioni sulla cura leggere il mio libro, Abitudini che cambiano: l'allenamento totale dei caregiver. Per ascoltare i programmi radiofonici archiviati con gli esperti ospiti, visita Accendi il tuo spettacolo radiofonico di luce interna


Istruzioni Video: HDS Carbon from Lowrance - Are you ready? (Gennaio 2022).