Megan Chance - Intervista all'autore
"Un libro è un ponte tra uno scrittore e un lettore." ~ Megan Chance

Per gran parte della sua vita Megan Chance ha scritto racconti, poesie e romanzi. Questo nativo di Washington ha scritto professionalmente negli ultimi 14 anni e ha prodotto dieci romanzi, di recente, An Inconvenient Wife. Questo è un sacco di scritti per una moglie occupata e una madre di due figli. Con altre tre storie sono le opere che sono sicuro che scoprirai che questa scrittrice conosce molto sul mestiere e fortunatamente era disposta a condividerla con noi. Spero che trarrai beneficio dalle parole di Megan tanto quanto me.


Moe: Guardando indietro c'era qualcosa in particolare che ti ha aiutato a decidere di diventare uno scrittore? L'hai scelto o la professione ha scelto te?

Megan Chance: Non so che ci sia stato qualcosa in particolare che mi ha aiutato a decidere di diventare uno scrittore. So di voler fare lo scrittore da quando avevo circa sei anni. Ho sempre amato la scrittura e la ricerca, e non avevo mai avuto dubbi nella mia mente, era quello per cui sono nato. Quindi, in un certo senso, la professione mi ha scelto. Al liceo, avevo un insegnante meraviglioso che mi metteva a studiare con uno scrittore pubblicato una volta al mese, e la scuola mi pagava per partecipare a seminari di poesia, ecc. Nella zona. Sono stato estremamente fortunato e molto ben supportato nelle mie attività di scrittura.

Moe: Cosa ti ispira?

Megan Chance: Qualunque cosa. Veramente, semplicemente vivere in questo mondo è una grande fonte d'ispirazione. Grandi libri, film, televisione, radio, giornali, guida, passeggiate, ascolto dei miei figli, conversazione con mio marito e i miei amici ... Il mondo è pieno di ispirazione. Tutto quello che uno deve fare è essere aperto ad esso.

Moe: Ogni scrittore ha un metodo che funziona per loro. Molti di essi variano come il vento, mentre alcuni sembrano seguire uno schema simile ad altri scrittori. In una tipica giornata di scrittura, come trascorreresti il ​​tuo tempo?

Megan Chance: Una tipica giornata di scrittura va in questo modo: mi sveglio alle 7:45 e preparo i miei figli a scuola. Dopo averli lasciati alle 9:00, o vado a nuotare per mezz'ora o vado a casa e mi alleno per un'ora. Quando mi faccio la doccia, mi vesto e mi occupo di tutte le piccole faccende da fare, di solito sono circa le 11:00. Esco nel mio ufficio, che è in una dependance dietro casa nostra e lavoro fino alle 3:15, quando vado a prendere i miei figli. Successivamente, il resto della giornata è dedicato alla famiglia. Se sono in scadenza, a volte scrivo di notte o faccio delle ricerche se necessario. Cerco di togliermi i fine settimana ma non sempre funziona così. Di solito finisco per ottenere da 5 a 15 pagine fatte in un giorno.

Moe: Quanto tempo impieghi per completare un libro che permetteresti a qualcuno di leggere? Scrivi fino in fondo o rivedi man mano che procedi?

Megan Chance: Mi ci vuole poco più di un anno per finire un libro. Ciò consente 4-6 mesi di ricerca, quindi altri 7-9 mesi per scrivere il libro. Mi rivedo praticamente mentre vado, una specie di. Di solito scrivo 100 pagine, lo do a un mio amico che è anche uno scrittore, che lo legge, e poi lo rivedo due o tre volte fino a quando non ho capito bene. A 200 pagine, lo faccio di nuovo. Non è fino a quando non ho raggiunto la pagina 300 che ho iniziato a farmi un'idea di quello che sto facendo e rivedrò di nuovo fino a quel punto. Le ultime 150 pagine sono di solito scritte direttamente. Poi lo rivedrò di nuovo, lo darò al mio partner di critica e poi farò un'altra revisione. Questo è prima che lascerò che qualsiasi altra persona, tranne il mio partner di critica, lo legga. A quel punto, di solito è pronto per andare al mio gruppo di critica e al mio agente e al mio editore, che suggeriranno tutti altri cambiamenti. Una volta che il libro sarà in fase di editing, lo rivedrò almeno un'altra volta in modo piuttosto aggressivo, quindi eseguirò un'altra revisione della riga, in cui le parole vengono ripulite.

Moe: Quando hai la tua idea e ti siedi a scrivere, ti viene in mente il genere e il tipo di lettori che avrai?

Megan Chance: Oh, questa è una domanda piuttosto tortuosa! La mia risposta è: in un certo senso, ma non proprio. È qualcosa a cui sto cercando di migliorare. In genere, quando mi viene in mente un'idea sono piuttosto spoglie e non la riempio fino a quando non inizio a fare ricerche. A quel punto, tutte le porte sono aperte. Quindi devi iniziare a capire in quale direzione stai andando. Scrivo i libri che voglio leggere e cerco di costringermi a pensare un po 'in termini di marketing - a chi piacerebbe, quali aspettative potrei essere, ecc. Dovrei pensarci di più, e siccome sono andato sempre più nel mercato della fiction tradizionale, con copertina rigida, sono stato costretto a considerare queste cose più fortemente di quanto abbia mai fatto in passato. Ma non è proprio durante l'inizio dell'idea quando entrano in gioco queste considerazioni: si tratta più di fare delle scelte nel raccontare la storia, e di essere consapevoli di ciò che le ramificazioni di quelle scelte potrebbero essere sagge dal punto di vista del marketing, e quindi essere intelligenti. Sfortunatamente, non sono sempre intelligente.

Moe: Quando si tratta di complottare, scrivi liberamente o pianifichi tutto in anticipo?

Megan Chance: È un po 'di entrambi. Traccio in anticipo le ossa nude della storia, ma non vado mai nei dettagli. Ad esempio, lo saprò al quarto di punto della storia, accadrà una cosa particolare e cambierà tutto. Ma non so come ci arrivo, quindi ogni pagina e ogni capitolo è un'avventura. A volte, mi sposterò a metà o tre quarti di un libro e realizzerò che ciò che ho disegnato non funzionerà, perché i personaggi hanno dettato un corso diverso e riprogrammerò.

Moe: Che tipo di ricerca fai prima e durante un nuovo libro? Visiti i luoghi di cui scrivi?

Megan Chance: Poiché scrivo narrativa storica, faccio molte ricerche. In genere cerco di attenermi alle fonti primarie e di leggere altri studi accademici oltre a quello. Ma diari, articoli di giornali, periodici, riviste, trascrizioni e altre fonti primarie sono il mio pane e burro. In generale, sono stato in tutti i posti in cui ho ambientato un libro, ad eccezione di Panama, dove è stato ambientato il mio primo libro. Ma i diari delle persone che avevano sperimentato ciò che il mio eroe e la mia eroina avevano vissuto in quella storia erano così vividi che sentivo che non era necessario visitare - e non penso che sia necessario visitare i luoghi in cui sono ambientati i miei libri, è solo Mi è capitato di averlo fatto.

Moe: Quanto di te stesso e delle persone che conosci si manifestano nei tuoi personaggi? Da dove vengono i tuoi personaggi? Dove disegni la linea?

Megan Chance: Suppongo che tutti i miei personaggi abbiano un po 'di me, ma non penso che siano molto simili a me in generale. L'importante è capire cosa stanno pensando e sentendo, non ho bisogno di essere d'accordo, e non è insolito che non lo faccia. Alcuni tratti della personalità delle persone che conosco entrano nei miei personaggi, ma in realtà i miei personaggi diventano persone e personalità complete in se stessi.

Non so davvero da dove vengano i miei personaggi. A volte leggo un resoconto storico su qualcuno, e lo trovo affascinante, e alcuni aspetti di quella personalità o della loro esperienza entrano nel personaggio che sto scrivendo. Certamente attingo dalla mia stessa vita e da quella di altre persone, per rendere reali i miei personaggi. Sono un orribile intercettatore e vivo in modo vicario attraverso molte persone diverse, e tutto ciò spesso si trasforma in qualsiasi storia che sto scrivendo.

Non sono a conoscenza di tracciare alcuna linea. I miei personaggi non sono copie di altre persone e, mentre le scrivo, diventano sempre più individuali, anche se inizio usando alcuni aspetti di qualcuno reale. Tutto ciò che provo, ascolto o vedo diventa parte del pozzo da cui attingo. Non ho mai avuto qualcuno che si riconoscesse in un personaggio che ho scritto, e se lo facessero, si sbaglierebbero.

Moe: Gli scrittori vanno spesso avanti sul blocco dello scrittore. Ne hai mai sofferto e quali misure prendi per superarlo?

Megan Chance: Non capisco davvero il blocco dello scrittore. Spesso ho giorni in cui la scrittura non arriva facilmente, dove dispero o dove penso di non poter scrivere. La mia esperienza è che quei giorni arrivano perché ho colpito qualche nota sbagliata nella storia, o sono andato in una direzione che non funziona. Generalmente, se persiste, torno indietro e faccio una modifica e provo a trovare dove ho sbagliato, e questo di solito risolve le cose.

Certamente ci sono alcuni giorni in cui mi sento emotivamente o fisicamente incapace di scrivere. Ma per la maggior parte, scrivere è la mia fuga; è dove vado ad affrontare giorni difficili ed emozioni impossibili. È il mio santuario.

Penso anche che lavorare ogni giorno aiuti. È difficile tornare su quella sedia dopo aver preso un weekend libero o dopo una vacanza. Ma trovo che se riesco ad arrivare a cinque pagine, posso quasi sempre andare oltre, e quindi mi metto una quota: non posso fermarmi per il giorno finché non avrò le mie cinque pagine. A quel punto, è tempo di smettere o il libro inizia a scorrere. In generale, suppongo, non credo nel blocco dello scrittore.

Moe: Quando qualcuno legge uno dei tuoi libri per la prima volta, cosa speri di ottenere, sentire o provare?

Megan Chance: Spero che vivano la vita del mio personaggio. Spero che provino le cose che quel personaggio prova; Spero che comprendano un percorso diverso dal loro, e forse ottengano una certa comprensione della strada che è stata tracciata per loro da seguire. Scrivo perché ho una visione del mondo che voglio comunicare agli altri. Un libro è un ponte tra uno scrittore e un lettore.

Insegno spesso a scrivere alla lezione di mia figlia, dico loro quello in cui credo: tu sei unico, nessuno vede il mondo come te e comunicare ciò che vedi è il motivo per cui sei qui. Capire come qualcun altro vede il mondo è, penso, il dono più prezioso che possiamo fare l'un l'altro.

Moe: Puoi condividere tre cose che hai imparato sul business della scrittura dalla tua prima pubblicazione?

Megan Chance: Primo e più importante: l'editoria è un business. Redattori e agenti prendono sempre più decisioni basate sul marketing e non sul loro istinto, ed è importante rendersi conto che anche se possono amare il tuo lavoro, lavorano per un'azienda e quell'azienda è un'azienda che deve realizzare un profitto. I giorni di Maxwell Perkins e di altri redattori del suo tipo, che avrebbero supportato e sarebbero rimasti con un autore indipendentemente dalle loro vendite, perché credevano nella visione dello scrittore, sono, per la maggior parte, andati.

In secondo luogo, l'attività di scrittura richiede un'incredibile perseveranza.L'industria cambia e cambia costantemente: il caldo di un giorno non sarà il prossimo. Siamo addestrati a credere che la pubblicazione sia al di sopra della mischia del marketing, ma è impantanata, proprio come ogni altra attività commerciale. Rimanere richiede una convinzione quasi irremovibile in te stesso.

In terzo luogo, sii intelligente sulle cose che scegli di scrivere. Se hai due idee, entrambe le quali ti piacciono, e una è ambientata nell'antica epoca romana e l'altra in Inghilterra Regency, segui l'idea con l'ambiente più commerciabile. Non dare loro una ragione ovvia per rifiutarti. Falli rifiutare senza volerlo.

Moe: Come gestisci la posta dei fan? Di che genere di cose ti scrivono i fan?

Megan Chance: Io rispondo. La maggior parte della posta dei miei fan arriva attraverso il mio sito Web e cerco sempre di rispondere personalmente. Ricevo molte domande storiche: i fan sono spesso interessati a sapere da dove provengono le mie idee e dove trovo le mie fonti.

Moe: Qual è il tuo ultimo libro su? Dove hai preso l'idea e come hai lasciato evolvere l'idea?

Megan Chance: Sto lavorando su un paio di cose diverse proprio ora: una storia ambientata tra gli spiritisti nella New York City del XIX secolo, una a New Orleans e un'altra sulla costa di Washington. Vedremo quale ottiene il maggior supporto.

Dove trovo le idee? Ovunque. Ho sempre idee. Ho una cartella di file piena di loro e li ho attaccati alla bacheca nel mio ufficio. Quando faccio ricerche, mi imbatto costantemente in cose interessanti che penso farebbero una bella storia. Ricevo anche idee da libri, riviste e giornali, da fotografie, da film, dalla radio e dalla televisione, dalla guida lungo la strada e dalle domande su un particolare punto di riferimento o luogo o nome, dai sogni. Fornire idee non è un problema per me. Di solito, tuttavia, ce ne sono due o tre che sembrano rimanere con me e costruirmi nella testa, e la storia che decido di scrivere dopo è l'idea che non mi lascerà in pace. A volte li lascio evolvere a lungo. Susannah Morrow, per esempio, si è infastidita per cinque o sei anni prima che decidessi di scriverlo. Una moglie inconsapevole, d'altra parte, proveniva sia da un frammento di ricerca che mi ero imbattuto quando stavo lavorando su un altro libro, sia da un sogno. Sembrava diventare in piena forma molto rapidamente. Quindi dipende. Le idee si evolvono come vogliono; Non sembra avere un controllo molto consapevole su di loro.

Moe: Che tipo di libri ti piace leggere?

Megan Chance: Adoro la narrativa storica. Soprattutto roba un po 'insolita, oscura e psicologicamente impegnativa. Le saghe storiche non sono così interessanti per me, ma i libri basati sui personaggi ambientati in periodi storici che trovo spesso affascinanti. Di recente, ho adorato tutto di Sarah Waters, di Joanne Harris Folli santi, e Dormi, sorella pallidaDi Elizabeth Knox Billie's Kiss, Di Maria McCann Come la carne ama il sale. Mi piace molto anche la fantasia speculativa, ancora una volta, roba piuttosto oscura e psicologicamente complessa. Elizabeth Hand è un'autrice straordinaria di questo genere di cose. mi è davvero piaciuto Jonathan Strange e Mr. Norrell e il tutto Harry Potter la serie è sorprendente. Tolkien è il preferito da molto tempo. Il Signore degli Anelli è un libro che rileggo ogni anno.

Moe: Quando non scrivi cosa fai per divertimento?

Megan Chance: Leggo! Seriamente, preferirei leggere piuttosto che fare qualsiasi altra cosa sul pianeta. Mi piacciono i film, anche se non ho la possibilità di vederli molto. Non sono un grande osservatore televisivo, ma adoro Perso e Chef di ferro, e io amo Scoperta documentari di canale, in particolare su dinosauri, spazio e terre antiche. Adoro anche cucinare, e recentemente ho iniziato a cucire. Anche se amo fare le cose, non ho davvero la pazienza di farle bene.

Moe: I nuovi scrittori cercano sempre di ottenere consigli da chi ha più esperienza. Quali suggerimenti hai per i nuovi scrittori?

Megan Chance: Abbi il coraggio di avere una visione e non cedere alla pressione di seguire una tendenza. La tua voce è una fusione di tutto ciò che hai vissuto e nessuno ha vissuto il mondo come te. John Jakes ha dichiarato: "L'originalità non consiste nel dire ciò che non è mai stato detto prima; consiste nel dire quello che hai da dire".

Inoltre, smettere di riscrivere le prime 100 pagine più e più volte. Vai avanti. Finisci un libro. Impari di più dalla rifinitura di un romanzo completo di quanto tu possa mai fare dalla rifinitura di quelle pagine.

A volte idee e manoscritti devono essere messi da parte e le cose apprese da essi si applicano a nuove idee e nuovi manoscritti. È molto possibile modificare la voce e la passione da un manoscritto.

Moe: Se non fossi uno scrittore cosa saresti?

Megan Chance: Vuoi dire, cos'altro ho il talento di essere? Perché mi piacerebbe fare il pittore, ma non riesco affatto a disegnare. Realisticamente, sono stato in Broadcast Communications per molto tempo e probabilmente avrei ancora lavorato in quel campo in qualche modo. O forse sarei un insegnante di letteratura o storia.

Moe: Qual è la tua parola preferita?

Megan Chance: Croccante. Adoro i suoi diversi significati: aria fresca, una mela fresca, lenzuola fresche. Adoro l'onomatopea. Adoro come ci si sente a dirlo, la s e poi la rapida unione delle labbra sulla p. È stata a lungo la mia parola preferita.

Acquista Megan Chance's Una moglie inconsapevole da Amazon.com.
Acquista Megan Chance's Una moglie inconsapevole da Amazon.ca.


M. E. Wood vive nell'Ontario orientale, in Canada.Se hai intenzione di trovare questo eclettico lettore e scrittore ovunque, è probabilmente sul suo computer. Per maggiori informazioni visita il suo sito ufficiale.

Istruzioni Video: Jimmy Fallon Blew a Chance to Date Nicole Kidman (Ottobre 2021).