Classificazione internazionale delle malattie (ICD) 10
Il Classificazione internazionale delle malattie (ICD) è pubblicato dall'Organizzazione mondiale della sanità a Ginevra, Svizzera. Includeva i disturbi di salute mentale per la prima volta nel 1948, alla sua sesta edizione. Nel 1959, a seguito delle diffuse critiche al suo schema di classificazione, l'OMS commissionò un sondaggio globale sulle tassonomie dei problemi di salute mentale, condotto da Stengel. Il sondaggio ha rivelato grandi disparità e sostanziali divergenze su cosa costituisse la malattia mentale e su come dovesse essere diagnosticata (criteri diagnostici e diagnosi differenziali).

Tuttavia, non è stato fino al 1968 che le raccomandazioni di Stengel sono state attuate nell'ottava edizione. L'ICD-8 era descrittivo e operativo e non si impegnava in nessuna teoria dell'eziologia, patogenesi o dinamica psicologica. Tuttavia, sfoggiava una pletora confusa di categorie e consentiva una comorbilità dilagante (diagnosi multiple nello stesso paziente).

L'ICD10 era rivoluzionario. Ha incorporato i risultati di numerosi studi e programmi di collaborazione, sia nazionali che internazionali, e ha incluso contributi dell'American Psychiatric Association, l'editore del Diagnostic and Statistical Manual (DSM), l'equivalente dell'ICD in Nord America). Di conseguenza, l'ICD e il DSM sono ora sostanzialmente simili.

Ma, a differenza del DSM, l'ICD fornisce due serie di criteri diagnostici per ciascun disturbo. Un elenco è utile per il diagnostico e consente un po 'di latitudine e l'esercizio del giudizio del medico. L'altro set è molto più preciso e rigoroso e destinato a essere utilizzato da studiosi e ricercatori nei loro studi. Tuttavia, una terza classificazione semplificata è applicabile alle strutture di assistenza primaria e contiene solo ampie categorie (demenza, disturbo alimentare, disturbo psicotico e così via).

L'ICD10 discute separatamente i disturbi organici, legati all'uso di sostanze e allo stress. Il capitolo F, che tratta i disturbi della salute mentale, è diviso in dieci gruppi e ogni gruppo, a sua volta, è nuovamente suddiviso in cento subunità. Quindi F2 è la schizofrenia, F25 è il disturbo schizoaffettivo e F25.1 è il disturbo schizoaffettivo, di tipo depressivo.

Uno studio internazionale condotto in 112 centri clinici in 39 paesi ha dimostrato che l'ICD10 non è uno strumento diagnostico affidabile per quanto riguarda il disturbo di personalità (Sartorius et al. 1993). Questi risultati non furono ripetuti un anno dopo negli Stati Uniti e in Canada.

==============================================================

Autore Bio

Sam Vaknin è l'autore di Malignant Self Love - Narcissism Revisited e After the Rain - How the West Lost the East. Ha ricoperto il ruolo di editorialista per Central Europe Review, Global Politician, PopMatters, eBookWeb e coffebreakblog e come corrispondente senior business della United Press International (UPI). È stato editore delle categorie di salute mentale e dell'Europa centro-orientale in The Open Directory e Suite101.

Istruzioni Video: MoMED FSE Diario Clinico inserimento Visita ICD9 ICD10 (Settembre 2021).