Vampate di calore
"Flash caldo" è il termine usato per descrivere l'insorgenza improvvisa di calore o calore, che inizia nel torace e si diffonde al collo e al viso. Sudorazione, arrossamento, palpitazioni e ansia di solito accompagnano questo sintomo. Sono problematici perché sono ricorrenti, accadendo molte volte in un giorno. Un altro termine usato per descrivere questi eventi è "sintomi vasomotori". Anche la sudorazione notturna fa parte di questo complesso di sintomi. Questi sintomi sono in genere associati alla menopausa, ma possono verificarsi anche nelle donne in premenopausa e nelle donne dopo il parto.

Una vampata di calore si verifica quando la temperatura corporea interna aumenta improvvisamente a un livello superiore a una determinata soglia impostata. Al di sopra di questa soglia si verifica sudorazione e al di sotto di questa soglia si verificano brividi. C'è un intervallo di temperatura che è considerato normale e non si verificano tali sintomi. Si ritiene che questa "zona neutrale" sia molto più piccola nelle donne che soffrono di vampate di calore. Pertanto, piccoli cambiamenti nella temperatura corporea interna farebbero precipitare la sudorazione in una donna in menopausa ma in una donna non in menopausa lo stesso cambiamento sarebbe all'interno della zona neutra e non si verificherebbe una vampata di calore. Il restringimento di questa zona neutra è innescato da un'improvvisa diminuzione dei livelli circolanti di estrogeni. L'estrogeno e il testosterone influenzano le endorfine naturali, che a loro volta regolano la temperatura corporea interna.

Le vampate di calore si verificano nel 75% delle donne in postmenopausa e sono la lamentela più comune nelle donne in transizione verso la menopausa. I sintomi non sono in pericolo di vita ma possono essere angoscianti e distruttivi. Possono influenzare il lavoro, le interazioni sociali e interferire con il sonno. Secondo quanto riferito, si verificano 1-2 anni prima della menopausa e persistono fino a 5 anni dopo la menopausa. Molte donne sui 40 anni hanno riscontrato questo fenomeno.

Anche le donne a cui le loro ovaie vengono rimosse chirurgicamente presenteranno sintomi vasomotori. In molti casi sono più gravi che nelle donne in menopausa naturale. Immediatamente dopo il parto, si verifica un improvviso calo dei livelli circolanti di estrogeni. Non sorprende quindi che anche le donne dopo il parto avvertano vampate di calore. Le donne che assumono tamoxifene per il cancro al seno soffrono anche di sintomi vasomotori a causa dell'effetto antiestrogeno di questo farmaco. Gli uomini che ricevono determinati trattamenti per il cancro alla prostata che influenza la produzione di androgeni sperimentano anche vampate di calore.

I sintomi vasomotori associati alla menopausa possono essere abbastanza inquietanti. Alcune donne hanno sintomi lievi o nessun sintomo e non richiedono un trattamento, ma per altri l'insorgenza di questi lampi può essere molto distruttiva. Le vampate di calore e altri sintomi della menopausa potrebbero diventare intollerabili e il trattamento è quindi indicato per consentire il normale funzionamento. È importante discutere questi sintomi con il proprio medico, che può quindi prescrivere un regime terapeutico adatto a lei.

Spero che questo articolo ti abbia fornito informazioni che ti aiuteranno a fare scelte sagge, quindi puoi:

Vivi sano, vivi bene e vivi a lungo!

Istruzioni Video: Il Mio Medico - Vampate di calore: cosa fare? (Ottobre 2021).