La preghiera dell'apostolo Paolo per gli Efesini
La preghiera è la linea di vita dell'esperienza cristiana perché collega Dio e l'uomo. La Bibbia cita diversi casi in cui uomini e donne devoti hanno pregato e questi servono come linee guida per i credenti sui tecnicismi della preghiera. L'apostolo Paolo non fu solo un testimone esemplare di Cristo, ma anche un guerriero della preghiera le cui intercessioni hanno tracciato uno schema da assimilare nella vita di preghiera di un credente. La sua preghiera per la Chiesa di Efeso è un classico esempio delle profonde intercessioni di Paolo.

Paolo ritira una lettera agli efesini mentre era imprigionato a Roma. Sebbene ridotto in prigione, Paolo continua il suo ministero scrivendo lettere incoraggianti e preghiere incessanti. Come risultato dei viaggi missionari di Paolo, diverse nuove congregazioni sorsero dentro e intorno a Efeso e Paolo scrive questa lettera come una nota circolare a beneficio di tutte le assemblee.

È importante notare che Paolo non era personalmente associato a tutte queste congregazioni, tuttavia aveva sentito parlare della loro fede in Cristo e del loro amore per i santi. (Ef 1:15) Questo presenta un ambiente piuttosto interessante per la preghiera che segue. Paolo stava pregando per i credenti cristiani, non per i non credenti. Mentre molto spesso le preghiere intense fatte per la conversione delle anime terminano quando quelle pregate per rivolgersi a Cristo, Paolo trovava nella fede dei credenti un motivo per impegnarsi in una preghiera appassionata. Paolo comprese la necessità di un supporto di preghiera per questi fiori in erba nel giardino di Dio.

Con un cuore di ringraziamento, Paolo si lancia a pregare a nome dei credenti di Efeso per,

• Uno spirito se saggezza conoscere Dio
• Un cuore inondato di luce per conoscere e comprendere speranza della chiamata di Dio e la ricchezza dell'eredità nei santi, vita eterna
• Conoscere e comprendere il grandezza incommensurabile, illimitata e superiore a Dio manifestando la sua potenza sollevando Cristo dai morti, mettendolo a sedere in luoghi celesti, mettendo ogni cosa sotto i suoi piedi e nominandolo capo universale e supremo della chiesa, il suo corpo.

In poche parole, Paolo supplica Dio che i credenti abbiano saggezza, conoscano la loro speranza in Cristo e comprendano la grandezza di Dio. È interessante notare che Paolo no prega per la salute, la famiglia, la ricchezza, il conforto o persino il coraggio dei credenti per affrontare la persecuzione. Tuttavia, Paolo ha pregato per gli aspetti più essenziali della vita cristiana che si trovano nel cammino intimo di un credente con Dio. Con tale nutrimento spirituale, un credente è ben attrezzato per affrontare qualsiasi sfida nella sua vita temporanea sulla terra.

La preghiera di Paolo è un netto contrasto con la maggior parte delle preghiere nell'esperienza cristiana di oggi. Pensa alla tua vita di preghiera. Per chi preghi? Hai smesso di pregare per qualcuno per cui una volta pregavi? Qualcuno che ha ascoltato la chiamata di Dio e ha obbedito? Questa persona è caduta dalla tua lista di preghiere solo perché ora è credente?

Se preghi per i compagni di fede, per cosa preghi? Sicurezza? Sicurezza? Finanza? Famiglia? Ministero? Tutti questi sono certamente importanti bisogni terreni per i credenti. Ti sei reso conto che affollare le tue preghiere con questi bisogni soffoca il più alto bisogno del tuo amico di nutrimento spirituale? Quando impegnerai i tuoi amici in Cristo a conoscere la saggezza di Dio, la loro speranza in Cristo e la sua potenza sconfinata, insieme a questi soddisferà anche ogni esigenza terrena.

Ecco due libri sulla preghiera per ulteriori letture

Acquista "Preghiera: fa qualche differenza?" di Philip Yancey dal Amazon Bookstore

Acquista "Le preghiere di San Paolo" di W. H. Griffith dalla Libreria di Amazon



Istruzioni Video: Ricordandovi nelle mie preghiere, Efesini 1:16, 18 Novembre 2018 (Giugno 2021).