Vino in Tailandia
È presto per giudicare la vendemmia 2553 ma i viticoltori sono tranquillamente fiduciosi. Gli anni non variano molto. Certo, nemmeno le stagioni e senza l'inverno le viti non entrano in una fase dormiente e quindi continuano a produrre uva durante tutto l'anno dando l'opportunità di due raccolti. I lavoratori in barche a forma di punt galleggiano su canali tra filari di vite selezionando grappoli maturi per l'elaborazione. Potrebbe essere una visione del riscaldamento globale del futuro, ma questo è oggi nell'anno 2553 nel calendario buddista sui vigneti galleggianti del delta Chao Phraya della Thailandia a circa quaranta miglia a ovest di Bangkok.

La Tailandia non viene in mente quando si pensa ai paesi produttori di vino. La gente del posto ha tradizionalmente preferito le delizie di whisky locali come il Mekhong e la rinfrescante birra Singha. I vini importati sono costosi grazie alle feroci tasse all'importazione e non tendono a durare a lungo se conservati alle alte temperature ambientali della Thailandia.

Ma l'impatto dei refrigeratori di vino sui giovani bevitori ha prodotto una generazione aperta all'idea del vino. La Siam Winery ha lanciato il dispositivo di raffreddamento del vino Spy nel 1986. È una miscela di vini locali, tra cui alcuni provenienti dai loro vigneti galleggianti, con acqua gassata aggiunta che porta i livelli di alcol al 5-7%. Ora con una mezza dozzina di gusti nella gamma, le vendite annuali superano i 90 milioni di bottiglie. Nel 1997 Siam Winery pubblicò il suo primo vino da tavola con l'etichetta Chatemp e ora gestisce vigneti in diverse aree, tra cui vicino alla località balneare di Hua Hin, sulla penisola a sud di Bangkok.

La popolarità mondiale dei ristoranti tailandesi ha fornito opportunità di esportazione per i vini tailandesi, con il marchio leader della Monsoon Valley della Siam Winery. Si tratta di miscele con due varietà locali, Malaga Blanc e Pok Dum, predominanti. Entrambe sono varietà di vinifera; il primo arrivò nel 1685 in dono da Luigi XIV di Francia al re Narai il Grande del Siam e fu coltivato per la prima volta per l'uva da tavola. Le origini del Pok Dum nero non sono ancora chiare. Chalerm Yoovidhya, che ha creato la bevanda energetica Red Bull, ha fondato la Siam Winery nel 1982 e le esportazioni di vino hanno beneficiato dei canali di distribuzione internazionali di Red Bull.

La più antica azienda vinicola della Thailandia è Chateau de Loei, dove il defunto Dr. Chaijudh Karnasuta ha piantato viti Syrah e Chenin Blanc nel 1991 e ha prodotto la sua prima vendemmia nel 1995. Chateau de Loei si trova sulle colline della provincia di Loei, 285 miglia a nord ovest di Bangkok, dove le temperature diurne sono di 20-25 gradi Celsius (68-77F) (relativamente) freddi che scendono a 12 gradi (54F) di notte. Oggi, oltre agli Shiraz e ai Chenins, vengono prodotti anche spumanti da dessert e metodo.

La terza principale regione vinicola della Thailandia nelle montagne di Khao Yai, 95 miglia a nord-ovest di Bangkok, ospita tre cantine: la cantina Khao Yai, la Chateau des Brumes e la tenuta GranMonte. Khao Yai è stato il primo e ha sperimentato per alcuni anni piantando più di 50 varietà diverse per trovare quelle adatte alle condizioni. Ora producono vini Shiraz, Chenin e Tempranillo con i marchi PB Valley, Pirom e Sawasdee. Shiraz e Chenin sono anche le varietà preferite da GranMonte Estate e Chateau des Brumes. Quest'ultimo, la cui etichetta di esportazione è Village Thai, persevera anche con Cabernet Sauvignon, che riconosce è difficile da coltivare ma crede che ora stiano crescendo cloni più adatti.

L'industria del vino tailandese è molto giovane, le condizioni di crescita non sono ideali, non c'è molta esperienza e la maggior parte delle cantine impiega produttori di vino europei. Un attento esame delle etichette delle bottiglie di vino thailandesi in vendita a Bangkok mostra che molti contengono vini importati o concentrati di succo d'uva miscelati con vini locali. Ma vengono esportati solo i migliori vini, quindi dovresti vedere un vino tailandese nella lista dei vini di un ristorante o in un negozio da provare.




Peter F May è l'autore di Marilyn Merlot and the Naked Grape: Odd Wines from Around the World che contiene oltre 100 etichette di vini e le storie dietro di loro, e PINOTAGE: dietro le leggende del vino del Sudafrica che racconta la storia dietro il vino e l'uva Pinotage.





Istruzioni Video: VISITANDO LA FAMOSA “JAMES BOND ISLAND” EN TAILANDIA. (Giugno 2021).