La vitamina D può proteggere la gravidanza molto precoce
Un fattore chiave per il successo della gravidanza precoce è la capacità della placenta di produrre livelli adeguati di estrogeni e progesterone per nutrire e sostenere la gestazione in corso. Una carenza di progesterone è un fattore scatenante noto per aborto spontaneo e fallimento dell'impianto, quindi garantire una buona produzione di ormoni è vitale per prevenire l'aborto e la perdita precoce della gravidanza.

All'inizio della gravidanza estrogeni e progesterone sono prodotti dal corpo luteo, che è una minuscola ghiandola endocrina temporanea che si sviluppa sulla superficie ovarica dai resti del follicolo ovarico collassato.

Man mano che la gravidanza si sviluppa, la piccola placenta deve assumere questo importante lavoro di produzione ormonale e questa transizione può avvenire già dalla settima settimana di gestazione (la gestazione viene calcolata dal primo giorno del tuo ultimo ciclo).

Uno studio del 2007 (1) ha scoperto che l'efficienza con cui la placenta produce ormoni che sostengono la gravidanza è fortemente influenzata dalla disponibilità di vitamina D3 - o calcitriolo - che è noto per essere abbastanza carente in molte donne. Questo studio ha concluso:

"... il calcitriolo (vitamina D3) è un regolatore fisiologico della produzione di placenta E (2) (estrogeno) e P (4) (progesterone) e suggerisce un nuovo ruolo del calcitriolo sulla steroidogenesi placentare (produzione di ormoni)."

Altri studi (2) hanno anche scoperto che bassi livelli di vitamina D possono essere associati ad un aumento dei rischi di perdita della gravidanza.

La carenza di vitamina D è stata descritta come un'epidemia virtuale in molti studi. Il semplice ripristino di adeguati livelli di vitamina D3 può aiutare la placenta a produrre più estrogeni e progesterone, moderare la funzione immunitaria e prevenire l'aborto in modo molto naturale.

Se hai avuto un precedente aborto spontaneo, potrebbe essere saggio chiedere al tuo medico di testare i livelli di vitamina D con un test per 25-idrossi-vitamina D o 25-OHD che misura i livelli circolanti di vitamina D attiva. Il normale intervallo di riferimento è piuttosto ampio, che varia da 30 a 100 ng / ml e molti esperti ritengono che l'estremità inferiore di questa gamma, sebbene "normale", sia un po 'troppo bassa per una salute, una fertilità e un benessere della gravidanza ottimali.

Quanta vitamina D è sicura in gravidanza? Nonostante la RDA relativamente bassa per la vitamina D, recenti studi hanno dato alle donne in gravidanza 4.000 UI di vitamina D3 durante la gravidanza e hanno scoperto che questa dose può ridurre l'incidenza del diabete gestazionale e del parto prematuro.

Una recensione del 2011 della Medical University of South Carolina ha fatto luce sul controverso argomento dei fabbisogni di vitamina D in gravidanza. Sebbene la RDA per la vitamina D sia stata aumentata da 400 UI al giorno a 600 UI - il livello di molte vitamine prenatali è ancora di 400 UI, un livello considerato da molti esperti del tutto inadeguato soprattutto durante la gravidanza.

Il tema della supplementazione di vitamina D viene raramente affrontato in modo preconcettuale o alla visita pre-natale di dodici settimane lasciando molte donne al buio a proposito di nuove raccomandazioni. Questa revisione del 2011 conclude che potrebbe essere necessaria una quantità dieci volte superiore alla normale vitamina D:

"Le prove attuali supportano il concetto secondo cui la 25-idrossivitamina D circolante dovrebbe essere 40-60 ng / ml (100-150 nmol) durante la gravidanza e per raggiungere quel livello circolante è necessaria un'assunzione giornaliera di 4000 UI di vitamina D3."

Se sei incinta, chiedi al tuo medico un test di 25-idrossi di vitamina D per controllare i tuoi livelli. Se sono bassi, chiedi di iniziare un programma di integratori e di ripetere i test per assicurarti che i tuoi livelli siano adeguati per concepire e avere una gravidanza sana.

La vitamina D3 è considerata la forma più sicura di vitamina D da integrare e poiché è una vitamina liposolubile, è meglio assorbirla con un pasto contenente grassi. Gli studi hanno dimostrato che avere buoni livelli di vitamina D può avere un effetto protettivo sulla gravidanza riducendo l'incidenza del parto prematuro, quindi è importante che i tuoi livelli siano buoni.

Questo articolo è solo a scopo informativo e non intende sostituire la consulenza di un medico o dietista adeguatamente qualificato.


(1) J Steroid Biochem Mol Biol. 2007 marzo; 103 (3-5): 529-32. Epub 2006, 23 dic.
La sintesi di estradiolo e progesterone nella placenta umana è stimolata dal calcitriolo. Barrera D, Avila E, Hernández G, Halhali A, Biruete B, Larrea F, Díaz L.

(2) Hum Hum Reprod. Febbraio 2014; 29 (2): 208-19. doi: 10.1093 / humrep / det424. 24 novembre 2013.
La carenza di vitamina D può essere un fattore di rischio per le ricorrenti perdite di gravidanza aumentando l'immunità cellulare e l'autoimmunità. Ota K1, Dambaeva S, Han AR, Beaman K, Gilman-Sachs A, Kwak-Kim J.

Istruzioni Video: Scopri come usare il Test di Gravidanza Clearblue Plus (Gennaio 2022).