Traduzioni di disabilità infantili
Quando mio figlio riceveva i servizi da un centro di intervento precoce, ho sentito il personale parlare delle difficoltà linguistiche che avevano con la madre di un nuovo bambino con sindrome di Down, la cui famiglia parlava solo spagnolo a casa. Quando ho espresso interesse a incontrarla, mi è stato detto che avevano contattato un traduttore che sarebbe stato disponibile a parlarle delle sfide di suo figlio e dei servizi di intervento precoce raccomandati. Ho suggerito di fornire al traduttore le informazioni che ho fornito ad altre famiglie di neonati e bambini che hanno partecipato ai programmi dell'EIC, ma questo è stato scoraggiato, probabilmente perché i finanziamenti non coprivano la formazione, ma solo la traduzione. So che è meglio educare i traduttori sulle disabilità prima che traducano per i genitori di bambini con disabilità.

Mi sono offerto di contattare le comunità locali di lingua spagnola attraverso giornali settimanali e organizzazioni di difesa per trovare informazioni sulla sindrome di Down in spagnolo, ma il personale ha confidato che non si sentivano a proprio agio nel fornire informazioni che non erano disponibili in una traduzione inglese perché non sapevano quanto fossero affidabili o accurate la fonte potrebbe essere.

Ho contattato le organizzazioni nazionali di difesa della sindrome di Down e mi è stato detto che il gruppo della sindrome di Down a Los Angeles aveva risorse in lingua spagnola. Quando è arrivato quel materiale, ho fotocopiato gli articoli per il centro di intervento precoce e li ho inviati agli editori locali dei giornali e delle riviste in lingua spagnola. Ciò che è scritto nella prima lingua di un genitore spesso comunica più delle singole parole utilizzate. È anche importante ricordare che lo spagnolo è parlato in molte culture e paesi diversi e può esserci una grande diversità nelle credenze di educazione dei figli, nella religione e in altre tradizioni, all'interno della popolazione di ogni città e nazione.

Quella madre era l'unica mamma con cui lo staff dell'EIC non mi ha invitato a parlare del suo bellissimo bambino con sindrome di Down. Mio figlio è passato all'asilo, ma quella donna che non ho mai incontrato è rimasta nel mio cuore per anni. Frequentando eventi di sensibilizzazione sulla disabilità e riunioni del gruppo di genitori, non ho visto altri genitori che riflettessero la diversità della comunità o della mia famiglia. Ho iniziato a chiedere a relatori e organizzatori come potevano includere le famiglie che lo facevano; e ha chiesto ai politici in occasione di eventi locali in cui avrebbero inviato alle famiglie di diverse comunità informazioni e sostegno ai loro bambini con disabilità. Altri genitori che stavano crescendo bambini con la sindrome di Down hanno tradotto il mio articolo Welcoming Babies in spagnolo e francese, o hanno pubblicato le loro traduzioni sui siti Web di informazione sulla sindrome di Down in Giappone, Scandinavia e altri paesi.

Ho scritto alcune colonne per il Northwest Ethnic News sperando di ottenere informazioni sulla sindrome di Down e sulle disabilità dello sviluppo in tutte le comunità. Poco dopo, il nostro arco regionale ha richiesto e ottenuto finanziamenti per i coordinatori di sensibilizzazione multiculturale. Proprio come la diversità che i nostri figli apportano al mondo avvantaggia l'intera comunità, le famiglie con culture e lingue diverse arricchiscono la nostra comunità di disabilità. Raggiungere più famiglie fornendo collegamenti a informazioni affidabili con commenti in più lingue aiuta i sostenitori di lingua inglese a fornire un servizio migliore anche a tutti coloro che li contattano.

Anche in quelle che sembrano essere comunità omogenee ci possono essere sfide dovute a differenze di opinione ed esperienza. Il rispetto piuttosto che la tolleranza è un segno di una comunità sana, ma a casa o in tutto il mondo, le persone possono iniziare solo da dove si trovano quando ci incontriamo. Parlare un linguaggio comune non garantisce comprensione o fiducia. Possiamo trovare spiriti affini tra coloro che sono cresciuti parlando una lingua diversa a casa, che possono condividere tradizioni culturali che troviamo familiari perché sono così simili alle nostre. Possiamo anche trovare cari amici la cui diversa prospettiva è proprio ciò di cui abbiamo bisogno per andare avanti con le nostre vite in una direzione più positiva.

Mentre mio figlio si diplomava nel nostro distretto scolastico locale nelle aule del quartiere, molte delle piccole sistemazioni per gli studenti ESL in transizione (inglese come seconda lingua) gli erano incredibilmente utili per le classi tradizionali. Ha trovato i suoi amici più cari tra i bambini che hanno portato la loro diversità nella loro relazione. Avremmo dovuto avere l'opportunità di conoscere quella madre che non avevo mai incontrato e la sua famiglia, che avrebbe aggiunto alla ricchezza della nostra esperienza quanto avremmo aggiunto alla loro. Questo è il motivo migliore per assicurarsi che le traduzioni siano disponibili e appropriate per ogni genitore e figlio mentre costruiamo insieme un mondo migliore per le nostre famiglie.

Cerca nella tua biblioteca pubblica, libreria locale o rivenditori online i libri che sono stati tradotti in altre lingue, come: Bebés con síndrome de Down: guía para padres o Bienestar mental en los adultos con sindrome de Down: Una guia para comprender y valutar sus cualidades y problemas

Istruzioni Video: FAMIGLIE MIGRANTI E MEDIAZIONE CULTURALE. (Gennaio 2023).