Test degli anticorpi ovarici prima della fecondazione in vitro
Il test sugli anticorpi ovarici (AOA) è controverso, ma nuove ricerche stanno stabilendo un posto per il test AOA prima dell'IVF per identificare le donne a rischio di fallimento dell'IVF. Gli studi hanno dimostrato che l'identificazione di tali donne può aprire la possibilità di un trattamento con corticosteroidi che sopprime la produzione di anticorpi prima e durante la fecondazione in vitro, dimostrando di migliorare il successo della fecondazione in vitro.

Il test AOA stabilisce se una donna ha una disfunzione autoimmune che ha portato gli anticorpi anti-ovarici ad attaccare le ovaie in modo simile al modo in cui il corpo attacca le articolazioni nell'artrite reumatoide. Un clinico astuto può sospettare anticorpi ovarici se una donna ha una storia di scarsa risposta IVF, livelli di estradiolo molto bassi e altri fattori autoimmuni ma a volte non ci sono indizi nascosti.

Le cliniche di sterilità variano notevolmente nei test di gamma che offrono alle donne prima di iniziare e il ciclo di fecondazione in vitro. Alcune cliniche offrono test molto approfonditi e valutano i fattori autoimmuni prima della fecondazione in vitro, mentre altri raramente testano i fattori immunitari - che possono causare fallimento della fecondazione in vitro e aborto spontaneo - a meno che il paziente non abbia avuto 2-3 aborti spontanei.

Questa mancanza di test può avere conseguenze molto spiacevoli; alcune donne sperimentano più cicli di fecondazione in vitro non riusciti prima di scoprire che i fattori autoimmuni come l'AOA potrebbero essere stati la colpa. Se questi fattori fossero stati scoperti - e trattati - prima, forse sarebbe stato possibile un risultato diverso.

Uno studio del 2010 ha cercato di stabilire se i test AOA dovrebbero avere un profilo più elevato nella serie di test offerti alle donne sterili prima della fecondazione in vitro. Sono stati studiati due gruppi di donne sottoposte a fecondazione in vitro-ET; il gruppo 1 era positivo per AOA che ha ricevuto una terapia con corticosteroidi nota per ridurre i livelli di anticorpi e migliorare l'esito della fecondazione in vitro per tali donne. Il gruppo 2 non aveva evidenza di anticorpi ovarici. Sono state studiate in totale 570 donne sterili.

I ricercatori dello studio hanno concluso che:

"I test AOA potrebbero essere inclusi nella serie di test che indagano e trattano l'infertilità."

"Le donne infertili che cercano la riproduzione assistita dovrebbero sottoporsi al test del siero per gli anticorpi anti-ovarici prima dell'inizio dei protocolli di stimolazione ormonale. Ciò non solo garantirebbe l'efficacia dell'IVF-ET, ma risparmierebbe anche sull'enorme tempo e denaro investito in questo protocollo."

Anche quando i livelli di AOA diventano non rilevabili dopo il trattamento con corticosteroidi, alcune donne con una storia di anticorpi ovarici avranno ancora una tendenza a una scarsa risposta IVF e un numero minore di ovociti al momento del prelievo. Altre donne, tuttavia, avranno le possibilità di successo significativamente aumentato attraverso i test AOA e l'opportunità di perseguire il trattamento con corticosteroidi. Se stai per perseguire la fecondazione in vitro, questa piccola informazione potrebbe rivelarsi preziosa.

Riferimento:
Il test anticorpale anti-ovarico può essere utile in una clinica IVF-ET. Giornale di riproduzione assistita e genetica. Eusebio S Pires, et al. Vol 28, numero 1, 55-64, DOI: 10.1007 / s10815-010-9488-2






Istruzioni Video: How in vitro fertilization (IVF) works - Nassim Assefi and Brian A. Levine (Settembre 2021).