Song Thrush And Sister Peter

Ogni nuova lama di erba color smeraldo fuori dalla finestra dell'aula brillava in quella luce particolarmente lurida dell'inizio della primavera - uno shock per gli occhi dopo il pallore dell'inverno. Ogni lama si piegava e tremava dolcemente nella brezza, attraverso la quale le risse risse combattevano per portare ramoscelli freschi per riparare i loro nidi nelle cime degli alberi di fronte. Ingranditi dai vetri della finestra dell'aula, i raggi del sole bruciavano la bambina attraverso il suo cardigan lanoso mentre calcolava il numero di ore prima che le sue mani potessero attraversare quelle onde di verde o afferrare la ruvida corteccia della quercia.


Era sicura di aver visto il fruscio nelle sue foglie inferiori che indicava il nido di un Tordo bottaccio. Questo fruscio di solito è stato generato dal movimento gentile e ripetitivo di un uccello madre, mentre volteggiava lentamente e deliberatamente attorno al nido, levigando le sue sottili pareti di argilla alla perfezione. Mentre affondava il suo morbido seno lanuginoso con il bordo di paglia, sarebbe stata visibile solo la striscia pallida dell'occhio. Rimuginando, marrone e chiazzato, si sarebbe sciolta sullo sfondo della corteccia e dei rami.


10.25. Esattamente un'ora e venticinque minuti di ticchettio, e fu solo fino all'ora di cena che pensò la bambina, mentre si trascinava nel becco del suo uccello scarabocchiando accanto alle frazioni.


La sua amica Imelda balzò in piedi all'improvviso. È stata Door Monitor quella settimana. Lei fece un lieve inchino mentre faceva entrare una delle sorelle di cucina. Le ragazze sorrisero tutte. Era suor Peter, che sorrideva a tutti quanti come al solito. Sembrava portare con sé un'aura di vapore da cucina ovunque andasse - oggi era l'odore del trito bollente. Le ragazze più anziane fanno sapere che ha dovuto lavorare nelle cucine perché non sapeva leggere o scrivere.


"Una delle sorelle di cucina è stata presa male" hanno sentito.
"Potrebbe una delle ragazze essere risparmiata fino all'ora di cena?"


Sorella Ignazio incrociò le braccia, si incassò com'erano in strisce di nero e le toccò il piede.
"Andrò" ripassò Imelda, chiudendo il suo libro delle somme.
"Non farai niente del genere" scattò Sorella Ignazio, i suoi occhi freddi come i ciottoli nel letto del torrente nel prato d'acqua oltre il campo della scuola.
"LA TUA madre è una signora - cosa penserebbe?"
I suoi occhi si posarono sull'amica di Imelda, quella magra seduta accanto alla finestra.
"Quella ha una pietra per un cuore", sussurrò Imelda all'orecchio della sua amica, e colpendola per farla alzare in piedi, "Vai avanti, vuole che tu guadagni il tuo mantenimento!"


La bambina magra seguì la sorella Peter fuori dall'aula calda e silenziosa lungo il corridoio piastrellato fino alla porta dove l'aria entrava respirando, respirando il profumo delle foglie di geranio schiacciate. Amava i gerani con i loro sfacciati colori sgargianti e amava anche la sorella Peter. Sapeva che le avrebbe dato una torta rock.


Nelle cucine, tutto era attività. Le patate venivano gettate a ebollizione, i coperchi di pentole di alluminio rimbalzavano sulle piastrelle del pavimento e, naturalmente, c'erano "le pendenze" - secchi di metallo con maniglie che risuonavano dalle pareti della cucina. Sorella Peter si tolse le protezioni per le maniche a quadretti bianche e nere dalle braccia e le usò per asciugare il vapore dall'acqua delle stoviglie dai suoi spessi bicchieri. Avevano pesanti bordi neri ma i suoi occhi risero dietro di loro. Diede alla bambina due pezzi di Fruit Brack * e annuì con il suo invito a mangiarli entrambi.

"Il tuo braccio sarebbe una buona gamba di passeri." Disse, ispezionandosi il polso. "Mangia quelli e prendili."

Poi prese un secchio di bucce di verdure, foglie di tè e gusci d'uovo puzzolenti in ogni mano. Si diresse fuori dalla porta del retrocucina, lungo il sentiero che portava al giardino della cucina. La bambina la seguì dietro, afferrando fermamente il secchio che il suo corpicino poteva gestire davanti a lei, sbattendole le ginocchia sfiorate mentre andavano. Fermandosi due o tre volte per appoggiare il secchio sul sentiero di cenere rossa di fronte a lei, si rese conto (agog di vedere i meccanismi interni del convento) che si stavano dirigendo verso una Hen Run.


Dietro il filo del pollo, gli occhi delle galline fissi su di lei - ognuno giallo, perlato, vetrato. Rabbrividì alla luce del sole, anche se i capelli sotto le sue mani erano fervidamente caldi mentre lo spingeva dietro le orecchie. Sorella Peter inclinò il primo secchio sulla terra cotta. Qui non c'era erba, solo polvere dai graffi degli artigli dei polli, artigli che erano spessi, gialli, cornuti e affilati. Non impressionati, i polli ignorarono le bucce di patate, rigirando ogni boccone per ottenere qualcosa di invisibile sotto. Le loro schiene luccicavano oleosamente rame nel bagliore del sole ardente.Uno di loro era più grande di tutti gli altri e sfilava le sue piume di coda blu-verde avanti e indietro lungo il parapetto della gabbia.


"Penseresti che fosse un pavone invece di un galletto" annunciò improvvisamente la sorella Peter. “San Pietro ha denunciato il suo Maestro tre volte prima del solco di galli. Ricorda che quando mangi le tue uova di Pasqua questa domenica. Non lo faresti, certo che non lo faresti? "
"No davvero, sorella" rispose il bambino, guardando spaventato l'uccello orribile. Un galletto come quello era saltato in piedi con le sue due gambe contemporaneamente e aveva attaccato il suo fratellino. Gli aveva lasciato dei graffi rosso intenso sulla schiena.

"Pensavo di no" annuì sorella Peter, prendendo sei uova dal profondo delle sue tasche.
"Infilalo nel cardigan e attenzione a non dirlo alle altre ragazze."
"Ma sorella, non si spezzeranno?" la bambina si avventurò, mentre risalivano il sentiero per altri secchi, il pesante abito nero della sorella sfiorava il profumo del rosmarino e del timo in aria mentre marciava.
"Non sono uova normali", ha richiamato. "Sono fatti con un sottile cioccolato ricoperto di zucchero."


Frettolosamente, mentre si stavano avvicinando alla finestra dell'aula, la bambina li infilò nelle tasche del cardigan, tre per lato. Due dei detenuti alzarono lo sguardo dai loro libri di somme e uno addirittura tirò fuori la lingua gelosamente mentre passava di corsa. Non le importava: fissava e fissava quelle squisite uova per tutto il tempo che le piaceva a casa. Avrebbe tracciato il modo migliore per massimizzare la deliziosa sorpresa per i suoi fratellini. Forse li avrebbe persino messi in veri e propri portauovo per "un po 'di gas * * per tutti" la domenica di Pasqua. Sentì il suo cuore sorridere al pensiero dell'eccitazione dei più piccoli, mentre trasportava fuori il contenuto dell'ultimo secchio, un sudiciume puzzolente di melma che accompagnava le bucce, per buona misura.
"Vai fuori", salutò la sorella Peter mentre cercava di ringraziarla. "Di 'al tuo Mammy, che è per il tuo aiuto oggi e tutti gli altri giorni - ce n'è abbastanza per uno ciascuno per i tuoi piccoli."


La sera, dopo aver scuoiato gli stinchi scivolando giù dal tronco della quercia dal nido del Tordo bottaccio, è uscita dalla scatola di fiammiferi preferita di suo fratello. Successivamente lo riempì con cura di lana di pecora. Con delicatezza mise al suo interno un minuscolo uovo ovale del più luminoso azzurro più frizzante, un cucchiaino di cielo, pensò, macchiato di schizzi di pelle color. Lei fece scivolare lentamente la scatola con un dito.


Faceva ancora caldo nel sole del tardo pomeriggio, mentre lei e il suo fratellino avevano raggiunto il nido. Due anni più giovane di lei, aveva annunciato abbattuto, che stava guardando tutto il giorno ed era sicuro che l'uccello madre fosse volato.
"Probl’y quelle prepotenze" aveva aggiunto, sconsolato.


Mentre aveva manovrato la sua mano attraverso i rovi laceranti e l'edera nel nido oscuro, ebbe un brivido soprannaturale che confermò le loro peggiori paure. Non ci sarebbero principianti da guardare, cadendo su se stessi per acquisire le nuove tecniche necessarie per raggiungere le acrobazie aeree del volo. La freddezza delle quattro uova era scura, profonda e definitiva. Abbastanza freddo da scuotere un dito caldo.
"Li riscalderemo?" arrivò una voce tremante dal basso, alla notizia.



Ispirata, sua sorella chiamò, cercando di rallegrarlo. "So cosa faremo"
"Li daremo come regali, come le uova di Pasqua."
Togliendosi il cardigan lanoso, caricò con cura il carico di uova, uno per viaggio pericoloso, nelle tasche e lo penzolò giù con una manica lunga, a suo fratello che scrutò l'oscurità dal basso.


Una volta tornata in sicurezza sulla soglia di casa, gli diede le tre scatole di fiammiferi con le macchine sul davanti e mise l'ultima, quella con la foto di un cigno, nell'angolo della sua cartella di pelle marrone. Al mattino, quando portava il registro delle cene nelle cucine, lo metteva sul davanzale della Scullery, vicino ai gerani, indirizzato a suor Peter.



* 1 - "brack" - un tradizionale pane alla frutta irlandese, preparato con uva sultanina imbevuta di tè.

* 2 - "great gas" - "great fun"

Questa storia è tratta dalla mia prima raccolta di Short Stories "Dead Nuns Shoes", pubblicata su Lulu.com Autopubblicazione con il mio pseudonimo Siobhain O Cuillinn. Queste storie descrivono le scintille a volte desolate, a volte brillanti di un'educazione all'antica convento.





Istruzioni Video: DO I LOVE YOU BY Anthea and Paul Anka With Lyrics (Ottobre 2021).