The Sims Medieval
Una variante del classico modello di The Sims, "The Sims Medieval" combina la simulazione di vita dei Sim con uno stile di gioco più diretto, ambientato in un mondo fantasy Ren-Faire.

The Sims Medieval mette il giocatore al comando di un piccolo regno fantasy. Il giocatore alterna il controllo di diverse figure importanti all'interno del regno come cavalieri, spie, maghi e persino monarchi. A differenza dei precedenti giochi Sim, che erano completamente a tempo indeterminato, The Sims Medieval si basa sul completamento di ricerche per il bene del regno.

All'inizio di un gioco, c'è solo un grande edificio nel regno: il castello, che ospita il monarca. Una volta completate le missioni, il giocatore riceve punti con cui costruire nuovi edifici, che a loro volta ospitano nuovi personaggi giocabili. Ad esempio, una caserma ospita il personaggio del Cavaliere, una cattedrale ospita il personaggio del Sacerdote e così via. Tutti i personaggi giocabili sono personalizzabili, dalla pelle ai capelli, dai vestiti alla personalità, proprio come nei precedenti giochi di The Sims. Durante le missioni, viene controllato un solo Sim (anche se alcune quest richiedono un secondo personaggio).

Gli obiettivi della missione sono generalmente semplici e vengono sempre presentati di fronte al giocatore: vai qui, fai questo, parla con questa persona, eccetera. I Sim hanno anche abilità diverse a seconda della loro classe: le spie possono saccheggiare le persone o maltrattarle per informazioni, i sacerdoti possono convertire gli altri nella loro fede, i cavalieri possono sfidare le persone ai duelli e così via. L'unica vera "sfida" nel completare le missioni, tuttavia, è rendere felice il tuo Sim mentre completa gli obiettivi gestendo il suo cibo, energia e livello di stress.

Come nei precedenti giochi Sim, un sacco di tempo in Sims Medieval è passato ad aspettare. Ciò è particolarmente vero per molte quest, in cui la semplice parte "vai qui, fai questo" della ricerca viene occasionalmente interrotta dalla necessità che il Sim prenda un pasto o dorma. Durante una missione, il giocatore ha la licenza per eseguire le parti "sandbox" del gioco come acquistare oggetti, ridipingere la propria casa, fare amicizia e trovare romanticismo. Tuttavia, il gioco è inconfondibilmente guidato dalla ricerca, poiché è impossibile avere il sandbox SENZA la ricerca. E forse è per il meglio, poiché la personalizzazione del mondo di gioco è abbastanza carente.

Mentre alcune parti del gioco sono estremamente personalizzabili, come gli armadi dei personaggi e il posizionamento dei mobili, non è così tanto come i giochi di The Sims. Ad esempio, ogni edificio ha una forma predeterminata: puoi spostare mobili e simili all'interno di quell'edificio, ma l'edificio stesso sarà sempre lo stesso. In quanto tale, è stato davvero difficile rendere il gioco personalizzato: stai solo affrontando le missioni con i tuoi Sim a malapena caratterizzati per l'opportunità di acquistare alcune decorazioni relativamente semplici.

La grafica del gioco è piuttosto buona e c'è un numero enorme di oggetti e opzioni di abbigliamento che si adattano al tema medievale del gioco. Lo stile artistico oscilla tra dettagli e fumetti nel tentativo di attrarre sia l'estetica "medievale reale" sia l'estetica "fantasy medievale", che può sembrare un po 'sciocca. È possibile creare un'estetica unificante nel proprio mondo di gioco coordinando i colori e gli abiti, ma il gioco ha una quantità stranamente bassa di gestione reale del regno - nessun banner personalizzabile o araldica, che sembra una cosa piuttosto semplice in un gioco come questo.

Nel complesso, The Sims Medieval è un gioco che va bene se vuoi ammazzare il tempo. Va tutto bene, è solo che diventa noioso molto velocemente. Se riesci a rimanere interessato al suo concetto di base, allora è un gioco abbastanza buono. Se stai cercando qualcosa di profondo che attiri la tua attenzione, probabilmente non ne vale la pena. 7/10.

Abbiamo acquistato The Sims Medieval con i nostri fondi.

Istruzioni Video: LGR - The Sims Medieval Review (Dicembre 2022).