Sulla filosofia
Lo studio della filosofia ha significato molte cose per molte persone. Per i cinici significava prima di tutto conoscere te stesso. L'imperatore Giuliano fa avanzare l'idea che è sufficiente che tutti i filosofi “ascoltino il dio pitico quando ordina questi due precetti, 'conosci te stesso' e 'falsifica la valuta comune'”. 1 Facendo queste due cose si otterrà la saggezza richiesta per conoscere la verità.

Nel processo di conoscenza di se stessi è necessario cercare prove interiori apodittiche di ciò che si è veramente. Anche se molte orecchie moderne possono rabbrividire, siamo in parte mortali e in parte divini. Mentre la concettualizzo, la verità ha due parti: una ideale e l'altra empirica. Per conoscere noi stessi dobbiamo conoscere sia la nostra natura empirica che la nostra natura ideale. Poiché queste due nature esistono in un unico essere, si può facilmente dedurre che la verità è di natura unitaria. È una sintesi del materiale e dell'immateriale. Per questo motivo ho scelto di chiamare la verità verità unitiva (è un'unione di verità ideali ed empiriche). Il semplice fatto di avere esperienze apodittiche indica che abbiamo accesso a una parte della verità unitaria, questo è certamente l'ideale. Dobbiamo rivolgerci alla nostra scienza amica sempre più accurata per ottenere approfondimenti sulla natura della verità empirica. Tuttavia la verità unitiva non deve essere confusa con il relativismo. È quando si scopre che qualcosa partecipa alla verità ideale e alla verità empirica che dovrebbe essere chiamato unitamente vero. Pertanto, a causa della natura della verità empirica, esiste uno standard oggettivo che si applica alla verità unitiva. Anche gli argomenti avanzati da Husserl sono certamente a favore di un obiettivo nella pura logica e ergo nella verità ideale.

Il secondo precetto di Apollo riguarda il modo in cui cerchiamo quella conoscenza di sé che ci porta alla comprensione di quale sia la verità unitaria. La valuta comune in termini filosofici è un'idea che viene accettata solo in base all'autorità della persona o istituzione da cui deriva. Dobbiamo "falsificare la valuta comune" di idee non valide e troppo accettate. Ciò significa che, come Diogene, dobbiamo trovare le nostre prove per sostenere i nostri concetti di verità. Mentre siamo limitati in ciò che possiamo guadagnare scientificamente per noi stessi, abbiamo il controllo completo di ciò che possiamo ottenere idealmente. Se ricordiamo le idee stoiche sulla volontà, possiamo fare un altro passo. Abbiamo la capacità di negare il nostro consenso da spiegazioni scientifiche, o da qualsiasi altra, che abbiano presupposti logicamente non validi. Quindi possiamo abbinare le nostre esperienze apodittiche con le spiegazioni corrette delle nostre nature empiriche e derivare la verità unificata.

Istruzioni Video: Lezione sulla filosofia di Nietzsche: introduzione (Novembre 2021).