Animali nativi inglesi
Ora l'Inghilterra non ha quasi animali predatori allo stato brado, ma è sempre stata così? Non secondo antiche rime. L'Inghilterra era una volta un paese in cui gli animali predatori vagavano liberamente e quindi si nascondeva il pericolo.

Molti secoli fa; Orsi, lupi, lince, ect, spaziarono tra boschi e boschi. Anche il cinghiale, Elk e Aurochs (tori selvatici) erano abbondanti. Tuttavia, sebbene alcune di queste specie siano rimaste appese fino al Medioevo, la maggior parte di questi animali era ormai scomparsa da tempo.

L'ultimo lupo inglese in Inghilterra fu probabilmente ucciso e la popolazione si estinse nel XVI secolo, anche se si pensa che in Galles sia durato qualche secolo in più. Il cinghiale si estinse nel XVIII secolo, probabilmente per essere stato ucciso per carne durante le feste. La carne di cinghiale è stata spesso una specialità. Le grandi mandrie di Auroch non durarono almeno a lungo e purtroppo se ne andarono già nel IX secolo, sebbene nel continente durò per molti, molti più secoli.

Nei primi secoli in Gran Bretagna esisteva un animale da pastore di dimensioni ancora maggiori. La specie di cervo gigante chiamata Megaloceros, con una lunghezza di corna fino a 3 metri; era probabilmente estinto quando l'uomo neolitico stava costruendo delle palizzate di legno. Ma le corna venivano spesso trovate e forse usate per scavare.

Si pensa che Lynx sia passato nel X secolo, almeno in Inghilterra. Si pensa che i coloni neolitici che si mescolavano con i popoli già presenti o prendessero il sopravvento, provenivano dal continente e portavano i loro animali; bestiame, cani e gatti domestici, maiali e anche capre con loro e costruito le palizzate di legno per proteggerli. Questa introduzione di animali importati ha probabilmente avuto un effetto negativo sulla vita selvaggia originale, dopo la loro introduzione.

Nell'Inghilterra sassone la terra fu liberata dalla foresta e una grande area comune fu utilizzata per l'agricoltura, questa fu divisa in strisce chiamate solchi. Tuttavia, nel Medioevo i ricchi proprietari terrieri avevano rivendicato molta terra e piantato siepi per segnare i loro confini. Ciò avrebbe potuto significare che l'agricoltura era più facile, ma per i poveri significava che erano mendicanti e affamati, poiché la perdita della loro terra significava la perdita dei loro mezzi di sussistenza.

La terra del Tamigi fu presa dalla popolazione nel Medioevo e ceduta agli allevatori di pecore per il commercio della lana, che da allora era diventata un settore importante e significava tasse per la corona, estremamente preziose per l'economia britannica. Tuttavia, ciò ha anche lasciato meno terra per la gente comune e l'ha messa nelle mani dei ricchi.

Quindi ormai la maggior parte degli animali selvatici predatori o greggi originali era stata sostituita dalle importazioni. Per fortuna ora esiste un programma che sta rilasciando i nostri animali originali e sopravvissuti nel loro habitat naturale. Speriamo disperatamente che questo abbia successo. Ma con i gatti selvatici fuggiti (Lynx, Jaguar ecc.) Dai proprietari negligenti, a causa di cambiamenti nella legge negli anni 1070; questo e anche stormi di uccelli esotici fuggiti e persino wallaby selvatici, che ora vivono tutti allo stato brado, non catturati, dobbiamo aspettare e vedere.


Ringraziamo di cuore i libri di Ladybird per il loro Conservation Book. Questo è stato uno strumento prezioso nella stesura di questo articolo.


Istruzioni Video: Imparare l'inglese - phrasal verbs (animali) (Dicembre 2021).