Recensione del film Mustang
"Mustang" è ambientato in un piccolo villaggio sulla costa turca del Mar Nero, ma i dettagli della storia parlano delle condizioni delle donne e delle ragazze su scala globale. Deniz Gamze Erguven, regista e co-sceneggiatore, ha affermato che il film doveva apparire come una fiaba. Questo approccio accentua l'universalità della narrativa, ma impedisce anche al film di impantanarsi in una discussione sull'Islam. Invece, "Mustang" è un'esplorazione del modo in cui le società conservatrici, di qualsiasi affiliazione, tentano di soggiogare e regolare la vita delle donne.

Il film si apre l'ultimo giorno dell'anno scolastico per cinque sorelle orfane. Sonay, Selma, Ece, Nur e Lale festeggiano giocando in spiaggia con alcuni compagni di classe maschili. Quando arrivano a casa, tuttavia, scoprono che un vicino ha riferito il loro comportamento come preliminari sessuali. Le ragazze vengono picchiate dalla nonna e, con l'aiuto di uno zio, vengono confinate in casa. In rapida successione, Sonay e Selma si sposano con i primi pretendenti disponibili. Le ragazze rimanenti, che vivono in condizioni sempre più repressive, organizzano la loro fuga.

Delle attrici che interpretano le cinque sorelle, solo una ha avuto esperienze precedenti. Erguven condusse due campi di addestramento per le ragazze; uno incentrato sulle capacità di recitazione e un altro che ha sviluppato un retroscena per le sorelle e costruito solidarietà di gruppo. Di conseguenza, le giovani donne sono perfettamente naturali e credibili sullo schermo. Anche Erguven, e i suoi cineasti David Chizallet ed Ersin Gok, fotografano le ragazze in modo non sfruttatore. Sono belli, ma non in modo voyeuristico o eccessivamente sessualizzato.

"Mustang" viene talvolta paragonato al film di debutto di Sofia Coppola, "The Virgin Suicides" (1999), che ruota attorno a cinque sorelle. Mi è stato, tuttavia, ricordato il film di Deepa Mehta "Water" (2005). "Water" è ambientato in India e racconta la storia di una bambina vedova confinata in un ashram e, insieme alle altre vedove, privata di un'istruzione e di un futuro. Sia "Acqua" che "Mustang" illustrano la minaccia di abusi sessuali quando le ragazze vengono sequestrate da uomini. Entrambi i film mostrano anche come le donne anziane siano cooptate dal sistema e aiutano a sorvegliare e punire qualsiasi ragazza che rifiuta di conformarsi.

Mentre "Mustang" termina con una nota trionfante, c'è un'immagine che indugia nella mente. Lale chiede a Nur se le piacerebbe andare a nuotare. Le due ragazze indossano i loro costumi da bagno ma rimangono nella loro camera da letto. Lì, si tuffano dai letti e scavano sotto le coperte che fanno finta di essere acqua. Appena fuori dalla casa in cui sono imprigionati e visibile attraverso le sbarre delle finestre della loro camera da letto, si trova l'invitante ed espansivo Mar Nero.

"Mustang" è stato originariamente distribuito negli Stati Uniti nel 2015. Il film è in turco con sottotitoli in inglese ed è classificato PG-13. Il DVD include extra, tra cui interviste con il cast e il cortometraggio di Erguven, "Una goccia d'acqua". Le attrici che interpretano le cinque sorelle sono Gunes Sensoy, Doga Zeynep Doguslu, Elit Iscan, Tugba Sunguroglu e Ilayda Akdogan. Disponibile anche su Amazon Video, ho visto "Mustang" a mie spese. Alice Winocour è stata la co-autrice di "Mustang" e sotto c'è un link alla mia recensione del suo film d'esordio, "Agostino". Recensione pubblicata il 22/05/2016.


Istruzioni Video: Appunti su ''Mustang'' (Settembre 2021).