Più adolescenti comportamenti a rischio
Sono stati condotti studi comportamentali sui criceti. Quando il criceto ha circa 25 giorni, allo stato brado, vengono avviati fuori dal nido. Per circa due settimane vagano alla ricerca di un nido che li accoglierà. Se quel criceto viene messo in gabbia con un adulto aggressivo per un'ora ogni giorno, crescerà un bullo e prenderà di mira animali più piccoli di lui. Tuttavia, si ranniccherà intorno ai criceti delle sue stesse dimensioni.

Questi criceti crescono per avere livelli più bassi di una sostanza chimica associata all'aggressività, nell'ipotalamo, e spuntano più recettori nell'ipotalamo per la serotonina, la sostanza chimica che blocca la vasopressina.

Gli scienziati non sono esattamente sicuri su cosa fare dei cambiamenti chimici, ma sono certi che almeno per alcuni criceti l'esperienza dell'intimidazione di un adulto durante l'adolescenza ha effetti permanenti.

Nell'adolescenza, il cervello sembra adattarsi al suo ambiente e questo sembra determinare il comportamento normale. Se l'ambiente provoca comportamenti rischiosi, allora quel comportamento diventa normale per loro.

Uno dei comportamenti più spaventosi tra gli adolescenti è il binge drinking. Gli studi hanno dimostrato che l'esposizione all'alcol può avere effetti devastanti sullo sviluppo del cervello e si teme che il periodo di vulnerabilità possa estendersi durante l'infanzia e l'adolescenza.

I test sulla sensibilità di un cervello adolescente al binge drinking sono stati condotti sottoponendo i ratti a grandi quantità di alcol. Dopo che i topi si sono calmati, i ricercatori hanno cercato danni cerebrali e hanno trovato più nei topi giovani che negli adulti. Danni al cervello sono stati osservati nei ratti adolescenti nella regione del cervello associati alla dipendenza.

Lo studio della nicotina racconta una storia simile. La maggior parte dei fumatori inizia nell'adolescenza, fino a poco tempo fa non sono stati condotti studi su come il cervello dell'adolescente risponde alla nicotina. Quando i ratti venivano iniettati con nicotina ogni giorno per oltre due settimane, tutti i ratti mostravano segni di dipendenza. Il fumo di nicotina nell'olescenza del comportamento ad provoca anche problemi comportamentali permanenti, in particolare per le donne. Anche dopo due settimane senza nicotina, le femmine di ratto non erano interessate a muoversi o allevare i loro piccoli. Forse perché la nicotina ritarda la divisione cellulare nell'ippocampo, la regione del cervello che continua a crescere nell'età adulta nelle femmine, ma non nei maschi.

Si pensa che i ratti esposti diventino depressi perché la nicotina riduce la produzione di noradrenalina e dopamina nel cervello, due sostanze chimiche che sembrano essere più basse nelle persone depresse. Il fumo nella prima infanzia aumenta le possibilità di una persona di soffrire di depressione più tardi nella vita. In questa fase iniziale della ricerca, sembra che la violenza e le droghe possano alterare permanentemente il cervello di un adolescente.


Istruzioni Video: Prevenzione delle tossicodipendenze negli adolescenti per i ragazzi a rischio (Settembre 2021).