Se sei un fan di Michelangelo, e chi non lo è, hai familiarità con la vastità delle sue opere nel XVI secolo, in particolare quelle che raffigurano temi del cristianesimo. Essendo un sito di creatività, ho dovuto concentrarmi sul libro della Genesi di Michelangelo ispirato La creazione del sole e della luna (1512). Per capire la forza trainante di questo dipinto devi prima capire il creazionismo.

Nel creazionismo si crede che la terra e l'intero universo per quella materia siano stati creati da Dio o da qualche altro essere supremo. I creazionisti rientrano in una delle due categorie, il creazionismo della Terra giovane o il creazionismo della Terra vecchia. I giovani creazionisti della terra credono che la terra abbia circa 6000 anni, mentre i creazionisti della vecchia terra credono che la terra abbia miliardi di anni. Una cosa che entrambi i creazionisti credono è che la terra e l'intera razza umana, le piante e gli animali siano stati creati soprannaturalmente da Dio. In sostanza, i creazionisti credono nel racconto della Genesi che tutti gli esseri umani siano nati da Adamo ed Eva. Sebbene questa sia una semplificazione della teoria del creazionismo, il punto è stabilire la mentalità del cristianesimo e il potere di Dio rappresentato nell'arte di quel tempo.

Michelangelo era un tale creazionista e quindi ritrae Dio La creazione del sole e della luna in modo da riflettere la magnificenza di Dio. Guardando il dipinto noterai molte più grandi qualità della vita. Per cominciare, Dio ha un fisico massiccio e forte. È largo attraverso il petto e le spalle e ha grandi bicipiti e cosce. La sua forza dimostra che Dio è una forza potente da rispettare e inchinarsi. Eppure, nonostante la sua impeccabile forza fisica, è rappresentato come un uomo anziano con lunghi capelli grigi che rappresenta una grande saggezza. L'espressione sul suo viso cesellato parla di intensa determinazione intenzionalità, serietà e rabbia. Il modo in cui sta sporgendo la fronte fa quasi sembrare Dio arrabbiato. Quelli dietro a Dio sembrano rannicchiarsi per timore reverenziale o paura dei suoi grandi poteri. Sembra che una persona abbia trovato un conforto tranquillo nell'ombra di Dio.



Non è un caso che Michelangelo abbia raffigurato Dio in modo intenso, quasi rabbioso, sul soffitto della Cappella Sistina. Voleva che Dio guardasse dall'alto in basso la gente con i suoi occhi intensi ammirati in modo paradisiaco mentre la gente dei tempi guardava in alto verso le immagini che raccontavano la storia dell'arrivo dell'uomo sulla terra attraverso le grazie di Dio in 7 giorni. La creazione del sole e della luna è venerato come la più grande rappresentazione di Dio di tutti i tempi.


fonti:
Simboli sacri, Clare Gibson, 1998 Saraban, Inc
Concervapedia


Istruzioni Video: Giacomo Cuticchio Ensemble - LA CREAZIONE (8° mov. "riposo") (Settembre 2021).