Incontro con il Ninja storico
Ninja! Il nome evoca figure vestite di nero armate di strumenti esotici che rubano in un castello ben sorvegliato o in un moderno complesso industriale per assassinare qualcuno, rubare un documento o un dispositivo segreto e provocare il caos. Quell'immagine è accurata come pensare che tutti i pagani indossino abiti, adorino Satana e maledicono sempre le persone o convocano entità per fare le loro offerte. Entrambi i gruppi sono circondati da molto mito e disinformazione da storie deliberate a rappresentazioni drammatiche in spettacoli teatrali, film (film) e televisione e può richiedere molto tempo e ricerche per separare i fatti dalla finzione.

Ho riflettuto su questo mentre camminavo verso la casa Ninja nel freddo pomeriggio di novembre. Come praticante di magia dal 1976, e addestrando a Ninpo - la moderna incarnazione di Ninjitsu - dal 1984. Ero ora in Giappone nel 1989 con l'intenzione di allenarmi in classi gestite dal Gran Maestro del sistema e visitare aree del Giappone associate ai Ninja per avere una visione dell'area e della cultura in cui l'arte si è sviluppata. Al momento ero al Museo Nina nella città di Ueno Marunochi, nella Prefettura di Mie, perché mi sembrava un buon posto per iniziare il mio viaggio. Avevo già trascorso la mattinata nel corpo principale del museo a guardare gli strumenti che il Ninja storico avrebbe potuto usare e la scienza dietro alcune delle illusioni e della magia scenica che avevano usato per creare l'impressione di cambiare forma negli animali.

Il museo era un po 'riservato nella presentazione di alcuni dei rami più esoterici della pratica del Ninjitsu che riguardavano la vera magia. Anche in poco tempo ero stato in Giappone, mi ero reso conto che era letteralmente uno dei paesi più magici in cui ero stato, quasi alla pari con il Messico. Tuttavia, a differenza del Messico dove c'erano molti stili di magia e c'era più enfasi sulle tecniche piuttosto che sui principi, la magia e la spiritualità giapponese sembravano enfatizzare gli stessi principi di base espressi in modi leggermente diversi in base alla religione o al percorso spirituale seguito. Nel caso degli esempi di magia usati dai Ninja, si potevano chiaramente discernere le radici taoiste, indiane e asiatiche combinate con l'indigeno giapponese Shintoismo di montagna e Sangaku-shinkō. Il museo si era concentrato sugli aspetti più bizzarri dell'espressione magica come esemplificato da un incantesimo scritto nel sangue del Ninja per consentire al suo autore di vedere meglio al buio e un'illustrazione di alcuni dei segni mistici della mano di Kuji Kiri che avevano le loro radici nella magia indiana. Sospettavo che fosse per enfatizzare la differenza tra la magia praticata nell'attuale Giappone tradizionale e la "Magia dello storico Ninja". Intendiamoci oltre 20 anni fa e da allora il museo ha probabilmente cambiato e aggiornato i suoi reperti.

Gran parte della tradizionale magia Ninja era basata sulla manipolazione delle percezioni come esemplificato dalla fattoria apparentemente ordinaria a cui mi stavo avvicinando. Dall'esterno sembrava la dimora a un solo piano di un commerciante / agricoltore di successo, e quando entrai per la prima volta questo aspetto si estese anche all'interno. Ero arrivato in una giornata lenta fuori dalla stagione turistica e non ero sorpreso di trovare il custode / guida che sonnecchiava sulla sua stufa di Hibachi poiché probabilmente ero l'unico turista nell'ultima ora o giù di lì, se non tutto il giorno. È stato solo quando ho fatto un leggero rumore cambiando le mie scarpe per Uwabaki (pantofole da interno) che si è svegliato e si è reso conto di avere un visitatore. A suo merito, una volta sveglio, era un'ottima guida nonostante non parlasse molto inglese e io non parlassi molto giapponese.

Avendo realizzato abbastanza rapidamente che aveva un appassionato che non avrebbe lasciato che qualcosa come una barriera linguistica interferisse nel modo di comunicare, presto mi mostrò i segreti nascosti della casa. Secondo le informazioni che avevo visto al museo, la casa era una dimora originale di Takayama nella città di Ueno, che fu trasferita al museo nel 1964 e sembrava che alcuni di quelli tradizionali che avevo visto a Kyoto il giorno prima. Questa impressione è durata fino al punto in cui la mia guida ha aperto una delle serie di porte scorrevoli (Shoji) in ginocchio e ha sollevato la pista di legno vuota per rivelare un nascondiglio che, in questo caso, conteneva un paio di spade ma era sicuramente grande abbastanza per prendere la dimensione della persona che Ninja sarebbe stata al momento della costruzione della casa.

Questo è stato solo il primo di molti nascondigli, vie di fuga e altre precauzioni di protezione che mi hanno mostrato. Mi chiedevo che se i pagani europei avessero adottato metodi simili, più praticanti e materiale sarebbero sopravvissuti nell'era moderna. Alcune delle tecniche erano più sottili di altre poiché non solo i Ninja dovevano difendersi dagli attacchi armati, ma altri clan Ninja si intrufolavano furtivamente per varie ragioni nefaste. I tappetini tatami sul pavimento realizzati con un centro di paglia di riso con una copertura di morbida trama intrecciata che gli ha dato un "grano" molto simile al legno. In una casa tradizionale come quella in cui mi trovavo, coprivano tutti i piani, motivo per cui visitatori e residenti si trasformavano in Uwabaki, o indossavano calzini, per tenerli puliti. Ho notato che anche se indossavo le calzature giuste e mi muovevo in modo equilibrato, stavo facendo molto più rumore rispetto a quando ho visitato la casa tradizionale di Kyoto il giorno prima. Sollevai ogni piede a turno per controllare se c'era qualcosa sulla suola del mio Uwabaki che stava prendendo sul tatami.

La guida lo notò e si inginocchiò di nuovo, facendomi segno di fare lo stesso, ci inginocchiavamo su tappetini separati e si passò il palmo su quello su cui era seduto, poi su quello su cui mi trovavo. Mentre la sua stuoia non emetteva alcun suono, la mia. Mi ha fatto cenno di guardare più da vicino i tappetini e mi sono reso conto che i tappetini erano disposti in modo che il loro "grano" attraversasse la stanza. Quando camminavi con il grano non veniva emesso alcun suono, ma quando camminavi attraverso il grano veniva prodotto del rumore a meno che non venisse usata una delle camminate invisibili (Shinobi-iri) del Ninja. Ma il tempo extra impiegato per usare Shinobi-iri potrebbe comportare altri modi per scoprire l'intruso.

Nel prossimo articolo continueremo a guardare alla Casa dei Ninja e ai modi pratici e mistici in cui i Ninja usavano Saiminjuts - l'arte di gestire la mente di sé e degli altri - nei loro dintorni per autoprotezione.

Istruzioni Video: "Auguri di Buon Anno e prospero 2019" By BIRCIDE (Il Paninaro) (Ottobre 2021).