Riconciliazione dei farmaci
Un recente sondaggio condotto su 60 pazienti ricoverati in Colorado ha mostrato che quasi tutti non sono stati in grado di elencare correttamente i farmaci prescritti. JCAHO ha cercato di convincere tutti gli ospedali a ridurre gli errori terapeutici e molti di noi hanno istituito la riconciliazione dei farmaci nell'ambito dei nostri processi di ricovero e dimissione. Alla luce di questo sondaggio, sarebbe utile riflettere ulteriormente sull'istruzione che i nostri pazienti ricevono mentre sono in ospedale riguardo ai farmaci che stiamo somministrando loro.

Il nostro ospedale non ha effettuato il trasferimento completo al sistema di distribuzione automatica dei farmaci. Usiamo ancora la carta MAR con etichette. Avere il farmaco dispensato nella stanza, da un carrello per i farmaci, sembrerebbe aumentare la probabilità dell'insegnamento ospedaliero. Sembrerebbe incoraggiare la partecipazione dei pazienti alla consapevolezza e alla conoscenza delle proprie cure. Il sistema cartaceo presenta molti difetti nella nostra attuale fase di passaggio al sistema automatizzato. Abbiamo molte etichette, fogli di carta ed è visivamente disordinato e distraente. Il carattere è piccolo e probabilmente non favorisce l'apprendimento del paziente.

La mia visione è di un ruolo di gestione del caso infermieristico, simile all'insufficienza cardiaca congestizia o all'infermiera di riabilitazione cardiaca, che si incontra quotidianamente con ogni paziente per spiegare i farmaci che riceve il paziente, eventuali modifiche a tali farmaci e un piano di discussione incentrato su come questi farmaci possono essere eliminati attraverso cambiamenti nello stile di vita o non eliminati in base alla gravità del bisogno. Un buon esempio sarebbe un diabetico di tipo II. Questo paziente potrebbe trarre beneficio dalla comprensione del fatto che i farmaci per via orale possono essere eliminati con la collaborazione del medico se sono in grado di modificare costantemente la dieta e gli schemi di esercizio, ma che altri farmaci sono cruciali per proteggere il loro cuore, polmoni e reni e potrebbero dover essere assunti lungo termine.

Una volta che i pazienti comprenderanno veramente i motivi alla base dei farmaci che assumono, sarebbe più facile per loro nominare i farmaci e ricordarli. Il motivo per cui non li ricordano ora è perché non gli è stato dato alcun motivo per capire o preoccuparsene. Semplicemente "fanno quello che dice il dottore" e sperano per il meglio. Questa non è la prospettiva che promuove una vita sana. Questo tipo di pensiero fatalistico è esattamente il motivo per cui molte persone finiscono nella polifarmacia e gli effetti negativi che ne conseguono.

Le persone devono essere guidate verso il pieno investimento nella comprensione e nella partecipazione alla riconciliazione dei farmaci e a una migliore salute in generale. Ciò avviene solo attraverso un approccio educativo olistico concordato. Questo è direttamente correlato al deficit di auto-cura di Orem. È davvero impossibile ottenere una salute completa se c'è un aspetto della vita che il paziente non è in grado di fare da solo. L'unico modo in cui un paziente può essere sicuro e proattivo con i propri farmaci è se li comprende. Ovviamente, questa discussione dipende dalle capacità e risorse cognitive del paziente.

Aggiungere un ruolo all'infermiera del pavimento già sovraccarico di lavoro sembra scoraggiante. Senza il ruolo di gestione dei casi, non credo che le istituzioni raggiungeranno l'obiettivo di ridurre gli errori terapeutici e aumentare la conformità dei farmaci alla dimissione. I nostri tassi di riammissione continueranno ad aumentare e i costi per le famiglie e gli ospedali non miglioreranno. Questo ruolo dovrebbe essere considerato dalla direzione come una misura di riduzione dei costi, oltre all'aumento della soddisfazione del paziente per le sue cure.

Istruzioni Video: Progetto PROF: intervista alla Dr.ssa Racca (Presidente Federfarma) (Dicembre 2021).