In mezza pagina Neil Genzlinger è riuscito a insultare un'intera professione più volte.

In una recensione di Il bibliotecario, di Larry Beinhart, Neil Genzlinger sceglie di allontanarsi dal libro per criticare la professione di bibliotecario. Genzlinger è un critico per il New York Times. La sua recensione è stata pubblicata nella domenica 17 ottobre 2004, edizione di La recensione del New York Times Book. Dopo aver letto il paragrafo iniziale, ho dovuto andarmene per calmarmi. Cosa potrebbe far arrabbiare questo bibliotecario?

Allegato 1, il paragrafo iniziale:

Poveri bibliotecari. Presto, senza dubbio, per seguire la strada dei fabbri e dei banditi della città, il loro campo prescelto è stato reso obsoleto dai motori di ricerca di Internet e dai database elettronici che si autoalimentano. Ma prima, un ultimo hurrah, nel nuovo romanzo volgare di Larry Beinhart, "The Librarian", in cui un doofus decimale Dewey tiene tra le mani nient'altro che il destino del mondo libero.

"Dewey decimale doofus"? Quanto stupido potrebbe essere il personaggio per guadagnare questa descrizione? Dopo aver letto il resto della recensione, nulla supporta l'utilizzo di questa descrizione da parte del revisore. A chiusura della recensione, Genzlinger presenta la seconda esposizione:

A volte, ci vuole un bibliotecario per vedere questi fatti di nebbia. Che peccato che presto l'unico posto dove trovarne uno sarà al Living History Museum, accanto al mulo skinner e al wheelwright.

Non sono sicuro di quale realtà stia vivendo il signor Genzlinger, ma di certo non ne ho familiarità. Genzlinger lavora per un'azienda che ha recentemente pubblicizzato un nuovo webmaster. Quali erano i criteri preferiti? Un master in scienze delle biblioteche.

La professione in realtà rimane più o meno la stessa che ha da anni. I bibliotecari di tutto il mondo hanno intensificato il compito di insegnare alle persone Come per utilizzare la miriade di risorse elettroniche che sono ora disponibili. I media sono cambiati, la necessità no. Il direttore della tecnologia di Google, Craig Silverstein, ha dichiarato che l'obiettivo del famoso motore di ricerca di Internet è quello di sembrare intelligente come un bibliotecario di riferimento. Hmmmm, ovviamente il bibliotecario di riferimento non è un "doofus".

Forse il signor Genzlinger ha avuto una brutta esperienza con un bibliotecario di recente? Più probabilmente, non ha mai avuto il tempo di usare la fantastica risorsa che esiste nella persona del bibliotecario locale.

Cosa pensi? Commento al Library Sciences Forum.

Istruzioni Video: How to Review a Manuscript (Novembre 2021).