Il giudizio è una necessità
L'ipotesi della maggioranza delle persone è che gli atei e, per estensione, tutti i non teisti siano immorali. Una ricerca di base sul Web rivelerà molto sostegno a tale affermazione, incluso un articolo di Robert N. McCauley, PhD, pubblicato il 22 marzo 2012 su PsychologyToday.com dal titolo "Le persone religiose sono più morali degli atei?", E uno studio scritto da Robb Willer e Laura Saslow sulla rivista Social Psychological and Personality Science di luglio 2012.

Naturalmente, per giudicare la moralità, bisogna prima sapere cos'è la moralità. Ma prima ancora, dobbiamo esplorare il necessità giudicare.

Perché? Quante volte nell'ultimo mese hai detto o sentito "Non giudicarmi?" La frase è di solito pronunciata da una persona che è consapevole che ciò che sta dicendo o sta facendo è sbagliato, o almeno discutibile, ma non vuole sentirsi in colpa per questo. Ad esempio, una donna sposata che confessa alla sua amica di avere una relazione.

Il giudizio è una funzione fondamentale dell'umanità, infatti, si può affermare che si tratta di una funzione primaria dell'umanità. Che, per essere pienamente umani, uno deve impegnarsi a giudicare l'ambiente e i propri comportamenti senza sosta. Dobbiamo giudicare, ad esempio, se è sicuro attraversare la strada. Dobbiamo giudicare se abbiamo bevuto troppo alcolici per guidare un'auto (a proposito, se devi porre la domanda, probabilmente non dovresti guidare). Dobbiamo giudicare se il gruppo di giovani che camminano verso di noi è ostile o no, e lo facciamo mentre abbiamo ancora tempo per modificare il corso degli eventi. Giudichiamo se gli accessori si abbinano al vestito, se abbiamo abbastanza tempo per scricchiolare attraverso la luce gialla, se il dolore al petto è bruciore di stomaco o infarto e se vale la pena visitare un dottore sotto la pelle.

Anche il giudizio ha un ruolo nell'invenzione. Ad esempio, fa molto caldo in Florida, quindi non c'è da meravigliarsi che i principi della moderna aria condizionata siano stati messi insieme in un'unità di lavoro nello Stato del Sole. Il Dr. John Gorrie costruì il primo produttore di ghiaccio funzionante (brevetto numero 8080) per alimentare il primo tentativo di un condizionatore d'aria per la stanza. Piuttosto che fare affidamento sugli stessi vecchi trattamenti per la febbre gialla, ha ipotizzato che il raffreddamento di una stanza malata sarebbe utile e ha iniziato a inventare e migliorare i moderni dispositivi di refrigerazione. Ha giudicato utile il lavoro di due precedenti tentativi, quindi ha usato ulteriormente il suo giudizio per scegliere i materiali e sviluppare gli schemi per la sua macchina per il ghiaccio.

Infine, non è nemmeno giudizio che la persona che supplica di non essere giudicata abbia paura. È condanna, o essere giudicato nel torto, il che è del tutto sciocco perché, aprendo una conversazione in quel modo, quella persona ha già ammesso a se stessa di avere torto. Vuole solo che qualcuno dica che va bene sostenere la sua ininterrotta autostima. Non c'è nulla di sbagliato in questo, di per sé, ma chiedere a qualcuno di evitare una necessità umana di base come il giudizio è, di fatto, sbagliato. Se hai fatto qualcosa che vale la pena condannare, allora tu dovrebbero essere condannato dal tuo amico o familiare. Successivamente, correggi il tuo comportamento ed entrambi vai avanti.

So che è una nozione radicale in un'epoca in cui tutto va bene, ma come vedremo, correggere il comportamento è un aspetto centrale della moralità. E, al fine di correggere il proprio comportamento, si deve essere in grado di identificarlo come bisognoso di correzione.

Il giudizio è un bisogno umano fondamentale. Giudicare bene ci mantiene vivi e al sicuro. Giudicare male può avere conseguenze piuttosto serie. Il giudizio è anche alla radice della moralità, che, in quanto non teisti, dobbiamo ragionare da soli e a cui arriveremo tra poco.

Istruzioni Video: La formula per diventare pienamente noi stessi (Settembre 2020).