Josh Hamilton Lands ad Anaheim
Ancora una volta gli Los Angeles Angels di Anaheim sono entrati in picchiata per sbarcare la più grande cattura di free agent della bassa stagione. Questa volta hanno anche ferito i loro rivali di divisione dei Texas Rangers e hanno conquistato i titoli dei loro vicini in ripresa lungo la superstrada 405, i Los Angeles Dodgers di Los Angeles.

Josh Hamilton è una figura intrigante e provocatoria. Era il giocatore più prezioso della Lega americana nel 2010 e il re battitore della MLB con una media di .359. Nel 2012 ha iniziato la stagione come una casa in fiamme, mettendo a segno 21 corse domestiche, 57 RBI e una media On-base-plus-Slugging (OPS) su 1,18, tutto ciò in aprile e maggio. Si è schiantato sulla terra a giugno e luglio tra le notizie di masticazione del ritiro del tabacco e episodi sgradevoli di alcol nei "club dei gentiluomini" locali. La storia di Hamilton è avvincente, la sua carriera è stata quasi rovinata dall'abuso di droghe e alcol ed è diventato famoso per aver trovato la salvezza attraverso la fede e un percorso dritto e stretto.

A suo merito, ha rimbalzato con le proiezioni più forti in agosto e settembre, anche se è crollato nell'ultima settimana quando i Ranger hanno perso la presa sulla corona della Lega americana occidentale che avevano vinto nelle due precedenti stagioni e ha commesso un errore di campo egregio e insolito nel gioco 162 a Oakland mentre l'atletica leggera ha sbalordito i Ranger con una spazzata a tre partite per vincere il gonfalon. Per complicare le cose, Hamilton ha avuto una terribile partita a Wild Card contro lo stesso Baltimore Orioles, andando a zero per quattro at-bat mentre i Ranger sono stati sommariamente eliminati dal post-stagione, tutto questo dopo due consecutivi (e uno straziante) viaggi alle World Series.

L'analisi delle prestazioni del baseball contemporaneo evita termini come "frizione" e valutazioni orientate ai risultati in generale e si concentra invece sul processo: nel cardine Game Six delle World Series 2011, quando i Cardinali St. Louis legarono incredibilmente i Ranger in fondo al nono, Hamilton ha portato i Ranger in decima posizione con un homer a due tempi (quella frizione WAS); nel gioco Wild Card 2012, Hamilton ha avuto zero colpi in quattro at-bat ma, più preoccupante, ha visto solo otto tiri; era eccessivo, non selettivo, e inseguiva piazzole alle quali normalmente non avrebbe oscillato. Era così anche le ultime 10 partite della stagione. I risultati possono essere effimeri o avere un elemento di casualità: una palla ben colpita può essere colpita proprio su un difensore; oscillare su cattivi tiri, tuttavia, garantisce quasi strikeout, palline debolmente colpite, doppio gioco ground-up, pop-up, ecc. Hamilton è stato fischiato al The Ballpark di Arlington nella sua ultima partita lì come un eroe della città natale, un evento insolito per essere sicuro. Non c'è da meravigliarsi che la copertina di Sports Illustrated all'inizio di quest'anno fosse intitolata "The Fragile Brilliance of Josh Hamilton".

Secondo le notizie, è stata la proprietà degli Angeli, la temibile Arte Moreno, a superare le obiezioni della sua gente di baseball per fare un'offerta di cinque anni e 125 milioni di dollari a Hamilton. Delle cose che sappiamo è che dà agli Angeli un temibile schieramento, indebolisce i Ranger e ha portato via i titoli dai Dodgers che hanno svelato il loro premio all'inizio della settimana, l'ex lanciatore degli Angeli Zack Greinke.

Istruzioni Video: [email protected]: Fans boo Hamilton in return to Anaheim (Novembre 2021).