Assimilazione irlandese nella cultura americana
Sebbene molte persone associno l'immigrazione irlandese esclusivamente alla carestia di patate del 1845, milioni di immigrati irlandesi hanno inondato l'America nel resto del diciannovesimo e all'inizio del ventesimo secolo. Nonostante il loro vasto numero, l'assimilazione degli irlandesi nella società e nella cultura americana era difficile e ardua.

Gli immigrati cattolici irlandesi erano considerati inferiori (e dai) ai loro omologhi anglo-protestanti / europei già stabiliti nel paese. Questo sentimento di superiorità da parte dei coloni non irlandesi era dovuto principalmente alla mancanza di lavoratori qualificati tra i lavoratori cattolici. Gli irlandesi lavoravano nelle miniere, nelle cave, nella costruzione di ponti e canali e nella costruzione di ferrovie mentre altri gravitavano verso il ruolo di camerieri, bidelli e operai di fabbrica. Le donne spesso lavoravano anche in lavori umili. Il risultato fu una situazione generale sia per l'Irlanda che per qualsiasi cosa irlandese ed è da questo atteggiamento culturale e politico che nacque la famigerata frase: "Non è necessario applicare l'Irlandese".

Dopo la guerra civile, gli atteggiamenti nei confronti degli irlandesi cambiarono leggermente e i segni razzisti sui commerci iniziarono a scomparire. Gli irlandesi erano stati pesantemente coinvolti nel conflitto della Nazione: una quarantina di reggimenti dell'Unione contenevano un gran numero di irlandesi e il 69 ° reggimento era composto quasi totalmente da irlandesi. Oltre quarantamila irlandesi hanno anche combattuto per la causa confederata.

Una volta che la Guerra Civile giunse alla sua inevitabile fine e la nazione iniziò a stabilirsi nel suo primo vero "scatto di crescita", gli irlandesi americani acquisirono una certa rispettabilità e furono ora più accettati dalla società americana. Nell'era postbellica molti ebbero più successo economico. Gli irlandesi che erano stati lavoratori manuali ora ricoprivano posizioni dirigenziali nei settori delle ferrovie, del ferro e delle costruzioni. Molti si sono avvalsi delle opportunità per l'educazione e molti hanno iniziato ad entrare nei regni professionali. Le donne irlandesi, sebbene trattenute dalle restrizioni imposte a tutte le donne americane intorno alla fine del secolo, ottennero posizioni più elevate nella società come insegnanti, infermiere e segretarie.

Fu in quel momento che gli irlandesi americani divennero più famosi per la loro influenza sulla politica, in particolare all'interno del movimento operaio. All'inizio, gli irlandesi scoprirono un sistema capitalista americano che per loro era a malapena diverso dalla persecuzione che avevano subito per mano dei proprietari inglesi in Irlanda. A causa del loro odio per questi proprietari terrieri inglesi, la maggior parte degli irlandesi si ribellò contro l '"aristocrazia" della cultura americana e si innamorò del partito democratico. Alla fine del diciannovesimo secolo e all'inizio del ventesimo secolo, il loro potere politico aumentò, mostrato principalmente nel loro controllo sulla Tammany Hall di New York, il centro del Partito Democratico della città. Questi democratici irlandesi, come la maggior parte delle fazioni politiche dell'epoca, erano coinvolti in "macchine politiche" che erano spesso totalmente corrotte. Tuttavia, molti avevano una mentalità socialmente più genuina rispetto alle loro controparti anglo-protestanti e fornivano cibo e posti di lavoro, fondando molte organizzazioni di assistenza sociale per i poveri irlandesi nelle loro comunità. Fu nel mezzo di questi sforzi della "comunità sociale" che gli irlandesi balzarono in prima linea nei movimenti nazionali del "lavoro".

I più famosi riformatori del lavoro furono i "Molly Maguires" ----- minatori di carbone pressati e trattati crudelmente che si ribellarono (a volte violentemente) contro i loro capi anglo-americani. La prima organizzazione nazionale del lavoro in America fu Knights of Labour, fondata dal figlio di un immigrato irlandese. Anche le donne irlandesi erano attive nei movimenti sindacali. Mary Harris Jones ha lavorato per cinquant'anni nell'organizzazione dei sindacati e nel miglioramento dei salari e delle condizioni dei lavoratori. Elizabeth Gurley Flynn era sia una femminista che un'attivista nel movimento operaio all'inizio del secolo. Dopo una lunga storia come operaio sottoprodotto e maltrattato, si ribellò alle industrie che sfruttarono i loro operai e co-fondò l'Unione delle libertà civili. Purtroppo, molte di queste persone furono ingannate nei loro ideali e presto costituirono la base del Partito Comunista Americano.

Come tutti i gruppi di immigrati, gli irlandesi hanno dato buoni contributi alla cultura americana e hanno anche lasciato una scia di spargimento di sangue, miseria e disperazione di cui tutti noi dovremmo aborrire e vergognarci. Eppure, come nazione ancora agli albori, gli Stati Uniti hanno beneficiato del duro lavoro, della coesione familiare, del fervore religioso e della pura testardaggine di una nazione di immigrati distrutta e affamata che è venuta qui, nelle condizioni più faticose e ha reso questo paese è loro. Cattolici, protestanti o "nulla" (come direbbero a casa) ---- tutti possiamo guardare indietro con orgoglio all'eredità irlandese - a cui gli americani possono aggrapparsi.


Istruzioni Video: GALWAY IRELAND - GAELIC TRADITIONS & CUSTOMS (Ottobre 2021).