Violenza intima del partner durante la gravidanza
L'omicidio è la principale causa di morte per le donne in gravidanza.

La violenza colpisce fino a 324.000 donne in gravidanza ogni anno, con solo il 4-8% delle donne che denunciano violenza durante la gravidanza. Le donne che subiscono abusi durante la gravidanza provengono da ogni contesto e circostanza socioeconomica.

È più comune che l'abuso provenga dal padre del bambino che la donna sta portando o dai familiari che disapprovano la gravidanza. Alcune donne che subiscono abusi nella loro relazione rimangono incinte nella speranza che possa fermare la violenza. Sfortunatamente, non è mai così.

L'abuso durante la gravidanza può essere ma non è limitato a:

- Minacce di violenza a donne in gravidanza e / o bambini non ancora nati, abusi fisici, abusi emotivi, abusi verbali, coercizione per interrompere la gravidanza e abusi sessuali.

-I rischi per la gravidanza a seguito di abuso includono:

-Miscarriage / Stillbirth del nascituro
-Percorso posticipato
-Rottura uterina
-Trauma trauma contusivo all'addome
-Emorragia (inclusa la separazione della placenta)
-Rottura primitiva delle membrane (rottura dell'acqua) che rende la nascita imminente
-Basso peso alla nascita
-Depressione post parto
-linea termine o auto-aborto

I segni comuni di abuso includono ma non sono limitati a:

-Tardi nel cercare cure prenatali
-La mancanza di frequenza alle lezioni di educazione prenatale
-Luce lividi o danni al seno o all'addome della donna
-Trovare a mantenere gli appuntamenti prenatali
-Ritiro dalla famiglia e dagli amici
-Uso continuato di prodotti dannosi per la gravidanza come sigarette, droghe o alcol

Spesso familiari e medici si trovano bloccati da barriere nel determinare chi ha subito abusi. Alcuni di questi sono:

-Barriere linguistiche
-Imbarazzo
-La mancanza di famiglia o la paura della vergogna
- Paura di ritorsioni da parte del partner violento
mancanza di conoscenza delle alternative praticabili al denaro e alle questioni abitative
-assenza di contatto con familiari o amici in stato di gravidanza

Ciò che molte donne incinte che vengono maltrattate non sanno è che c'è aiuto.

In caso di pericolo immediato, chiamare il 911.

Vai alla polizia o alla stazione dei pompieri più vicina e, se sei ferito, vai al pronto soccorso di un ospedale locale.

Chiamare la hotline nazionale per la violenza domestica al numero 800-799-SAFE (7233) o 800-787-3224 (TDD). La hotline offre assistenza in molte lingue 24 ore al giorno, tutti i giorni. Il personale della hotline può fornire i numeri di telefono dei rifugi locali e di altre risorse.




Istruzioni Video: Dati dello sportello Dafne: aumentano le violenze sessuali a Rimini (Gennaio 2022).