L'importanza delle foreste pluviali e della diversità animale
Nelle società industriali, ci sono quelli che credono che la deforestazione sia una questione irrilevante, portando la convinzione che influisce solo sul benessere degli animali e quindi non ha un forte controllo. Mentre hanno ragione sul fatto che gli animali allo stato brado sono le vittime immediate della deforestazione, non sono i soli a soffrire di questo atto negligente.

Foresta pluviale e bisogni planetari

La foresta pluviale è la biosfera perfetta della natura. Gli alberi vivono di anidride carbonica (CO2) per aiutare a regolare naturalmente il clima della Terra. Il principale contributo al riscaldamento planetario è l'uso di combustibili fossili. Rilascia livelli concentrati di CO2 che rimane nell'atmosfera del pianeta intrappolando il calore che normalmente si irradierebbe nello spazio. Il climatologo della NASA Dr. James Hansen ha calcolato che tra l'erogazione di energia naturale del pianeta e il consumo di combustibili fossili la Terra sta generando una produzione equivalente a 400.000 bombe atomiche che fanno esplodere ogni giorno senza un rapporto di dispersione dell'atmosfera esterna equilibrato. Invece di fuggire, il CO2 intrappola il calore e lo rimanda sulla superficie terrestre creando un effetto febbre.

Per mettere questo effetto in termini familiari, sarebbe come aspettarsi che una persona viva, prosperi, sopravviva e contribuisca socialmente con una temperatura corporea cronica di 104 ° F (40 ° C) ogni giorno senza alcun tempo di guarigione. Gli alberi sono il rimedio per la febbre della natura. Accettano il CO2 come fonte nutrizionale e produrre ossigeno, fornendo aria più pulita e una temperatura globale più fresca. Tuttavia, quando gli alberi vengono rimossi, aumenta l'effetto di riscaldamento e fa diventare irregolari i modelli di precipitazione.

Oltre ad innaffiare gli alberi e nutrire gli animali, la pioggia prodotta aiuta a portare l'umidità in regioni del pianeta altrimenti soggette a siccità. La distruzione delle foreste pluviali è legata come fattori primari nella causa dell'erosione del suolo, della desertificazione, dell'esaurimento della biodiversità, della carestia, delle epidemie di malaria e dell'estinzione degli animali.

Estinzione

L'industrializzazione umana delle foreste pluviali ha causato l'estinzione delle specie senza pari in 65 milioni di anni. Gli esseri umani hanno impiegato meno di 300 anni per causare instabilità ecologica ed eradicazione planetaria degli animali. Questo rende gli esseri umani una forza maggiore verso l'annientamento delle specie rispetto all'era glaciale. Se la deforestazione rimane incontrollata, si prevede che il 90% delle foreste pluviali sarà esaurito entro il 2020. Ciò causerà gravi focolai di malattie, instabilità ecologica permanente e la fine della nostra catena alimentare. Si stima che quasi la metà di tutte le piante e gli animali trovati sul pianeta esistano solo nelle regioni della foresta pluviale. Il dottor Edward O. Wilson, un biologo vincitore del Premio Pulitzer, ha calcolato che 137 specie di piante e animali si estingueranno ogni giorno a causa del nostro genere.

Le società che praticano l'industrializzazione stanno strappando via la foresta pluviale ad un ritmo più veloce di quanto siamo in grado di conoscere i composti biodinamici che si trovano esclusivamente in queste regioni. Questo lascia "l'uomo moderno" nel tentativo di mettere insieme un puzzle di 5 milioni di pezzi con la metà dei pezzi mancanti e tentando di comprendere a cosa dovrebbe assomigliare il quadro completo.

Su tutto il pianeta rimane solo il 5% della foresta pluviale, che si avvicina all'incirca alle dimensioni dell'Australia. Gli umani hanno autorizzato il resto per il disboscamento, l'estrazione e l'estrazione di combustibili fossili. Mentre le foreste pluviali vengono sgombrate, i membri delle tribù locali vengono costretti a lasciare la regione e con ciò si perde la medicina.

Nonostante tutti i nostri progressi tecnologici, la medicina moderna si basa sulla conoscenza ancestrale delle tribù della foresta pluviale. La loro raccolta di dati su piante, animali e un ecosistema adeguatamente bilanciato è stata meticolosamente tramandata ogni generazione fin dall'essere del tempo umano. Se non fosse stato per gli uomini di medicina che condividevano la loro saggezza, la nascita della medicina moderna non sarebbe esistita. I loro insegnamenti vanno oltre le origini e gli scopi delle piante. Esse spiegano chiaramente perché una diversa popolazione animale è essenziale per mantenere le varietà vegetali. Gli uomini di medicina sono diventati così riluttanti a condividere la loro intelligenza che non viene più insegnato alle generazioni future come un tentativo di preservare le foreste pluviali da qualsiasi ulteriore sfruttamento. A loro insaputa, le cure per le malattie probabilmente rimangono irrisolte.

Benefici alla salute
  • Il 70 percento di tutte le cure per il cancro proviene dalle foreste pluviali. A causa delle conoscenze trasmesse dagli uomini di medicina, esiste una probabilità dell'80% di sopravvivere a una malattia che una volta significava morte certa. La nostra riluttanza a imparare che la diversità di piante e animali è necessaria per sostenere la vita umana e il nostro flagrante sfruttamento della terra ci impedisce di ricevere informazioni ancestrali in futuro.
  • L'80 percento della frutta, verdura e noci del mondo proviene dalle foreste pluviali. Senza una fonte alimentare sostenibile, la malnutrizione globale e la carestia sono risultati plausibili nel prossimo futuro.
soluzioni

Stop alla dipendenza da combustibili fossili: Questa pratica è globalmente dannosa, limitata e insostenibile. Utilizzare alternative di energia verde efficaci che lo siano rinnovabile. Il combustibile teoricamente verde chiamato Biocarburante è costituito da palme ed è il design del prodotto delle compagnie petrolifere il cui obiettivo è mantenere le persone attente all'ambiente agganciate alle risorse di combustibile finito per controllare il prezzo di mercato. L'uso di olio di palma favorisce la deforestazione delle foreste pluviali ed è insostenibile come fonte di combustibile perché sono lenti a crescere per la raccolta di massa. Esistono alternative di olio vegetale a crescita più rapida che non richiedono di eliminare le foreste pluviali, non di eliminare CO2e sono più rispettosi dell'ambiente rispetto all'uso cronico di combustibili fossili.

Allevamenti di alberi: Generare fattorie a livelli distanti dalle regioni della foresta pluviale. Ciò consente una raccolta e reimpianto di legname sensibili di un'area mentre altri livelli continuano a crescere. Soddisfa le ragionevoli esigenze di consumo umano e aumenta la produzione di ossigeno per favorire il controllo del clima.

Ridurre il consumismo inutile: Le persone e le aziende che acquistano beni dai produttori con metodi irresponsabili supportano direttamente queste tattiche industriali. Quando i consumatori smettono di sostenere la deforestazione per le bacchette usa e getta, la morte dei bambini per i gioielli con diamanti e la macellazione degli animali per la pelliccia, le pratiche non etiche si fermano perché non è più redditizia.

Partecipa ai giorni di osservazione della Terra: Fai di più che osservare i giorni di consapevolezza planetaria. Fai in modo che amici, famiglia, colleghi, comunità e aziende partecipino ad attività produttive e si divertano!

Giornata mondiale dell'acqua: 22 marzo
Earth Hour: 23 marzo dalle 20.30 alle 21.30 (dalle 2030 alle 2130)
Giornata della Terra: 22 aprile
Giornata mondiale dell'ambiente: 5 giugno
Giornata mondiale degli animali: 4 ottobre

Per gli interessati, firmare l'iniziativa Save Animals From Deforestation.

Istruzioni Video: Potremmo Sopravvivere Senza La Foresta Amazzonica? (Settembre 2021).