Come concentrarsi su cosa puoi fare
È molto più facile leccare un ego ferito piuttosto che fare un inventario di punti di forza e agire personali. Sia che cerchi di perdere peso o di trovare un lavoro in momenti difficili, potresti dire "Oh, a che serve?" quando non hai successo. Non lasciare che ciò che non puoi fare interferisca con ciò che puoi fare. A livello concreto questo significa accettare che ci sono cose fuori dal tuo controllo come traffico, geni, invecchiamento, incidenti o un crimine commesso.

Tuttavia, accettare non significa approvare. Quando ti concentri sulle tue capacità anziché sulle tue disabilità, puoi finalmente trovare soluzioni praticabili per:
  • Immagine corporea - Non ho 20 anni a 50 anni. Sono abbastanza bravo perché mi alleno e mangio bene. Sono vivace con una mente facile. La creatività mi rende senza tempo.
  • Personalità - Sono un introverso, quindi penso profondamente piuttosto che saltare nelle cose o impegnarmi in discorsi superficiali. Non devo uscire e mescolarmi.
  • Conflitto con una persona importante nella tua vita. C'è una differenza tra forza e potere. Il mio obiettivo è un equo compromesso invece di vincere.
  • Delusione per quanto riguarda la tua direzione nella vita - Le deviazioni possono essere più sorprendenti.
  • Critica - Lucida il mio specchio.
  • Paura: spesso una manifestazione del mio sé interiore insicuro. C'è sicurezza nei numeri; Sono dalla mia parte - questo mi fa sentire più sicuro.

Cosa puoi fare

Ad esempio, se sei magro e piccolo, potresti non diventare il lottatore competitivo dei tuoi sogni d'infanzia, ma potresti diventare un agile, fluido artista marziale. Oppure prendi in considerazione il caso di una donna di mezza età che ha subito un ictus nella parte destra del suo corpo e in riabilitazione ha imparato a dipingere con la mano sinistra scoprendo un talento sorprendente che le farebbe guadagnare una bella vita: non aveva mai dipinto prima e lo chiamò "colpo di fortuna!"

Il problema è che soffermarsi su una debolezza o un'abilità perduta inibisce la crescita e lo sviluppo, la capacità di compensare e librarsi. Ecco una case history di uno dei miei clienti che ha sentito la sua autostima scivolare al lavoro: durante una riunione del lunedì mattina il suo capo ha rifiutato sarcasticamente il suo suggerimento e si sentiva profondamente imbarazzata. La settimana seguente, timorosa e imbarazzata, ha giocato al sicuro e non ha detto nulla durante l'incontro. Questo schema è continuato. Voleva spingersi, disperata, a contribuire con una nuova idea negli incontri che seguirono, ma era bloccata e impaurita. Le ho consigliato di concentrarsi sul suo lavoro usando le sue abilità uniche che ha ammesso erano accuratezza, velocità e analisi. Ciò le guadagnerebbe sicuramente il riconoscimento dal capo, che alimenterebbe la sua autostima permettendole di condividere le sue idee durante le riunioni. Ed è proprio quello che è successo; ha giocato ai suoi punti di forza invece di permettere a una debolezza di definire la sua realtà.

Nota: Le persone felici non hanno il meglio di tutto. Ottengono il meglio da ciò che hanno!
Per ulteriori informazioni sulla gestione dello stress e sul recupero della tua vita leggi il mio libro, Dipendente dallo stress: il programma in 7 fasi di una donna per rivendicare gioia e spontaneità nella vita. Per ascoltare i programmi radiofonici archiviati con gli esperti ospiti, visita Accendi il tuo spettacolo radiofonico di luce interna

Istruzioni Video: Come concentrarsi su un obiettivo alla volta | Ciao Seiiti Arata 06 (Ottobre 2021).