Sviluppo del personaggio del film horror
I film horror dipendono da molti fattori per distinguerli dal resto. Come tutti i film, hanno bisogno di una buona storia, buona scrittura, trama, regia e uno dei fattori più importanti è una forte interpretazione da parte degli attori. Durante la visione di un film horror, la "sospensione dell'incredulità" del pubblico deve essere messa in alto affinché credano che un assassino possa tornare dai morti, ucciderti nei tuoi incubi, ecc. Quindi, quindi, gli attori devono convincerci che loro credono nella situazione in cui si trovano e i loro personaggi devono essere interpretati bene. Quale sarebbe "Halloween" di John Carpenter se non fosse per la forte e credibile interpretazione di Jamie Lee Curtis nei panni di Laurie Strode? Nei film slasher, le interpretazioni degli attori e lo sviluppo del personaggio sono cruciali per rendere credibile la storia e per rendere il pubblico interessato al film. Ecco perché, in film come i molti sequel di "Venerdì 13"; il pubblico ride quando muore un personaggio invece di entrare in empatia con loro. Se i personaggi sono monodimensionali, semplicemente introdotti, si comportano in modo orribile e vengono quindi uccisi: a nessuno importa.

La morte di un personaggio in un orrore dovrebbe essere spaventosa e tesa. Il pubblico dovrebbe conoscere quel personaggio abbastanza bene da desiderare che il personaggio scappi e sopravviva all'orrore. È qui che molti film e rifacimenti recenti di slasher si sbagliano ancora e ancora; perché il pubblico non ha alcuna possibilità di legarsi con l'attore o il personaggio; sia perché la recitazione è scarsa o perché il personaggio non è semplicemente simpatico o sviluppato, o è sviluppato in una luce negativa.

Dopo aver recentemente visto "Final Destination 4", ho pensato a questo argomento; i personaggi erano piatti e noiosi, la maggior parte di loro non poteva nemmeno recitare in modo molto forte e quelli che potevano recitare, interpretavano personaggi inimmaginabili contro cui il pubblico stava facendo il tifo.

Lo sviluppo del personaggio non deve fare affidamento sulla quantità di tempo sullo schermo che il personaggio possiede; la sequenza di apertura di "Scream" di Wes Craven con il personaggio di Drew Barrymore ne è la prova. Siamo solo con il personaggio di Drew, Casey Becker, per poco più di dodici minuti, ma quando gli viene chiesto del film, la maggior parte delle persone ricorda questa sequenza di apertura a causa di quanto fosse straziante guardare. Non molte attrici potrebbero avercela fatta, ma la performance di Barrymore attira davvero le corde del cuore: il pubblico vuole che scappi e può entrare in empatia con lei. Lo stesso si può dire per il personaggio di Janet Leigh, Marion Crane, in "Psycho" di Alfred Hitchcock Anche se il suo personaggio è solo nella prima metà del film, ha il massimo impatto e guida l'intero film, anche dopo quello del suo personaggio Morte. Le ragioni di ciò in entrambi questi casi sono dovute alle performance delle attrici, che sono così potenti e credibili. Entrambe le attrici sono estremamente talentuose, i loro ritratti dei loro personaggi sono completi. Impariamo di più sul personaggio di Barrymore in dodici minuti di "Scream" che in un intero film con alcuni personaggi horror. In entrambi questi film, le loro scene della morte sono quindi molto dolorose e sconvolgenti da guardare perché ci piacciono i personaggi, non li guardiamo dall'alto in basso, ci relazioniamo con loro. Questo rende il film molto più spaventoso da guardare.

Nel film "So cosa hai fatto l'estate scorsa", l'attrice protagonista è Jennifer Love Hewitt, ma è il personaggio di Sarah Michelle Gellar di Helen che è più tragico e memorabile per un pubblico. Ciò è dovuto ad alcuni fattori; in primo luogo, il personaggio di Helen combatte per la sua vita per oltre quindici minuti di tempo sullo schermo, il personaggio è stato con noi dall'inizio del film ed è stato ben sviluppato come simpatico. Sarah Michelle Geller recita i suoi calzini - e, soprattutto, non la vediamo effettivamente assassinata, ne vediamo / sentiamo solo l'illusione. In recenti rifacimenti di slasher come i film di "Rob Zombie's Halloween", ci vengono mostrati personaggi antipatici che vengono pugnalati più volte e, quindi, tendono a perdere la loro umanità; diventano un pezzo di carne. Kevin Williamson (che ha anche scritto "Scream") sapeva che il pubblico poteva solo intravedere la morte di Helen attraverso colpi tagliati, e da noi assistere in anticipo alla sua paura, sarebbe molto più inquietante per un pubblico da guardare. Ciò che un pubblico o una persona può immaginare è molto più spaventoso e inquietante di quello che di solito viene mostrato nei film dell'orrore. La mente è un veicolo molto più forte per la paura di qualsiasi effetto speciale.

Quando sono andato a vedere il re-make di "Venerdì 13" c'erano molte risate da parte del pubblico ogni volta che un personaggio veniva ucciso. Una persona sana di mente di solito non lo fa (si spera); non ridiamo in "Alien" quando il petto del personaggio di John Hurt esplode perché ci piace il personaggio, ci teniamo al personaggio. Il motivo per cui il pubblico riderà (a meno che non sia un problema per i nervi) è se non gliene importa nulla del personaggio o se il personaggio si trova in una situazione imbarazzante. Diverse donne nella ricostruzione di "Friday the 13th 2009" sono state uccise mentre erano in topless, mentre quasi tutti i personaggi erano rappresentati come tossicodipendenti, avevano rapporti sessuali promiscui o erano semplicemente fastidiosi, quindi la maggior parte delle volte il pubblico è stato costretto a sentire i personaggi erano "battute" e la loro morte era insignificante; quindi ha messo molti spettatori nella situazione del killer. Inorridito, il pubblico di solito non dovrebbe essere in relazione con l'assassino perché rappresentano il male. Le loro morti sono state usate anche solo per disgustarci, ma questo è stato fatto troppe volte in precedenza, e meglio, per avere alcun effetto. È molto più inquietante "guardare" l'illusione della simpatica Marion Crane di Janet Leigh che viene pugnalata, piuttosto che guardare un personaggio in topless e antipatico, ottenere un'ascia in testa con uno sguardo stupido sul suo viso.

Questa era la principale differenza tra la terribile "Destinazione finale 4" e l'originale e brillante "Destinazione finale". I personaggi dell'originale, soprattutto, potevano recitare; ma erano anche ben sviluppati e, soprattutto, riconoscibili. Anche i personaggi non simpatici del film originale si sono sentiti reali in quanto avevano un forte senso del realismo. Lo stesso vale per "A Nightmare on Elm Street" di Wes Craven; i personaggi del film hanno una grande quantità di innocenza attorno a loro; sono anche riconoscibili e hanno il fattore di simpatia. Le scene della morte non sono divertenti; sono brutali, spaventosi e ossessionanti quando accadono; e questo è uno dei motivi per cui "A Nightmare on Elm Street" è un horror così fondamentale.

Hollywood, per la maggior parte, ha perso la sua capacità di spaventare. Anche durante la creazione di rifacimenti ora eliminano i personaggi in modo che tutto ciò che sono sia un corpo che il killer possa smembrare in modo comico o grottesco. O quello o l'abbiamo visto prima nel film originale, ma fatto meglio; CGI ed effetti non possono creare un migliore senso di carattere o atmosfera. Se un orrore deve essere preso sul serio, devi prendere sul serio i tuoi personaggi e le loro vite. Dopotutto, non c'è niente di divertente nella morte.




Istruzioni Video: Mortal Kombat™ X Kombat Pack e nuovi Kombattenti - Trailer Uffciale (Dicembre 2021).