First Orbit - film
Kazakistan, 12 aprile 1961, 06:07 GMT
Yuri Alekseyevich Gagarin stava per vedere ciò che nessun altro essere umano
aveva visto in tutta la storia dell'umanità. . .
Terra dallo spazio

Cinquanta anni dopo, il 12 aprile 2011, oltre due milioni di persone hanno guardato Prima Orbita, una ricreazione del regista britannico indipendente Christopher Riley di Vostok 1Il volo storico.

VostokLa telecamera di bordo monitorava il cosmonauta, non la Terra, quindi non c'è film su ciò che Gagarin vide. Ma Riley si chiese se il punto di vista di Gagarin potesse essere girato dalla Stazione Spaziale Internazionale. L'Agenzia spaziale europea (ESA) è stata di supporto e i loro ingegneri hanno calcolato che la stazione spaziale ha sorvolato la maggior parte del percorso di Gagarin - e al momento giusto della giornata - durante un determinato periodo di sei settimane. Ovviamente, le cose non sarebbero esattamente le stesse e le riprese dovrebbero rientrare in un fitto programma di lavoro a bordo.

L'astronauta italiano Paolo Nespoli ha accettato di farsi carico delle riprese. Un fotografo esperto, doveva unirsi alla squadra della stazione spaziale nel novembre 2010. C'era quindi solo una slot di sei settimane disponibile per ottenere le viste che volevano e per preparare il film per l'anniversario.

Durante VostokIl volo di Gagarin era in contatto con il suolo e queste comunicazioni furono registrate. È stato difficile, ma con l'aiuto di molte persone, è stata trovata una copia del file audio appena in tempo per essere elaborata nel filmato modificato.

Ciò si è preso cura di ciò che Gagarin ha visto e sentito, ma lui fu il primo uomo in orbita terrestre. Non sarebbe così eccitante per le persone che guardano il film, e che dire di una colonna sonora? Accade, Philip Sheppard, che ha scritto la musica per All'ombra della luna, stava lavorando ad alcune musiche ispirate ai viaggi nello spazio. Sorprendentemente, la musica era già a bordo della stazione spaziale: l'aveva caricata sull'iPod di un amico, l'astronauta Cady Coleman. Lei e Paolo Nespoli furono sorpresi di scoprire i loro collegamenti indipendenti con il film.

E il film stesso? Mentre passano i titoli di coda, vediamo alcuni filmati pre-volo. Il decollo è stato senza fronzoli. Il controllo a terra premette l'accensione, Gagarin esclamò "Poyekhali!" (Andiamo!) E se ne andò. Ma questa volta saremmo andati con lui.

La vista dall'orbita è fantastica, ma gran parte del volo era sull'Oceano Pacifico di notte. Devo ammettere che, nonostante la grande musica di Sheppard, è qui che mi sono ritrovato a pensare che mi fosse piaciuto idea del film meglio di quanto mi piacesse guardarlo.

Almeno vedere la Luna era un diversivo: questo era un piccolo regalo commemorativo da Riley a Gagarin che non era stato in grado di vederlo durante il suo volo. Gagarin aveva detto che l'avrebbe visto "la prossima volta". Purtroppo, non c'è mai stata una prossima volta per il prezioso ambasciatore il cui sorriso, come qualcuno l'ha descritto, "ha illuminato l'oscurità della guerra fredda".

Quando l'imbarcazione uscì dall'eclissi, l'alba fu uno spettacolo meraviglioso, ed era un sollievo avere qualcosa da guardare, anche se era più oceano. Quindi, finalmente, di nuovo a terra. L'atterraggio stesso è arrivato all'improvviso ed è stato indicato da qualcosa che sembrava soffiare nel vento. Ci è stato poi detto che Gagarin si era paracadutato sulla Terra da 7 km (4 miglia) in su.

Mentre stavo guardando il film, ho avuto molte domande assillanti. Il principale era: dove siamo adesso? Ma mi chiedevo anche chi è il "Numero 20" menzionato dal controllo di terra? E che dire del "Blondie" di Gagarin? C'è stato un lungo passaggio non tradotto in voice-over in russo - era un rapporto radiofonico?

Quando il film è finito, sono andato alla ricerca di alcune risposte.

Gagarin continua a garantire al controllo del terreno che sta bene, perché in quel momento nessuno sapeva come il corpo umano avrebbe affrontato le forze del decollo o l'assenza di gravità. Nel caso in cui il cosmonauta dovesse rimanere incosciente, il volo fu controllato da terra dal suo progettista, il grande ingegnere missilistico Sergei Korolev. È stato Numero 20 e sentiamo davvero la sua voce in occasione.

Korolev era la mente che, con scarse risorse, aveva mantenuto il programma spaziale sovietico un passo avanti rispetto agli Stati Uniti. Era anche un segreto ben tenuto, anche in Unione Sovietica, diventando noto al mondo solo qualche tempo dopo la sua morte nel 1966.

Kedr (pino siberiano) era il segnale di chiamata di Gagarin e il segnale di chiamata per terra era Zarya (alba). C'erano tre stazioni di terra. E bionda si rivelò essere il compagno cosmonauta di Gagarin, Alexei Leonov, che era a Yelizovo, una delle stazioni di terra. Nel 1965, Leonov avrebbe eseguito la prima passeggiata spaziale di sempre.

Il primo rapporto radiofonico era di Radio Mosca in inglese, che la BBC raccolse. E ce n'era un altro in russo.

Sono contento di aver visto il film e probabilmente lo rivedrò sapendo quello che so adesso. Mi chiedo se sarebbe possibile avere un commento facoltativo per un pubblico generale.Tuttavia spero che con le informazioni aggiuntive in questo articolo darai un'occhiata Prima Orbita e forse immaginarti in alto sopra la Terra come la persona che l'ha vista per la prima volta.

Riferimenti:
(1) Sven Grahn, "Un'analisi del volo di Vostok", //www.svengrahn.pp.se/histind/Vostok1/vostcompA.gif
(2) Daniel Terdiman, "Festeggiamo i 50 anni da 'Let's Go!' Di Yuri Gagarin"
//news.cnet.com/8301-13772_3-20052927-52.html
(3) Anatoly Zak, //www.russianspaceweb.com/vostok1.html (una versione interattiva della mappa dei voli)
(4)
Prima Orbita è disponibile su //www.youtube.com/watch?v=RKs6ikmrLgg

Istruzioni Video: First Orbit - the movie (Settembre 2021).