Ferguson mantiene le relazioni razziali sotto i riflettori
Il 9 agosto, il diciottenne Michael Brown è stato ucciso e ucciso da un agente di polizia di Ferguson, Missouri. Sei proiettili hanno reclamato la vita dell'adolescente. Dalla sua morte, hanno avuto luogo proteste pacifiche e non pacifiche. Ferguson ha attirato più attenzione nelle ultime settimane mettendo la città sotto i riflettori nazionali. Manifestanti, attivisti, umanitari e giornalisti sono scesi sulla città, dove i suoi abitanti sono neri per l'ottanta per cento, ma in cui il suo governo e la sua leadership sono debolmente privi di rappresentanza nera.

I manifestanti sono stati a Ferguson, nel Missouri per due settimane. Alcuni ritengono che la loro presenza stia aiutando a far luce su un problema nazionale, mentre altri ritengono che ciò stia solo esacerbando le relazioni razziali già tese che già esistono nella città tra i suoi residenti.

Fu chiamata la Guardia Nazionale per aiutare a mantenere la pace; soprattutto alla luce della crescente battaglia tra polizia e manifestanti. I disordini in città sono morti. Molti residenti di Ferguson citano che la maggior parte dei combattimenti e degli arresti sono avvenuti al di fuori di Ferguson. I genitori di Michael Brown incoraggiano le persone a mantenere la pace, e per tutti coloro che provengono da fuori città, a tornare a casa e proteggere e abbracciare i propri figli.

La comunità afroamericana continua a occuparsi delle conseguenze di un'altra morte, di un altro adolescente nero disarmato; approfondendo le ferite, intensificando le paure e aumentando la rabbia che continua a crescere con ogni atto di violenza e morte ingiustificata.

Ciò che è accaduto a Ferguson è una piccola visione del quadro più ampio di ciò che è accaduto nelle città in America. Questo influenza una nazione; non solo una famiglia, una città o una razza. In breve, si tratta dell'umanità nel suo insieme.

L'occorrenza dell'ennesima morte di una persona nera disarmata, fa sorgere sentimenti, pensieri e preoccupazioni sulle relazioni razziali in America, e il continuo vetriolo sputato riguardo alla vittima non solo in questo caso, ma anche i molti casi orribili che hanno si è verificato negli ultimi anni.

Molte persone avevano aspettative e speranze per un vero cambiamento. Credendo che i rapporti razziali stessero migliorando solo per rendersi conto di essere stati cullati da un falso senso di vittoria su alcuni trionfi. La verità della questione è che il male rimane spesso inattivo fino a quando non sente che il suo conforto e il suo nascondiglio vengono minacciati e probabilmente stanno per essere esposti.

Le relazioni razziali in America subirono una brusca svolta quando furono eletti un presidente afroamericano. Questi problemi e problemi erano sempre presenti (dobbiamo solo guardare al sistema penale americano). L'odio è sempre stato lì. Ma ora è esposto e scoperto per essere visto da tutto il mondo. L'odio è troppo grande per essere nascosto o mascherato più. Non si può più sedersi e agire come se non ci fosse o non accadesse; specialmente quando la popolazione maschile di una razza è diventata una specie in pericolo.

Ne conseguono discussioni, con opinioni opposte da entrambi i lati della recinzione che dichiarano un malinteso su ciò che sta realmente accadendo. Il fatto è che non importa come si tenta di ruotarlo, coprirlo, giustificarlo o addirittura negarlo: la razza è al centro. Basta vedere i numeri e le morti per vedere lo squilibrio delle cose.

Se le cose devono migliorare, allora deve avvenire un dialogo onesto. Dialogo aperto, onesto e sincero che non si rivolge solo all'elefante nella stanza; ma lo affronta e arriva a comprendere che le scale non sono equilibrate e che c'è un cambiamento immediato che deve avvenire nelle comunità, nelle case, nel governo e nella legge.

Istruzioni Video: MA CHI È DAVVERO A TRASGREDIRE LE REGOLE? Alberto Bagnai, Stefano Feltri e Sergio Cesaratto (Agosto 2021).