Paura: il primo ostacolo al successo
La settimana scorsa abbiamo presentato i lettori a Life Coach, Curtis Jasper, altrimenti noto come Coach Curt. Coach Curt ha iniziato a consultare, istruire e formare educatori e amministratori nel 1998 dopo una carriera come insegnante di classe. Quando ha scoperto che molti dei suoi tirocinanti erano ostacolati professionalmente da blocchi personali, ha iniziato a offrire servizi di coaching a giovani e adulti attraverso la sua organizzazione Peripheral Pathways. Quella che segue è la seconda parte dell'intervista.

BELLA: Cosa possono aspettarsi i clienti durante la loro prima sessione con te?

COACH CURT: i clienti possono aspettarsi un servizio professionale, esclusivamente focalizzato, progettato e co-creato da, per e con il loro costante input e feedback. I clienti possono aspettarsi un'attenzione completa dall'inizio alla fine dal presente, andando avanti. Non approfondiamo il passato, a meno che non lo ritengano necessario e pertinente e anche in questo caso limitiamo il tempo dedicato. Per molti di noi, non abbiamo nessuno da condividere senza il possesso di pregiudizi naturali che esistono dalle attuali relazioni con amici e familiari. I clienti sapranno, entro la fine della sessione iniziale, se Life Coaching è sicuramente per loro. Fornirò anche loro alcune valutazioni e strumenti per aiutare a coltivare questa relazione professionale.

BELLA: Qual è l'ostacolo più comune che hai trovato tra i tuoi clienti, ovvero paura, mancanza di motivazione, ecc.?

COACH CURT: La paura è il blocco stradale numero uno. Li assisto nella recitazione in mezzo alla paura. Tutte le altre cose come la motivazione, ecc. Derivano dalla paura. Non abbiamo trascorso molto tempo a discutere e analizzare la paura, semplicemente la riconosciamo per quello che è e continuiamo a muoverci nonostante ciò verso i nostri obiettivi. Vivere in passato nell'altro enorme blocco stradale. Insegno ai miei clienti "distinzioni" o semplicemente un altro modo di guardare se stessi e le loro vite.

BELLA: So che lasciar andare il passato può essere un processo, ma lo sono
ti chiedi se puoi dare ai lettori una semplice tecnica per andare avanti?

COACH CURT: non devi lasciar andare il passato per andare avanti. Devi solo essere presente per controllarlo per funzionare con te in modo produttivo. Per andare oltre il tuo passato, devi prima e solo essere presente al fatto di quando il loro passato sta emergendo e facendo il "decidere" per loro.

Il passato è il modo in cui il cervello ti controlla con un livello di conforto perché il cervello ha bisogno di sentirsi e avere il controllo. Molte persone non riescono a riconoscere che non stanno scegliendo di fare una certa cosa, ma decidono di fare una cosa del passato. Quando riconosci che il tuo passato "ti dice di avere paura", il tuo passato ti dice "non sei abbastanza bravo", il tuo passato ti dice "non avvicinarti a questa relazione, sai cosa è successo l'ultima volta."

Non è l'ignoto che fa paura per la maggior parte delle persone, è il condizionamento del passato che crea l'illusione della paura. Nel momento in cui hai paura, sii con quella sensazione e letteralmente senti quella sensazione e poi riconoscila per quello che è veramente. Niente! È tutto inventato ... non i fatti, ma la tua "storia" attorno al tuo passato. Potresti anche voler dire ad alta voce: "c'è il mio cervello (il mio intelletto) che decide per me in base al mio passato".

Il creatore ci ha benedetti tutti con la capacità di creare ulteriori possibilità illimitate per noi stessi, le nostre famiglie e l'universo. Sii presente alla paura e la paura si dissipa. Il cervello funziona proprio come il braccio o la gamba. Lo controlliamo e non viceversa. Al di fuori delle cose pratiche, il cervello (la mente) ha causato più danni che benefici alla maggior parte delle persone.

***

Nelle prossime puntate, parleremo con Coach Curt di instillare autostima nei bambini, il futuro del life coaching e leggere libri, quindi rimanete sintonizzati. Nel frattempo, per ulteriori informazioni su Coach Curt, visitare www.peripheralpathways.com o chiamare direttamente (770) 856-6906.

Istruzioni Video: Come affrontare la paura | Filippo Ongaro (Ottobre 2021).