La violenza domestica non riguarda solo i giovani
L'esperienza della violenza domestica rappresenta una grave minaccia per la sicurezza e la qualità della vita degli anziani, da parte di familiari, amici o tutori. L'abuso domestico degli anziani si manifesta in modi sottili, inclusi i seguenti: abuso fisico o sessuale, abuso o sfruttamento finanziario, abbandono e abuso emotivo o psicologico. Più sottile e difficile da rilevare, tale abuso può comportare anche la sospensione di farmaci o trattamenti.

La violenza domestica subita dalle persone anziane rientra in una delle tre categorie comuni:

1. Violenza domestica cresciuta in età avanzata - Questa forma di violenza domestica inizia spesso nelle prime fasi di una relazione e continua fino alla vecchiaia. Fondamentalmente il ciclo si interrompe solo quando l'abusatore è troppo vecchio o infetto per continuare l'abuso.
2. Violenza domestica a esordio tardivo - Questa forma di violenza domestica è il luogo in cui la relazione è diventata stressante e tesa nel corso degli anni e l'abuso non ha luogo dopo i 65 anni. Questo tipo di abuso è legato alla pensione, diventando un custode di un coniuge, cambiando ruolo nelle relazioni, disfunzione sessuale e diminuzione del sesso.
3. Entrare in una relazione violenta - Questa forma di violenza domestica si verifica quando le persone anziane entrano in una relazione violenta più tardi nella vita. Normalmente, la persona che sta entrando nella relazione abusiva non ha idea che il nuovo individuo nella sua vita abbia uno sfondo violento e abbia avuto normali relazioni felici in passato. Questo è il più facile dei tre da cui uscire poiché la vittima capisce che per lui o lei sono possibili relazioni sane con individui non violenti.

Secondo un caso di studio condotto dalla Arizona State University, in tutti questi tipi di violenza domestica, gli autori sono coniugi o partner intimi, la maggior parte sono uomini e spesso droghe o alcol sono abusati da uno o entrambi i partner.

Le vittime a rischio sono di solito donne le cui relazioni con i loro coniugi o partner sono state violente o tese quando erano più giovani. Anche a rischio sono le donne anziane che entrano in relazioni intime nella tarda vita.
L'intervento degli operatori sanitari può fare la differenza tra sicurezza e aumento del rischio di danni alle vittime anziane di abusi domestici.

La segnalazione obbligatoria di sospetti abusi ai Servizi di protezione degli adulti e / o alle forze dell'ordine locali migliora la protezione della vittima. Contribuire alla violenza contro le vittime anziane sono bisogni di dipendenza, mancanza di salute, isolamento e caregiver stressati.

Pertanto, la pianificazione delle dimissioni per le vittime più anziane di violenza dovrebbe comportare il collegamento e il collegamento in rete con adeguate strutture e risorse per l'assistenza domiciliare o residenziale. Se lo stress del caregiver è un fattore, potrebbero essere richiesti servizi per il custode, inclusi servizi di sollievo, gruppi di supporto e monitoraggio continuo per ridurre il potenziale per ulteriori abusi. Il trasferimento della vittima può essere necessario per proteggerlo dai danni.

La consapevolezza della violenza domestica nella popolazione anziana e l'educazione di coloro che entrano in contatto con potenziali vittime della violenza domestica sono indispensabili per arrestare il ciclo degli abusi. La valutazione del rischio e lo screening per la violenza domestica possono salvare vite umane. Le partnership con i servizi della comunità contribuiscono all'assistenza olistica e all'empowerment per le vittime di tutte le età.

Istruzioni Video: Paolo Crepet parla del bullismo scolastico (Novembre 2021).