Nega e abilita
L'argomento di questo articolo, "Nega e abilita", non è nuovo per nessuno di noi. In effetti, so che scrivere questo è come predicare al coro. Non ti dirò nulla che non conosci già. Tuttavia, è qualcosa che devo dire e potrebbe esserci uno di voi là fuori che ascolterà ciò che è necessario ascoltare.

Oggi ci sono molte cose che capisco di non aver fatto quando stavo bevendo. Non ho capito la negazione della mia malattia perché non ero un alcolizzato. Non ho capito l'abilitazione perché se non fossi un alcolizzato chi mi permetterebbe e perché. Quindi questa ruota gira e rigira finché non trovi quel giorno in cui puoi e smetti di negare tutto.

Non sto scrivendo questo articolo per quelli di noi in fase di recupero. Non si tratta di "noi". Si tratta di quei genitori, amici e altri membri della famiglia che amano un tossicodipendente e stanno alimentando la loro abitudine giorno dopo giorno. Sono diventato estremamente consapevole di queste situazioni quando ho intervistato interventisti e altri professionisti per il mio libro. Sapevo quanto fosse difficile per un non tossicodipendente comprendere tutto ciò che c'era da sapere su come ottenere aiuto. Volevo rendere un po 'più semplice il percorso per aiutare la persona amata. Credo di essere riuscito a farlo, ma ciò che non ho calcolato è stato il tempo impiegato da genitori, amici e familiari per realizzarlo.

Questa è diventata un'esperienza personale per me e sono sconvolta e arrabbiata. Forse è perché vedo quanto sia miracolosa la guarigione e non sono del tutto sicuro del motivo per cui qualcuno non lo vorrebbe né per se stesso, né per una persona cara. So di non avere alcun controllo sugli altri. So che voglio più il controllo sugli altri ... troppa responsabilità. Quindi la mia domanda è retorica. In che modo un padre osserva ogni giorno il figlio adulto, dipendente dall'eroina, avvicinarsi alla morte e dire: "Sono davvero preoccupato per lui". È tutto ... "preoccupato per lui".

Sono convinto che quando morirà, i genitori si getteranno sulla sua bara, incolpandosi a vicenda e chiedendo a Dio "Perché?" Capisco quanto sia difficile, come genitore, avere un figlio o una figlia dipendenti da qualcosa. Conosco molti uomini e donne in ripresa che si trovano in questa posizione. Si preoccupano? Certo che lo fanno. Ma pregano di più. Inoltre, non si attivano supportando comunque il figlio. Non riesco a immaginare quanto sia difficile, ma è quello che sanno che devono fare per salvare il loro bambino se possono essere salvati.

Mio marito disse: "Beh, ha paura di cacciarlo perché morirà là fuori". Sì. Impazzisco per quello. Quindi è meglio abilitarlo in modo che possa morire di fronte a te. Il padre di questo giovane non nega di essere un drogato di eroina. La sua negazione è che migliorerà senza fare nulla. Come un giorno dirà semplicemente "Ho finito" e proseguirà per la sua allegra. Il padre non vuole lasciare suo figlio se deve stare via per una settimana circa. Quindi la soluzione è quella di ottenere le medicine per aiutarlo con l'astinenza e quindi per la settimana il bambino è infelice. E proprio quando riesce a vedere abbastanza chiaramente da voler recuperare, è tornato a casa e il suo concessionario sta aspettando. Nel frattempo, quando sta assumendo farmaci di ritiro e si sente meglio, abbatte drink dopo drink in presenza di, l'approvazione e pagato da suo padre.

Gli interventisti hanno ragione. Perché un tossicodipendente vorrebbe riprendersi quando ha cibo, vestiti, riparo, denaro, ecc. Quando lo desidera? Quale sarebbe il punto? La cosa importante da ricordare è che quando siamo in qualche dipendenza, non possiamo fare la scelta di fare molto di tutto. Questo è esattamente il motivo per cui mi sento così. In questo caso, chi è più malato? Il tossicodipendente che non può prendere alcuna decisione o il genitore che nega e abilita? Oggi sono molto più arrabbiato con il genitore.

Condivido solo una parte della storia, amici. E l'unico motivo per cui sto condividendo è che ho avuto l '"opportunità" di avere questa famiglia a casa mia per alcuni giorni. Vivono a una certa distanza da me e tutto ciò che posso dire è: "Grazie, Dio!" Ho visto più manipolazioni e sentito più bugie nella scorsa settimana di quante ne ricordi, da padre e figlio.

Conosciamo tutti qualcuno che sembra non poter aiutare. Quando sponsorizziamo o aiutiamo qualcun altro nella compagnia, sembra un po 'più facile che cercare di aiutare qualcuno a cui siamo vicini. La connessione personale rende difficile. So che l'unica cosa che posso fare è offrire un po 'di consigli qua e là, sapendo che non sono un esperto e sapendo che il mio consiglio potrebbe non essere preso. E posso pregare.

Invito tutti voi a pregare non solo per coloro che soffrono di dipendenza, ma anche per le madri, i padri, i familiari e gli amici che negano e abilitano. Prega che possano trovare la forza di fare qualunque cosa debbano fare per salvare la persona amata. Allo stesso modo si salveranno da soli.

Namaste’. Possa tu percorrere il tuo viaggio in pace e armonia.

Come Grateful Recovery su Facebook. Kathy L. è l'autore di "The Intervention Book" ora in tascabile, e-book e audio.




Istruzioni Video: MC Lele JP - Eu e Meu Foguete A Milhares Na Pista (DJ Pedro) Part. MC Jhojhow (Settembre 2021).