Equini Cosmici
The constellation Pegasus [Artista: John Moorehead]

Ogni mattina Phoebus Apollo imbriglia i suoi quattro cavalli sul carro del Sole. Guida il carro in cielo, portando il giorno sulla Terra. Quando lo ricaccia, scende la notte. I cavalli sono stati tratti dei cieli dal tempo degli antichi greci fino ai giorni nostri.

Pegasus ed Equuleus e Auriga
L'equino cosmico più famoso è probabilmente il cavallo alato Pegasus. Nella mitologia greca nacque dalla Gorgone Medusa quando Perseo le tagliò la testa. Pegaso fu successivamente domato dall'eroe Bellerofonte. La costellazione è spesso erroneamente inclusa come parte del gruppo di costellazioni che illustra la storia di Perseo e Andromeda, che occupa una grande porzione del cielo settentrionale.

Pegasus contiene un marcatore importante per gli osservatori delle stelle, l'asterismo noto come la grande piazza di Pegaso. Un altro dei suoi componenti notevoli è il primo pianeta scoperto in orbita attorno a una stella simile al sole. Fu designato 51 Pegasi b, ma ufficiosamente noto come Bellerofonte. Con un bel disprezzo per i classici, ora è ufficialmente chiamato Dimidium, che significa metà. (Ha metà della massa di Giove.)

Sbirciando da dietro la testa di Pegaso è una costellazione di cui la maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare: Equuleus, il puledro. Non sorprende che sia così poco conosciuto, perché è piccolo e scuro. Anche la sua stella più luminosa è solo di quarta magnitudine. (Maggiore è il numero di magnitudo, più dimmer appare la stella.)

Eppure Equuleus è una vecchia costellazione. Tolomeo (90-168 d.C. circa) lo includeva nel Almagesto. Potrebbe essere stato inventato da Ipparco (circa 190-120 a.C.) o dallo stesso Tolomeo. Esistono diverse leggende che riguardano Equuleus, comprese le tradizioni che associano il puledro a Celeris, che era o il fratello o la progenie di Pegaso.

E potresti aspettarti che Auriga, il charioteer, abbia un cavallo. Auriga è spesso identificata con Erittonio che era noto come un grande addestratore di cavalli. Fu il primo - tranne Apollo stesso - a guidare un carro trainato da quattro cavalli. Sebbene Auriga sia raffigurata con le redini in una mano, gli unici animali che ha sono una capra e due bambini. Questo è probabilmente un residuo di una tradizione pre-greca in cui le stelle di Auriga rappresentavano un gregge di capre.

Centaurus e Sagittarius
Ci sono due costellazioni che raffigurano centauri, creature metà umane e metà cavallo. Uno di questi si chiama Centaurus, quindi è ovviamente un centauro. È un'importante costellazione dell'emisfero meridionale e la sua stella luminosa Alpha Centauri (Rigil Kentaurus) è il sistema stellare più vicino al nostro Sistema Solare. Sebbene sembri una singola stella, in realtà è un sistema a tripla stella e almeno un pianeta orbita attorno a Alpha Centauri B.

La mitologia di solito presenta i centauri come zoticoni violenti e lascivi. Una rara eccezione fu Chirone che è associato alla costellazione del Centauro. Sembra improbabile che i centauri fossero così popolari da avere due costellazioni. Tuttavia una seconda costellazione è rappresentata anche come un centauro, l'arciere Sagittario.

Sebbene il Sagittario sia spesso chiamato Chirone, è più probabile che Croto sia il satiro. I satiri si comportavano in modo altrettanto grave dei centauri, ma erano per metà umani e per metà capre e Croto era un'eccezione meravigliosa. Era un musicista esperto che viveva con le Muse. Ancora più importante, doveva essere l'inventore del tiro con l'arco. Eratostene (276-194 a.C.) identificò Croto con la costellazione del Sagittario. Qualche secolo dopo sorse la confusione.

Il Sagittario è una delle dodici costellazioni dello zodiaco. Le sue stelle più luminose formano un asterismo chiamato la teiera. Uno dei suoi interessanti oggetti del cielo profondo è il Sagittario A *, una forte sorgente radio che è probabilmente un buco nero.

nebulose
Le immagini che di solito vediamo delle nebulose sono colorate: il rosso dell'idrogeno energizzato, il blu di una nebulosa a riflessione e vari colori scelti per rappresentare le lunghezze d'onda della luce che sono invisibili ai nostri occhi. Ma ci sono anche nebulose oscure, nebulose non illuminate dalla luce delle stelle. Sono scuri perché sono opachi e visibili solo se proiettati su uno sfondo più chiaro.

Una di queste nebulose è il Cavallo Oscuro nella costellazione di Ofiuco. Fa parte della Grande Rift della Via Lattea. The Great Rift sembra un abisso che divide la Via Lattea nel senso della lunghezza, ma in realtà sono nuvole molecolari polverose che oscurano la nostra visione del disco galattico.

Ma probabilmente la nebulosa oscura più conosciuta è la Nebulosa Testa di Cavallo (Barnard 33) nella costellazione di Orione. Sono circa 1500 anni luce da noi: un vivaio stellare che fa parte della Nebulosa di Orione. Si distingue contro il bagliore rosso del gas idrogeno ionizzato dietro di esso.

Guardare le stelle
È interessante notare che quando un cavallo porta la testa troppo in alto, dicono che lo è guardare le stelle. Questo non è un bene per un cavallo e deve essere corretto, ma il cavallo potrebbe semplicemente provare a vedere i cavalli cosmici?

Riferimento:
Ian Ridpath, "Star Tales" //www.ianridpath.com/startales/sagittarius.htm


Istruzioni Video: El Domador De Caballos · Enigma (Gennaio 2022).