Complicanze dell'isterectomia
L'isterectomia, una delle procedure chirurgiche più comunemente eseguite nelle donne, può essere eseguita in sicurezza con un'interruzione minima della vita di una donna. Niente nella vita è privo di rischi e con la chirurgia c'è sempre il rischio di esiti avversi o complicanze chirurgiche. I rischi generali e specifici di questa procedura saranno esaminati in questo articolo.

Quando firmi un consenso chirurgico, dovresti avere una piena comprensione di ciò che verrà fatto, perché viene fatto e dei potenziali rischi e complicazioni. La tua firma sul consenso è la conferma di questa comprensione e il permesso ai fornitori di eseguire l'intervento chirurgico. Il processo di consenso informato fa parte delle migliori pratiche ed è legalmente richiesto nella maggior parte dei paesi.

Prima di firmare il consenso è necessario avere una piena comprensione dei rischi specifici della procedura. I rischi comprendono lesioni agli organi adiacenti, emorragie che richiedono trasfusioni di sangue, rischio di infezioni e possibile necessità di un ulteriore intervento chirurgico. I rischi dipendono dalla via dell'intervento, dalla durata dell'intervento, dalla salute dell'individuo e dalla presenza di patologie intraaddominali che possono causare difficoltà chirurgiche. I rischi di un'isterectomia sono più bassi se eseguiti attraverso il canale del parto e più alti se eseguiti laparoscopicamente. Maggiore è l'intervento chirurgico, maggiori sono i rischi, in particolare quelli correlati alle infezioni. La durata dell'intervento potrebbe anche riflettere la complessità della procedura, che aumenta anche i rischi. Infine, le persone più giovani, più sane e di peso normale hanno un rischio inferiore di complicanze chirurgiche.

I rischi di complicanze chirurgiche maggiori non intenzionali sono dello 0,5% circa. Le complicanze più gravi dell'emorragia si verificano con una frequenza del 2%, mentre la lesione della vescica e dell'intestino si verifica l'1% delle volte. Una delle lesioni più preoccupanti è quella all'uretere, che è più ferito con un'isterectomia rispetto a qualsiasi altra procedura chirurgica. Ciò è dovuto alla sua vicinanza all'utero. Ciò si verifica meno dell'1% delle volte.

Le infezioni possono verificarsi in diversi siti. Un'infezione intra-addominale profonda, che potrebbe comportare un ascesso e la necessità di un ulteriore intervento chirurgico si verifica con una percentuale dello 0,1%, mentre viene segnalata un'infezione della ferita della pelle o della parete addominale il 3% delle volte. Le infezioni del tratto urinario sono riportate con un tasso del 4%. La polmonite è un'altra infezione che può verificarsi con un intervento chirurgico importante. La maggior parte di queste infezioni sono facilmente gestibili quando identificate in anticipo.

Altri rischi che possono verificarsi a seguito di qualsiasi intervento chirurgico importante includono infarto del miocardio, ictus ed embolia polmonare (EP). La PE richiede un'attenzione particolare nella popolazione ginecologica, poiché è la causa di morte più comune nelle giovani donne sottoposte a chirurgia pelvica. Tende a verificarsi quando un coagulo da una trombosi venosa profonda nelle estremità inferiori, arriva ai polmoni. La percentuale di tromboembolia venosa dopo un importante intervento chirurgico ginecologico è del 15-30% se non viene utilizzata la profilassi. Il rischio di morte per isterectomia è inferiore a 0,5 / 1000 procedure e tende a derivare da un evento cardiaco o da un embolo polmonare.

Alcune complicanze vengono identificate immediatamente e se gestite prontamente hanno conseguenze minime a lungo termine. Alcune complicazioni potrebbero non essere immediatamente evidenti e svilupparsi nell'arco di pochi giorni o circa una settimana dopo la procedura. Ciò evidenzia l'importanza di comprendere le istruzioni postoperatorie e di cercare prontamente assistenza se esiste un problema come descritto nella maggior parte delle istruzioni postoperatorie. Il punto di 6 settimane è in genere il momento in cui si può presumere un recupero completo. Se si verificano complicazioni, di solito è entro questo periodo. La notevole eccezione è un'ostruzione intestinale dovuta alle aderenze, che può svilupparsi immediatamente o mesi o anni dopo un intervento chirurgico.

La stragrande maggioranza delle isterectomie è semplice. Anche quando si verificano complicazioni, di solito vengono gestite con problemi minimi a lungo termine. I preparati pre-chirurgici standard sono progettati per ridurre al minimo molte delle complicanze più gravi. Gli antibiotici perioperatori forniscono una riduzione di 10 volte del rischio di infezioni, mentre la profilassi venosa del tromboembolismo riduce il rischio di trombosi venosa profonda da un massimo del 30% a un minimo dello 0,2%. Una buona tecnica chirurgica, una mobilizzazione precoce, la rimozione dei cateteri il più presto possibile e un'attenta pianificazione pre-chirurgica aiutano enormemente a ridurre al minimo le complicanze chirurgiche.

Se hai intenzione di fare un'isterectomia, fai i compiti e assicurati che la comunicazione tra te e il tuo chirurgo sia chiara. Comprendi le ragioni dell'intervento, esattamente cosa verrà fatto e come e i rischi potenziali. Chiedi cosa sarà fatto per ridurre al minimo i rischi di queste complicanze e sii chiaro sulle istruzioni post-chirurgiche. Se hai problemi di salute, chiedi consiglio ai tuoi internisti o allo specialista appropriato per massimizzare la tua salute prima dell'intervento. Se hai problemi cardiaci, consulta il tuo cardiologo. Se hai il diabete, collabora con il medico per tenere sotto controllo i livelli di glucosio.Sei un membro vitale del tuo team sanitario ed è nel tuo interesse lavorare con i tuoi medici per aumentare le tue possibilità di ottenere risultati positivi.

Spero che questo articolo ti abbia fornito informazioni che ti aiuteranno a fare scelte sagge, quindi puoi:

Vivi sano, vivi bene e vivi a lungo!

Istruzioni Video: Tumore del Collo dell'Utero: Isterectomia Radicale Nerve Sparing per evitare complicanze (Gennaio 2022).