Un filo conduttore attraverso le comunità nere
Tragedie. Omicidio. Morte. Povertà. Disoccupazione. Razzismo. Incarcerazione. Recidiva. Orfano di padre. Motherless. Homeless. Fame. Dolore. Potrei continuare con un elenco di parole che potrebbero e possono essere attribuite, ma NON definire, le nostre comunità nere. Siamo molto più di queste parole. Tuttavia, i media, e persino alcuni dei nostri stessi individui che sono arrivati ​​ad odiare se stessi, direbbero che queste sono le uniche parole che definiscono le nostre comunità e chi siamo. Questa è una bugia!

Amore. Resiliente. Forte. Determinato. Innovatori. Creatori. Fighters. Vincitori. Mentori. Imprenditori. Dedicato. Hopeful. Credenti. Fedele. Trailblazers. Questi sono le parole che DEFINISCONO chi siamo. Questi sono gli attributi che ci hanno fatto avanzare e produrre grandezza in mezzo alle avversità. Questo è il nostro filo conduttore.

In ogni stato, in ogni nazione, esiste un filo conduttore nelle comunità nere: la lotta per non arrendersi mai o arrendersi, non importa quanto apparentemente impossibile o scoraggiante una situazione. Riusciremo sempre a superare le polemiche e l'odio, e qualsiasi data atrocità, e produrrà il nostro meglio.

Siamo come diamanti. Carbone che è stato frantumato e sottoposto a anni di pressione, che viene fuori come diamanti lucidati. Diamanti di rara qualità e di alto valore. Siamo schiacciati da tutti i lati. Siamo schiacciati e fatti cadere; ostacolato e predato; le nostre stesse vite sono state prese, eppure sopravviviamo, eccelliamo e prosperiamo.

Non possiamo permetterci di diventare così amareggiati con le tante atrocità che vediamo, che dimentichiamo di celebrare chi siamo e i risultati che abbiamo raggiunto. Dobbiamo ricordare di incoraggiare e mostrare ai nostri figli fino a che punto siamo arrivati, anche se abbiamo ancora modi per andare. Dobbiamo insegnare loro la nostra storia e le cui spalle ci appoggiamo. Dobbiamo instillare in loro la speranza, anche quando tutto intorno a loro sembra senza speranza. Dobbiamo tornare a vivere nel villaggio, dove ogni bambino diventa tuo figlio e nessuno ne rimane indietro.

C'è grandezza accadendo ogni singolo giorno nelle nostre comunità. Non dobbiamo permettere alle prove di questa vita, o alla copertura ridondante e implacabile e parziale di alcuni media di definire chi siamo, o continuare a presentare una prospettiva unilaterale basata sulle loro paure, sulla loro verità personale o ignoranza. Noi, la comunità nera, dobbiamo prendere una posizione, sollevarci e iniziare a fare ciò che sappiamo essere giusto. Dobbiamo cambiare il nostro focus. Cambia l'attenzione dei nostri figli e fai loro sapere: Sì. Grandi cose provengono dalle nostre comunità nere.

Ci sono così tanti successi da parte di afro-americani in questo mondo che passano inosservati perché non attirano così tanto l'attenzione o riconoscimenti come lo sport o l'intrattenimento. Dobbiamo cambiarlo. Dobbiamo ispirare i nostri figli attraverso l'educazione e la nostra dedizione. La nostra storia dice che siamo di un terreno così buono, che anche in una siccità possiamo ancora produrre buoni frutti.

Il nostro filo conduttore è più che il colore della nostra pelle. È ciò che tutti abbiamo ereditato da generazioni prima. Un'eredità che è piena di determinazione, forza d'animo, potere, resilienza, fede e amore. Dobbiamo sostenerci a vicenda nei nostri sforzi. È tempo di riportarlo ai modi della vecchia scuola. Torna alle lezioni dei nostri nonni e dei loro genitori, che dicevano: Vieni all'inferno o all'acqua alta, ce la faremo e i nostri figli vivranno una vita migliore della nostra. Non si arresero e nemmeno noi. È nel nostro DNA. È il filo che ci unisce e ci mantiene non solo vivi, ma forti.

Ecclesiaste 4:12 "E se uno prevale contro di lui, due lo resisteranno; e una corda a tre fili non si spezzerà rapidamente."

Istruzioni Video: LA COSTITUZIONE CI SALVERÀ DALLA ROVINA - Scardovelli, Maddalena, Giambelli, Beccarelli, Donti (Novembre 2021).