Combatti i medici e la loro evoluzione
Il Combat Medic (specialista sanitario) fornisce una funzione estremamente importante nel fornire assistenza di pronto intervento e coordinamento di evacuazione a una struttura di assistenza di emergenza. Non esiste un soldato di fanteria che non apprezza e ammira il lavoro e l'eroico valore di un Combat Medic. Tuttavia, l'evoluzione del moderno Medic ha una lunga storia, ed è una che dovrebbe essere studiata per capire fino a che punto siamo arrivati.

Le cure mediche del combattimento ferito possono essere ricondotte alla Prima Crociata (1096 - 1099). Un ospedale fondato nel Distretto Cristiano di Gerusalemme nel 1023, la cui direttiva principale era quella di fornire assistenza ai pellegrini poveri, ammalati e feriti nelle Terre Sacre, curava i feriti e i difensori malati del cristianesimo durante le Crociate. I caregiver erano monaci benedettini addestrati nella medicina di quel tempo. Nel 1113 fu creato un ordine di badanti, Papa Pasquale II, chiamato Knights Hospitalliers (Ordine di San Giovanni). Fornirono assistenza durante le Crociate fino a quando i cristiani furono infine espulsi dalle Terre Sacre.

I progressi nella tecnologia medica sono proseguiti nel corso della storia:

* Battaglia di Shrewsbury (Inghilterra) nel 1403, fu usato uno strumento specializzato per rimuovere le frecce.
* Assedio di Malaga (Spagna) nel 1487, un carro ambulanza dedicato fu usato per rimuovere la ferita da un campo di battaglia.
* Il chirurgo francese Ambroise Paré (circa 1537) generò quello che è considerato il moderno trattamento delle ferite sul campo di battaglia.

Il grande passo successivo nella medicina del campo di battaglia arrivò all'inizio del 1800 quando il chirurgo Dominique Jean Larrey diresse la Grande Armée di Napoleone Bonaparte. Sotto la guida del chirurgo Larrey, fu creato il Mobile Field Hospital (Ambulance Volantes) e fu istituito un Corpo specializzato di soldati addestrati ed equipaggiati per fornire aiuti sul campo di battaglia.

Un altro importante progresso nelle cure mediche sul campo di battaglia non emerse fino alla guerra civile americana (1861-1865). Maggiore Jonathan Letterman, chirurgo e direttore medico del Esercito del Potomac, ha sviluppato un sistema di veicoli, organizzazioni, strutture e personale dedicati per prendersi cura dei feriti di guerra. Il piano del maggiore Letterman fu attuato per la prima volta nel settembre del 1862 durante il Battaglia di Antietam.

Nel 1864, il Prima convenzione di Ginevra convocato per stabilire politiche per la guerra civile. L'articolo venticinque prevedeva le regole che disciplinano gli operatori sanitari sul campo di battaglia. Secondo le regole, è diventato un crimine di guerra sparare consapevolmente contro il personale medico che indossa una chiara insegna. Prevede anche che i Combat Medics trasportino armi personali per proteggere se stessi o quelli a loro affidati, se l'arma fosse usata offensivamente, ciò negherebbe la protezione ai sensi della convenzione. Da questo momento in poi, tutto il personale medico statunitense non ha portato armi sul campo di battaglia.

Ulteriori progressi nella tecnologia medica sono stati:

* La guerra americana spagnola, nel 1890, furono utilizzate le prime medicazioni sul campo di battaglia.
* La prima guerra mondiale il servizio di ambulanza dell'esercito americano e il corpo sanitario furono istituiti nel 1917. Queste organizzazioni controllavano tutti gli aspetti della logistica medica e della gestione delle cure e delle malattie dei pazienti.
* Durante la seconda guerra mondiale si è scoperto che l'ottantacinque percento dei soldati feriti sopravviveva se trattato entro la prima ora.
* Il 4 agosto 1947, il Congresso degli Stati Uniti creò il Corpo dei servizi medici.
* La guerra di Corea (1950-1953) fu l'introduzione dell'unità M * A * S * H ​​(Mobile Army Surgical Hospital) e il primo uso dell'evacuazione medica in elicottero.
* La guerra del Vietnam (1955-1975) vide progressi nel trattamento dei campi di battaglia e nell'evacuazione degli elicotteri. C'era un tasso di sopravvivenza del novantotto percento dei feriti se l'evacuazione avveniva entro un'ora. Questa era la prima volta che i medici non indossavano le insegne mediche e si armavano. Ciò era dovuto al fatto che il Viet Cong e l'esercito del Vietnam del Nord non lo riconoscevano Convenzione di Ginevra.

A partire dal 2005, le forze armate degli Stati Uniti hanno riprogettato il Combat Medic. Fu costruito un impianto a Fort Sam Houston a San Antonio, in Texas. Si tratta di una struttura militare congiunta in cui esercito, aeronautica e dipartimento della marina militare si allenano tutti insieme, con un addestramento specializzato specifico per il ramo. Il nome del Combat Medic è cambiato, così come l'allenamento. Il nuovo nome è specialista sanitario.

Lo specialista sanitario è qualificato come tecnico medico di emergenza (EMT). Sono addestrati nelle tecniche avanzate delle vie aeree, nella gestione degli urti e nell'evacuazione. Devono ricertificare ogni due anni e avere settantadue ore di crediti di formazione continua tra ciascuna ricertificazione.

Sul campo di battaglia, devono essere in grado di fornire il primo soccorso; trattare ferite da battaglia e malattie; fornire assistenza per i traumi in prima linea; assistenza medica continua, in assenza di un medico; e, monitorare la salute in corso delle truppe con cui stanno lavorando. Tutto ciò richiede un addestramento specializzato per agire con calma quando il letame colpisce il ventilatore.

Abbiamo fatto molta strada in oltre novecento anni nel trattamento della guerra ferita. I nostri specialisti sanitari (Combat Medics) fanno un lavoro fantastico nel mantenere i nostri uomini e donne, al servizio del nostro paese, vivi e in salute. La prossima volta che incontri uno di questi eroi sul campo di battaglia, dici "Ehi Doc, grazie."

Istruzioni Video: Virus Cina, Santelli: "Qui a Wuhan al mercato del pesce dove è iniziata l'epidemia" - videoreportage (Dicembre 2021).