Un canto natalizio
Lo spirito natalizio e Yule del dare è nell'aria. Noi del sito di letteratura horror di coffebreakblog.com vorremmo, ancora una volta, riflettere su una delle nostre storie di Natale preferite. No, non parlo di visioni di delicate prugne di zucchero né di renne dal naso rosso; anzi, nemmeno del misterioso pupazzo di neve che prende vita con l'aiuto del suo cappello magico per giocare con i bambini. È ancora tempo di discutere discutibilmente dell'epitome di una delle storie più celebri del passato di Natale, Un canto natalizio di Charles Dickens.

Anche se questo è un classico della letteratura natalizia (non lo dirò, Spirito, Dio ci mancherebbe), non ci rimetteremmo a meditare sul suo posto nel grande schema della letteratura horror. Nei suoi forti temi di redenzione e speranza attraverso Ebenezer Scrooge, altrimenti amareggiato e crudele, non dimentichiamo che la storia è, come direbbe Charles Dickens stesso, una storia di fantasmi. La spaventosità di Un canto natalizio è stato spazzato via dalla sua familiarità. Dobbiamo notare, tuttavia, che Scrooge decide di cambiare i suoi modi avari solo dopo essere stato costretto a subire un viaggio ultraterreno doloroso e terrificante nel suo passato, presente e futuro. Cosa potrebbe esserci di più orribile di quello?

Gli ovvi temi soprannaturali che potremmo prendere di mira in questo racconto di Natale sono gli stessi fantasmi. Jacob Marley, il socio in affari di Ebenezer, sembra a Paperone sette anni dopo la notte della sua morte (vigilia di Natale) per avvertirlo dell'imminente destino che deve affrontare se non cambia la sua natura odiosa ed egoista. Scrooge scopre presto che Marley è incatenato a un destino orribile: vagare per il mondo senza un senso di scopo e una serie di rimpianti a causa della natura odiosa del suo sé vivente. Eppure il vero orrore della storia sta nello stesso Paperone mentre viene rapito dai potenti spiriti del Natale e costretto ai suoi amari ricordi. Impariamo mentre la storia avanza che Scrooge non è sempre stato il mostro che è diventato; una volta era un uomo promettente e buono che si era corrotto e isolato dal suo desiderio di ricchezza materiale. Proveniente da un'infanzia severa, forse abusiva e cresciuto consumato dall'avidità, perde tutte le precedenti opportunità di amore, famiglia e felicità, corrompendo contro queste nozioni in particolare a Natale, una vacanza che è venuto a disprezzare. E presto si rende conto dell'effetto che ha su se stesso e su quelli che lo circondano.

Il racconto culmina quando Scrooge assiste agli orrori che circondano le immagini inquietanti di un morto non amato in compagnia del fantasma della morte del futuro di Natale, solo per imparare che (ATTENZIONE ... SPOILER!) È lo stesso Paperone che muore, ansimando il suo ultimo, solo, senza che nessuno potesse confortare o piangere la sua morte. C'è qualcosa in letteratura così presuntuoso come quando Scrooge scopre il proprio nome sulla lapide desolata? Nella sua disperazione, nella sua paura del totale isolamento e per la mancanza di una buona influenza che ha creato, giura di diventare una persona capace di fare del bene.

Questa storia arriva a casa in molti modi. Chi non ha paura di morire da solo, della corruzione e della dannazione delle proprie anime? Eppure questa storia spettrale è più promettente di molte altre nel suo genere. Scrooge impara non solo il significato del dare a Natale, ma anche "onorare" il Natale nel suo cuore e "cercare di tenerlo tutto l'anno". Cogli l'occasione per andare direttamente alla fonte di una delle storie di Natale più popolari e adattate di tutti i tempi; se questa storia spettrale non tocca il vero significato del Natale, allora un vero e proprio humbug per te!

Istruzioni Video: Noccioline #28 - Il CANTO di NATALE di CHARLES DICKENS raccontato FACILE #ScuolaZoo (Settembre 2021).