Gli eventi catastrofici colpiscono la depressione
Vedere il dolore e la sofferenza degli altri non è mai una buona cosa, ma per chi soffre di depressione, vedere la catastrofica distruzione e morte in Giappone dopo il massiccio terremoto del 9,0 marzo dell'11 marzo 2011, può essere devastante. Poiché tutto ciò che guardiamo, ascoltiamo o leggiamo ci influenza, vedere le notizie sul terremoto, lo tsunami, il possibile crollo dei reattori nelle loro centrali nucleari e la possibile eruzione di un vulcano, è semplicemente travolgente. È difficile da capire.

È terrificante vedere cosa può succedere in pochi minuti o addirittura secondi. Quelle persone seguivano le loro routine quotidiane, credendo che avrebbero continuato a vivere per molti anni a venire. Stavano per lavorare, fare piani per la cena, innamorarsi, avere figli ... Stavano vivendo la propria vita, come tutti noi, e poi quella che doveva essere sembrata la fine del mondo.

Come malati di depressione, molti di noi si soffermano comunque sul "what if". Temiamo un incidente, la morte di persone care, tornado, terremoti, incidenti aerei, ecc. Non intendo pensieri fugaci, intendo focalizzarmi e soffermarmi su di loro. Ma quando accade qualcosa di simile alla carneficina in Giappone, inizia a sembrare che il destino sia dietro l'angolo. Siamo stressati e sopraffatti dalla paura. Tutte queste cose servono solo per ingrandire i nostri sintomi di depressione.

Vorrei che ci fosse una "pillola felice" magica per portare via tutti questi sentimenti orribili, ma non ce n'è uno. Queste sono cose che dobbiamo cercare di imparare a gestire. Coloro che soffrono di depressione di solito hanno scarse capacità di adattamento, il che aggrava il problema. Sebbene non ci siano "pillole per far fronte", un terapista autorizzato può aiutarti a imparare a far fronte a qualsiasi problema con cui stai cercando di far fronte, compresi i disastri naturali (o innaturali).

Quando succede qualcosa di così orribile, vogliamo conoscere i dettagli. È solo la natura umana. È come quando arriviamo a un incidente automobilistico. Siamo terribili per quello che è successo e speriamo che nessuno sia rimasto ferito, ma non possiamo fare a meno di fissare, cercando di vedere il più possibile. È lo stesso con terremoti, uragani e simili. Siamo attratti dalla copertura, ma pensa a come guardarla ti fa sentire. Prova a staccarti. Cerca di non guardare la copertura quasi senza sosta dell'evento. Più guardi, più interiorizzi ciò che provano le vittime. Sono particolarmente bravo a interiorizzare, il che significa che non posso guardare la copertura di esso o leggere su di esso senza piangere.

Cerca di distrarti facendo qualcosa che ti piace. Fai una passeggiata, guarda un bel film o incontra gli amici. Non è necessario soffrire ed evitare il godimento perché ci sono altri nel mondo che stanno soffrendo. Va bene ridere e divertirsi.

Dare soldi alla Croce Rossa, o ad altre organizzazioni che forniscono aiuti, non solo aiuterà coloro che stanno vivendo una perdita così grande, ma può anche ridurre i tuoi sentimenti di impotenza. Ti senti come se stessi facendo qualcosa per aiutare, il che è sempre una buona cosa.

Altrimenti, tutto ciò che possiamo fare è pregare. Pregare, indipendentemente dalla tua fede, è noto per rilasciare alti livelli di endorfine, che sono antidolorifici naturali. Pregare può aiutarti a sentirti meglio fisiologicamente a causa della corsa all'endorfina, ma anche in quanto le tue preghiere possono essere ancora più utili per coloro che soffrono rispetto a qualsiasi denaro o bene che potresti fornire. Non possiamo tutti dare soldi o saltare su una nave per andare ad aiutare, ma possiamo tutti pregare.

Istruzioni Video: Depressione e schizofrenia: quali le cause? (Gennaio 2022).